Assicurazione auto storiche

Assicurazione auto storiche: come funziona e vantaggi

Per i collezionisti e per gli amatori vediamo quali sono le caratteristiche principali dell'assicurazione auto storiche: come funziona e quali sono gli eventuali vantaggi

29 novembre 2019 - 11:58

In Italia, paese in cui sono sorti alcuni tra i marchi più prestigiosi del panorama automobilistico, il fenomeno delle auto storiche e d’epoca coinvolge numerosissimi appassionati in tutte le regioni dello stivale, da nord a sud. Si stimano infatti almeno 200 mila collezionisti o semplici amatori di vetture storiche, che spesso si ritrovano per mostrare i loro ‘gioielli’ in occasione di raduni ed eventi. Ovviamente tali ‘gioielli’ meritano di essere salvaguardati con estrema cura. E infatti sul mercato circolano diverse polizze di assicurazione auto storiche pensate per i rischi specifici di questo tipo di vetture, spesso proposte a costi inferiori rispetto alle polizze RC auto standard.

AUTO STORICHE E AUTO D’EPOCA

Innanzitutto va tenuta ben presente la differenza tra auto storiche e auto d’epoca, delineata dall’articolo 60 del Codice della Strada. Le auto d’epoca sono quelle cancellate dal P.R.A. perché destinate alla loro conservazione in musei o locali pubblici e privati, e la loro circolazione su strada può essere consentita soltanto in occasione di apposite manifestazioni o raduni autorizzati, dietro speciale permesso rilasciato dal competente ufficio del Dipartimento per i trasporti terrestri. I veicoli di interesse storico sono invece quelli cui viene riconosciuta una rilevanza storica o collezionistica certificata, e possono circolare regolarmente su strada purché risultino conformi alle norme del CdS. Per ottenere il certificato di rilevanza storica è necessario che tali vetture siano iscritte in uno dei registri dell’Automotoclub Storico Italiano (ASI), siano trascorsi almeno 20 anni dalla data di costruzione e abbiano conservato le caratteristiche di fabbricazione originale.

FOCUS SULL’ASSICURAZIONE AUTO STORICHE

Fatta questa distinzione, focalizziamo le nostre attenzioni principalmente sull’assicurazione delle auto storiche. Come probabilmente già saprete questa particolare categoria di vetture beneficia di alcuni privilegi. A cominciare dall’esenzione del bollo auto storiche, riservato però solo alle auto ultratrentennali non adibite a uso professionale, mentre quelle con età da 20 a 29 anni usufruiscono di una riduzione del 50% se in possesso del certificato di rilevanza storica riportato sulla carta di circolazione. Le assicurazioni per auto storiche coprono i danni involontariamente causati a terzi dalla circolazione del veicolo storico assicurato, con la possibilità di aggiungere numerose garanzie come furto e incendio, kasko collisione, atti vandalici, cristalli, guasti parziali, infortuni del conducente, assistenza in viaggio e altri ancora. Le garanzie aggiuntive che proteggono i veicoli storici da eventuali danni sono decisamente necessarie, dato il valore economico e affettivo dei mezzi in questione.

COME FUNZIONA L’ASSICURAZIONE AUTO STORICHE

L’assicurazione delle auto storiche si differenzia dalla RC auto delle normali autovetture per alcuni aspetti. C’è per esempio un limite minimo di età per l’intestatario della polizza, che si attesta di solito a tra i 21 e i 23 anni; si opta quasi sempre per la formula di guida libera, estendendo la protezione anche se il conducente è diverso dall’intestatario della polizza; non è previsto il Bonus Malus (si considera una classe di merito fissa), circostanza che comporta un notevole risparmio sul premio annuo, anche del 30%. Per assicurare un’auto storica come tale, le compagnie richiedono ovviamente copia del certificato di rilevanza storica rilasciato dall’ASI (con cui spesso hanno una convenzione). Inoltre la maggior parte riserva la tariffa agevolata solo ai veicoli aventi data di costruzione o di prima immatricolazione superiore a 30 anni. Questa però non è una regola fissa poiché ogni compagnia può stabilire parametri diversi.

ASSICURAZIONE AUTO STORICHE PER COLLEZIONISTI

C’è poi un ulteriore vantaggio nella sottoscrizione dell’assicurazione auto storiche che riguarda principalmente i collezionisti. Ci sono infatti diverse compagnie che con un unico contratto permettono di assicurare più di un veicolo storico con la garanzia RC Auto, a condizioni molto vantaggiose per tutti quelli oltre il primo. Quindi chi possiede per esempio quattro o cinque auto storiche può coprirle con la stessa polizza cumulativa, risparmiando notevolmente sul premio.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

risarcimento in forma specifica rc auto

Il risarcimento in forma specifica nell’assicurazione RC auto

RC auto familiare: lo sconto famiglia costerà caro agli automobilisti?

Incidente tra familiari

Incidente tra familiari, in quali casi l’assicurazione non paga