Denuncia di un sinistro

Denuncia di un sinistro: quando si può ritirare

A proposito della denuncia di un sinistro stradale: si può ritirare dopo averla già inoltrata alla propria compagnia di assicurazione?

30 settembre 2020 - 16:00

Quando si verifica un sinistro stradale i conducenti coinvolti, a prescindere dalle responsabilità, hanno l’obbligo di denunciare il fatto alla propria assicurazione, rispettando la procedura e i termini previsti per legge. L’obbligo ricorre anche in caso di incidente di lieve entità oppure senza il coinvolgimento di altri mezzi. Ciò non toglie che la denuncia di un sinistro si possa in seguito ritirare, vediamo come e quando.

COME FARE LA DENUNCIA DI UN SINISTRO STRADALE

La denuncia di un sinistro stradale all’assicurazione dev’essere fatta tassativamente entro tre giorni da quello in cui si è verificato l’incidente o l’assicurato ne ha avuta conoscenza, servendosi preferibilmente del modulo CAI (blu). Il termine dei tre giorni non si applica solo se la compagnia assicurativa ha partecipato direttamente alle operazioni di salvataggio o di constatazione del sinistro. La mancata o tardiva effettuazione della denuncia può comportare la perdita o comunque la riduzione dell’eventuale risarcimento, tuttavia affinché si verifichi questo scenario la compagnia deve dimostrare di aver subito un danno concreto a causa del comportamento omissivo del conducente.

QUANDO SI PUÒ RITIRARE LA DENUNCIA DI UN SINISTRO?

Come scritto all’inizio, nulla vieta che la denuncia di sinistro stradale si possa ritirare dopo averla presentata. La denuncia all’assicurazione non è infatti equiparabile a quella penale, che una volta sporta non può essere ritrattata (se riguarda reati perseguibili d’ufficio). Tuttavia la procedura non è così semplice. La denuncia andrebbe infatti ritirata quasi immediatamente, ossia prima che venga spedita alla sede legale della compagnia assicurativa. Altrimenti bisogna inviare una controdenuncia che privi di effetto la prima. In altri termini occorre muoversi prima che la pratica si metta in moto, poi diventa tutto più complicato.

PERCHÉ RITIRARE LA DENUNCIA DI UN SINISTRO STRADALE

A questo punto qualcuno potrebbe chiedersi perché mai si dovrebbe ritirare la denuncia di un sinistro stradale. In realtà si tratta di una circostanza che capita non di rado. Capita infatti che dopo aver allertato la compagnia di assicurazione gli automobilisti coinvolti, ragionando a mente fredda, facciano dietrofront preferendo ‘risolversela tra di loro’ con una modica spesa presso una carrozzeria di fiducia, senza il rischio di vedersi alzare la classe di merito. Inoltre la sovente applicazione di franchigie e scoperti nei contratti RC auto rende spesso poco convenienti le richieste di risarcimento per danni molto lievi. In casi come questi quando si comunica all’assicurazione di voler ritirare la denuncia, va dunque specificato che la situazione si è risolta diversamente tramite accordo bonario tra le parti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto per disabili

Sedile auto girevole per disabili: funzionamento, prezzi e incentivi

ASR off: quando è utile disattivare l’antipattinamento?

Incidenti stradali 2019 morti Europa

Rinuncia alla rivalsa: cos’è e come funziona