Renault Espace Intens 1.6 dCi 160 CV EDC 4CONTROL: prova su strada approfondita

Comoda, spaziosa e dal design moderno si fa apprezzare per le 4 ruote sterzanti la possibilità di cambiarne l'indole grazie al sistema Multi-Sense

24 dicembre 2015 - 12:30

L'Espace è la maxi-monovolume di Renault. Introdotta nel 1984, nonostante una tiepida accoglienza del mercato nei primi mesi di produzione, l'Espace si conquistò pian piano spazio fino a diventare, tra la fine degli anni '80 e gli inizi degli anni '90, un vero e proprio oggetto del desiderio di molte famiglie (quasi sempre, a dire il vero, non particolarmente numerose) lanciando così la moda delle monovolume moderne. Giunta ormai alla quinta generazione, per venire incontro ai gusti del mercato, la nuova Espace mostra un'estetica più da crossover che da monovolume con linee tese, nervature sul cofano e tetto più basso rispetto alle versioni precedenti; il frontale è ora in linea con il design della produzione di casa Renault. Dal punto di vista delle motorizzazioni è presente un 1.6 Turbobenzina TCe da 200 CV con cambio robotizzato a doppia frizione EDC oppure il 1.6 Diesel dCi da 130 o 160 CV disponibile anch'esso con EDC; è possibile poi scegliere l'optional, tecnicamente molto interessante, delle quattro ruote sterzanti 4CONTROL. La versione in prova è dotata proprio di questo sistema insieme che insieme al sistema Multi-Sense permette di selezionare diverse modalità di guida; la motorizzazione che abbiamo scelto è quella che con mole probabilità sarà quella più venduta vale a dira la 1.6 dCi da 160 CV con cambio EDC.

IN OFFICINA – La nuova Espace è lunga 4 metri e 86 centimetri, larga 1 metro e 89 centimetri (2 metri e 12 con i retrovisori aperti) e alta un metro e 67 centimetri; il bagliaio è pari a 247 litri utilizzando la terza fila. Le sospensioni anteriori sono di tipo McPherson mentre le posteriori sono a ruote interconnesse con un attuatore centrale di tipo elettrico che agendo su due bielle permette alle ruote posteriori di girare. Il sistema, in breve, funziona così: il segnale proveniente dal sensore di sterzo e facente capo alla centralina ESP viene inviato, tramite linea CAN, al modulo di controllo delle ruote posteriori che tenendo conto sia della velocità del veicolo sia della velocità delle singole ruote impartisce all'attuatore elettrico un comando per far girare le ruote in maniera opportuna. Per velocità al di sotto dei 60 km/h la sterzatura avviene in controfase (fino a 3,5°) e di conseguenza il raggio di curvatura diminuisce, sopra i 60 Km/h le ruote posteriori vengono sterzate fino a 2° in fase con le ruote anteriori riducendo così l'angolo di imbardata e aumentando la stabilità del veicolo. Gli ammortizzatori sono a controllo elettronico per adattarsi all'assetto di guida scelto dal conducente tramite il sistema Multi-Sense che permette di selezionare e personalizzare diversi stili di guida (Eco, Comfort, Normal, Sport e Perso). Il motore è un 4 cilindri common-rail di 1598 cm³ (codice R9M) è un'unità molto recente ed eroga 160 CV. Il manuale di istruzioni per l'utente è dettagliato e di buona grafica. Tagliandi di manutenzione programmata ogni 30 mila km o 1 anno.

INTERNI – Molto moderna la plancia con il tablet da 8,7″ in posizione verticale a farla da padrone; ai suoi lati troviamo due bocchette di aerazione. Nella parte centrale troviamo i comandi fisici per la climatizzazione (le regolazioni avanzate sono da effettuarsi tramite il tablet) e più in basso i comandi per attivare l'hazard (poco visibile), la funzione di parcheggio automatico (anche a spina) e il riscaldamento dei sedili. Sul tunnel centrale, a due piani, troviamo la leva del cambio automatico dalla forma particolare, i comandi fisici per il sistema R-Link2 e i comandi del freno di stazionamento elettrico e per l'attivazione del cruise-control; presente un piccolo vano portaoggetti con prese Aux-in, USB e per SD Card. Nel piano inferiore troviamo i portabicchieri e le prese a 12V. Il vano portaoggetti è di tipo a cassetto con apertura motorizzata. Per quanto riguarda il posto guida le regolazioni del sedile, con massaggio, sono di tipo elettrico. Il quadro strumenti complrende temperatura liquido raffreddamento a destra e inndicatore livello carburante a destra. Al centro il display a colori TFT può funzionare sia da contagiri sia da tachimetro in base alle scelte operate sul sistema Multi-Sense dal guidatore presenti i comandi al volante per regolatore di velocità adattivo e l'Head-Up display che permette di leggere le informazioni più importanti senza distogliere lo sguardo dalla strada.

SU STRADA – La visibilità è buona grazie alla ampie superfici vetrate, in retromarcia vengono in aiuto i sensori di parcheggio, la telecamera e gli specchi molto ampi. Su strada la nuova Espace si caratterizza per un'ottima tenuta di strada ed un buon comfort complessivo. Il rollio è il beccheggio sono presenti in maniera avvertibile ma rimangono accettabili: possono essere ridotti quasi del  tutto tramite il sistema Multi-Sense andando a selezionare la modalità sport che irrigidisce gli ammortizzatori a controllo elettronico. Ottima la stabilità soprattutto nei repentini cambi di direzione. Il motore ha un'erogazione molto fluida e, grazie anche alla trasmissione a doppia frizione, davvero molto buona, rende la vettura adatta ad una guida in souplesse. La frenata è nel complesso buona: la corsa del pedale è abbastanza corta e la modulabilità della frenata è molto buona così come la potenza. Lo sterzo è molto diretto ma non è molto progressivo nei curvoni ad alta velocità. Per quanto riguarda invece l'utilizzo cittadino la maneggevolezza è buona tant'è che sembra di guidare una vettura dagli ingombri molto più contenuti. Per quanto riguarda i consumi abbiamo rilevato un consumo medio di 6,8 litri/100 km mentre in città il consumo si è attestato sugli 7,8 litri/100 km. Abbiamo rilevato qualche scricchiolìo di troppo proveniente dal tetto panoramico quando si affrontano le sconnessioni.

INFOTAINMENT – La nuova Espace è dotata del sistema multimediale R-Link 2 con display da 8,7″, comandi vocali e fisici tramite l'apposita manopola sul tunnel centrale e, per quanto riguarda audio e telefono, il satellite alla destra del volante. Le connessioni sono composte da 4 porte USB (2 anteriori e 2 posteriori, solo per la ricarica, 2 prese jack, 3 prese 12 V e 1 slot per SD Card. Per quanto riguarda la navigazione il sistema è su base TomTom 3D con TomTom Traffic. È possibile scaricare diverse App e servizi tramite R-Link Store ed è possibile personalizzare la homepage con le applicazioni preferite e creare fino a 6 profili per memorizzare le impostazioni di guida e le preferenze del sistema Multi-Sense. Per quanto riguarda la qualità audio la valutazione complessiva è buona sia con la radio sia con gli MP3: manca il lettore CD (optional a 1000 Euro il lettore DVD con due monitor). Molto buona infine la qualità audio con il bluetooth e facile la connessione del telefono (Abbiamo utilizzato un Samsung S3 Neo)

SICUREZZA – La nuova Espace ha ottenuto le 5 stelle secondo il nuovo standard Euro NCAP. La dotazione di sicurezza passiva comprende airbag frontali, laterali testa-torace e a tendina, cinture di sicurezza con pretensionatori e limitatore di carico (anche per i sedili posteriori, poggiatesta anti-colpo di frusta e 3 attacchi Isofix per i seggiolini dei bambini. Per quanto riguarda i sistemi di sicurezza attiva l'Espace è dotata di Visio System che è composto da 3 dispositivi: riconoscimento della segnaletica stradale con allerta superamento limite, avviso di superamento della linea di carreggiata e commutazione automatica degli anabbaglianti/abbaglianti. Il Pack Advanced Safety invece interviene in caso di situazioni rischiose attivando l'avviso di distanza di sicurezza oppure attivando la funzione di frenata attiva d'emergenza in seguito al rilevamento di un rischio di collisione nel caso in cui il guidatore freni in maniera insufficiente (AEB). Completa il panorama l'ESC.

CONCLUSIONI – La nuova Espace parte da 33 mila 300 Euro in allestimento ZEN. Per l'allestimento INTENS il prezzo di partenza è di 36 mila 900 Euro che diventano 45 mila 950 Euro con gli optional presenti, vale a dire clima addizionale sedili posteriori (600 Euro), Pack Cruising (850 Euro), Pack City (750 Euro), Renault Multi-Sense 4CONTROL (1900 Euro, bisogna aggiungere obbligatoriamente i cerchi da 19″ al prezzo di 300 Euro), Bose Sound System (850 Euro), tendine parasole seconda fila 100 Euro, tetto panoramico elettrico (1200 Euro), terza fila di sedili (900 Euro), sedili anteriori riscaldabili (500 Euro) oltre già citato cambio automatico EDC accoppiato al Diesel da 160 CV. La Nuova Espace è una vettura molto interessante e versatile ed ha dalla sua un buon contenuto tecnologico: è una valida alternativa alle wagon e ai crossover più blasonati ed è un prodotto interessante anche per chi possiede una partita I.V.A.

PRO

  • Consumi contenuti e prestazioni brillanti in relazione alla mole della vettura
  • Abitacolo modulare e spazioso
  • Buon comportamento su strada

CONTRO

  • Prezzo della vettura in prova importante (sfora la soglia psicologica dei 45 mila Euro)

SicurAUTO.it ringrazia l'officina Antares di Roma per la cortese collaborazione

    Commenta per primo