Asta auto online: quando si può recedere dall’acquisto

L’acquisto nell’ambito di una asta auto online è definitivo oppure no? L’acquirente conserva la possibilità di recedere dalla decisione?

25 agosto 2022 - 15:00

Non c’è dubbio che partecipare a una asta auto online presenti dei rischi. O meglio, il livello di garanzia per chi si aggiudica il veicolo è certamente inferiore rispetto a quello assicurato per chi si affida ai canali tradizionali della compravendita. In qualche modo è il gioco delle parti in quanto la possibilità di acquistare una o più vetture a un prezzo concorrenziale è bilanciato dai rischi che bisogna assumersi. Intendiamoci, non è affatto detto che l’auto acquistata nell’ambito di una asta online presenti guasti o difetti. Tutt’altro, anche nel contesto B2B. Tuttavia le certezze su cui il compratore può fare affidamento sono inferiori. Ecco quindi che diventa interessante comprendere come e quando si può recedere dall’acquisto effettuato in una asta auto online. Ben ricordando che esistono due tipi di formule: all’incanto o senza incanto. Entriamo quindi nei particolari per comprendere il funzionamento.

ASTA AUTO ONLINE: A QUALE TIPOLOGIA PARTECIPARE?

C’è una distinzione di base di cui tenere conto quando si parla di una asta auto online. Si tratta di quella tra asta all’incanto e asta senza incanto. La differenza è di fondamentale importanza perché incide sulle modalità del funzionamento della procedura e dunque dell’aggiudicazione del veicolo. L’asta auto online all’incanto consiste in una vera e propria gara al rialzo. In estrema sintesi, il mezzo finisce nelle mani di chi presenta l’offerta economicamente più conveniente. Ma con una precisazione: il banditore stabilisce (o meglio, comunica) la base d’asta prima dell’avvio della gara. Non è altro che il prezzo minimo di vendita per aggiudicarsi l’auto. Cambia la modalità di presentazione dell’offerta nel caso di un’asta senza incanto. I partecipanti depositano infatti la propria proposta economica in busta chiusa. Solo all’apertura di tutte le offerte si scopre chi si è aggiudicato l’auto, con tanto di indicazione della modalità di pagamento e della data di consegna. Come vedremo nel paragrafo successivo, le regole sul recesso dall’acquisto del mezzo sono però comuni.

QUANDO SI PUÒ RECEDERE DALL’ACQUISTO DA UNA ASTA AUTO ONLINE

Rispetto a questo contesto, i margini di manovra per l’acquirente che partecipa a una asta auto online sono piuttosto limitati. La questione del recesso ruota infatti intorno alla garanzia. Sui veicoli aggiudicati attraverso questa procedura non è previsto alcun tipo di assicurazione. Poco conta che l’asta sia stata organizzata con o senza incanto. Detto in altri termini, qualunque siano le condizioni del mezzo, l’aggiudicatario ne diventa proprietario. Detto ancora più chiaramente, non può recedere dall’acquisto effettuato attraverso un’asta auto online. Non lo può fare neanche se, una volta salito a bordo e messo in moto il veicolo, dovessero saltare fuori problemi di vario tipo. I costi per la riparazione, qualunque essi siano, sono a carico dell’aggiudicatario. Insomma, imprevisti e malfunzionamenti sono dietro l’angolo e di conseguenza occorre partecipare a una asta auto online con questa consapevolezza. Indispensabile anche nel caso in cui c’è di mezzo il rinnovo di una flotta aziendale e dunque la partecipazione avviene nel più elaborato ambito B2B.

ATTENZIONE ALLA REGOLE PER LA PARTECIPAZIONE A UNA ASTA AUTO ONLINE

Ben sapendo come non sia possibile recedere dall’acquisto nel contesto di una asta auto online in quanto vale di fatto la regola del “vista e piaciuta”, è utile capire da dove nascono le incertezze. La ragione è molto semplice. I veicoli che finiscono all’asta sono spesso e volentieri il risultato di procedure di pignoramenti e sequestri così come di fallimenti. Sebbene il Ministero della Giustizia pubblichi e aggiorni una pagina web con la lista dei siti autorizzati a organizzare le aste online, l’imprevedibilità è un fattore di cui tenere conto. Può infatti capitare di imbattersi in auto in buone condizioni, se non ottimali, così come in veicoli che hanno evidenti necessità di manutenzione. Certo, non mancano le possibilità di fare veri affari così come di trovare auto d’epoca, ma l’attenzione deve essere sempre massima. Non dimentichiamo infatti un altro importante passaggio procedurale. Chi è interessato a partecipare a una asta auto online non può effettuare alcuna ispezione. E né allo stesso tempo fare un giro di prova per testarne le condizioni.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Constatazione amichevole: quando sono obbligatori i testimoni?

Mercato Aftermarket: +13.6% nel primo semestre 2022

Call Center Case auto e Aftermarket: i più bravi del 2022