Quale patente serve per guidare un camper?

Vi siete mai chiesti quale patente serve per guidare un camper? La risposta non è unica perché possono servire patenti diverse in base al peso del veicolo

12 maggio 2022 - 20:01

Con la pandemia e i relativi rischi di contagio sono aumentate le persone che preferiscono viaggiare in camper per evitare i mezzi pubblici e altre situazioni di affollamento. Questa rinnovata ‘popolarità’ dei camper, o autocaravan come si dovrebbe più correttamente chiamarli, sta quindi producendo una schiera di potenziali nuovi camperisti che però, prima di mettersi alla guida, devono informarsi sul tipo di patente necessaria per condurre questi mezzi. Ma quale patente serve per guidare un camper? La risposta nelle prossime righe.

PATENTE PER CAMPER FINO A 3,5 T

Secondo il nostro Codice della Strada la patente richiesta per la guida di un camper può cambiare in base al peso del mezzo. Infatti non tutti i camper (o autocaravan) sono uguali ma si differenziano, anche di molto, per massa e dimensioni. Ad esempio se il veicolo ha una massa massima autorizzata inferiore alle 3,5 tonnellate la patente necessaria per il camper è la B. Può quindi guidare un camper di piccole e medie dimensioni chiunque sia in possesso della comune patente B, la stessa che permette di condurre le automobili, senza bisogno di integrazioni.

Per prendere la patente di categoria B bisogna aver compiuto 18 anni. Il documento vale 10 anni fino all’età di 50 anni, 5 anni tra i 50 e i 70 anni di età, 3 anni tra i 70 anni e gli 80 anni di età e 2 anni dopo gli 80 anni di età. A ogni scadenza bisogna procedere con il rinnovo patente.

Con la patente B, ribadiamo, si possono guidare autoveicoli la cui massa massima autorizzata non supera 3,5 t e progettati e costruiti per il trasporto di massimo 9 persone compreso il conducente. Ai veicoli di questa categoria può essere agganciato un rimorchio avente una massa massima autorizzata non superiore a 750 kg, oppure un rimorchio la cui massa massima autorizzata superi 750 kg, purché la massa massima autorizzata di tale combinazione non superi 4,250 t.

PATENTE PER CAMPER SOPRA 3,5 T

Se invece un camper supera le 3.5 tonnellate al conducente è richiesta quanto meno la patente C1, ossia l’abilitazione che consente di guidare camion, autocarri e veicoli per il trasporto merci con massa massima autorizzata fino a 7,5 tonnellate (anche trainanti un rimorchio leggero fino a 750 kg), su cui possono prendere posto non più di 8 persone oltre al conducente. La patente C1 permette quindi di guidare i modelli più grandi di autocaravan senza preoccuparsi di superare i limiti di peso imposti dalla normativa europea.

Per prendere la patente di categoria C1 bisogna aver compiuto 18 anni e aver già conseguito la patente B. Il documento vale 5 anni fino all’età di 65 anni, dopo la durata è biennale ed è necessario ottenere uno specifico certificato da parte della Commissione medica locale.

L’estensione E della patente C1, o patente C1E, consente di guidare complessi di veicoli composti da una motrice della categoria C1 e da un rimorchio o semirimorchio di massa massima autorizzata superiore a 750 kg, purché la massa massima autorizzata del complesso non sia superiore a 12 t; oppure composti da una motrice della categoria B e da un rimorchio o semirimorchio di massa massima autorizzata superiore a 3,5 t, purché la massa massima autorizzata del complesso non sia superiore a 12 t. Qui maggiori informazioni su come prendere la patente C1. Ovviamente anche la patente di categoria superiore alla C1, la C, va bene per guidare i camper sopra 3,5 t (e senza avere il limite della massa massima autorizzata di 7,5 t, ma ben pochi modelli di camper superano questo peso).

PATENTE CAMPER PER I NEOPATENTATI

Anche i neopatentati possono guidare i camper? Sì ma a certe condizioni. Infatti i neopatentati sono soggetti ad alcune limitazioni dal Codice della Strada, che variano in base al tempo trascorso dal conseguimento della patente (entro uno o entro tre anni). I divieti sono connessi alla potenza del motore e ai limiti di velocità da rispettare e riguardano solamente le patenti A2, A,B1 e B. In particolare:

– nel primo anno dopo il conseguimento della patente la legge stabilisce che non è consentita la guida di autoveicoli aventi una potenza specifica, riferita alla tara, superiore a 55 kW/t. E nel caso di veicoli di categoria M1 (le autovetture fino a nove posti, ndr) si applica un ulteriore limite di potenza massima pari a 70 kW. Tuttavia dal 10 novembre 2021, a seguito di una modifica dell’art. 117 comma 2-bis Cds, un neopatentato può guidare un veicolo di qualunque potenza anche nel primo anno dal conseguimento della patente B, purché accompagnato da un conducente esperto (patentato da almeno 10 anni e con età non superiore a 65) che deve necessariamente sedersi al fianco del guidatore, facendogli da ‘istruttore’.

– nei primi tre anni dopo il conseguimento della patente i neopatentati non possono andare oltre i 100 km/h in autostrada e oltre i 90 km/h sulle strade extraurbane principali.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Costo passaggio di proprietà auto

Costo passaggio di proprietà auto 2023: importo e calcolo

Ansia alla guida: perché mettersi al volante può spaventare?

Fringe benefit 2022 tabelle ACI

Auto aziendale: chi può scaricare l’Iva?