Ammortizzatori auto: i test dinamici su guida e sicurezza

Gli ammortizzatori auto scarichi non peggiorano solo il comfort ma anche la frenata e la sicurezza: ecco perché “danneggiano” anche i sistemi ABS ed ESP

29 luglio 2021 - 7:55

Quando si parla di ammortizzatori auto spesso e volentieri si fa confusione con le sospensioni, anche tra gli addetti ai lavori. Vuoi scoprire quali sono le differenze tra sospensione e ammortizzatore? Non perderti il video qui sotto e le altre pillole formative per ricambisti, autoriparatori e automobilisti in cui SicurAUTO.it in qualità di Monroe Brand Ambassador spiega tutti i segreti delle tecnologie Monroe e i trucchi sulla manutenzione degli ammortizzatori auto. Puoi sapere finalmente cambia tra sospensioni e ammortizzatori e perché gli ammortizzatori usurati non riducono solo il comfort, ma anche la sicurezza di guida.

AMMORTIZZATORI E SOSPENSIONI AUTO: COSA CAMBIA

Ammortizzatori e sospensioni, sono componenti distinte che lavorano insieme ma con funzioni molto diverse:

– Gli ammortizzatori filtrano i colpi che riceve la sospensione e assicurano che le ruote siano sempre aderenti alla strada;

– Le sospensioni sono formate dagli ammortizzatori, dalle molle altrettanto importanti come spiega questo video, dai bracci oscillanti e altri collegamenti mobili. Hanno il compito di collegare la ruota, che è appoggiata a terra, al telaio, che invece è sospeso e durante la guida è soggetto a varie forze. Quelle che noti più spesso provocano il rollio laterale nelle curve e il beccheggio in accelerazione e frenata.

Quindi le sospensioni hanno principalmente il compito di sostenere l’auto e neutralizzare le irregolarità più grandi. Mentre gli ammortizzatori, se efficienti, assicurano il comfort e la sicurezza di guida e sono responsabili della stabilità dell’auto, poiché contrastano i trasferimenti di carico quando guidiamo. In questo modo gli pneumatici hanno sempre l’aderenza ottimale e il conducente ha il controllo dell’auto in accelerazione, in frenata, in curva ed in caso di sterzata improvvisa.

CON GLI AMMORITZZATORI SCARICHI ANCHE LA FRENATA SI ALLUNGA

Uno dei sintomi più evidenti degli ammortizzatori usurati è l’allungamento della frenata. Se la tua auto sembra non frenare immediatamente quando premi il freno fai verificare gli ammortizzatori o esegui questi controlli per testare l’usura degli ammortizzatori. Nei test di frenata da 50 km/h effettuati da Monroe un’auto con ammortizzatori usurati frena circa 2,6 metri dopo rispetto ad una con ammortizzatori nuovi. Questo allungamento avviene perché ad ogni frenata c’è un trasferimento di carico all’anteriore, che aumenta di molto se gli ammortizzatori sono scarichi. Nel video qui sopra puoi capire meglio come questa forza spinge l’auto in avanti mentre tu cerchi di frenare.

PERCHE’ GLI AMMORTIZZATORI USURATI DANNEGGIANO ANCHE GLI PNEUMATICI

Quando gli ammortizzatori sono usurati puoi accorgerti che anche il consumo degli pneumatici aumenta ed è irregolare, soprattutto alle ruote anteriori. È sempre una conseguenza delle sollecitazioni trasversali extra sulle gomme, causate dal cattivo funzionamento degli ammortizzatori “scarichi”. Ma non solo, anche un’auto premium diventa difficile e pericolosa da guidare con gli ammortizzatori scarichi poiché influenzano anche i sistemi di sicurezza attiva dell’auto. I sensori di ABS ed ESP, ad esempio, leggono in tempo reale il numero di giri ruota. Se la ruota saltella a causa degli ammortizzatori usurati, non trasmette il numero esatto di giri che compie e quindi compromette il corretto funzionamento e l’intervento dei sistemi di sicurezza. Purtroppo il deterioramento degli ammortizzatori è progressivo, quindi difficile da percepire se guidi la stessa auto tutti i giorni. Ecco perché è fondamentale controllare gli ammortizzatori ogni 20 mila km e farli sostituire ogni 80 mila.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Servadei, Autopromotec: “il report di SicurAUTO.it mi ha sorpreso”

La classifica dei maggiori produttori di gomme 2022 per fatturato

Manutenzione auto: al Sud l’82% dei clienti si rivolge all’IAM