Ammortizzatori scarichi: di quanto si allunga la frenata?

Gli ammortizzatori scarichi peggiorano la frenata e la sicurezza: ecco perché gli ammortizzatori usurati fanno male anche ad ABS, ESC e TCS

27 novembre 2019 - 13:50

Perché è importante cambiare gli ammortizzatori scarichi? A prescindere dalle differenze tra i vari ammortizzatori, abbiamo visto che la sospensione è collegata all’auto da un complesso di molle e ammortizzatori. Prima di vedere come controllare se gli ammortizzatori sono scarichi, bisogna smentire alcuni miti sugli ammortizzatori. Una delle convinzioni più radicate è che gli ammortizzatori siano responsabili solo del comfort. Si crede poi che con gli ammortizzatori scarichi si possa continuare a guidare senza alcun pericolo. Cosa succede se non si cambiano gli ammortizzatoriNel video qui sotto Thomas Sebulke, Managing Director dello stabilimento Sachs a Lezama, ci spiega perché è importante cambiare gli ammortizzatori quando sono “scarichi”.

AMMORTIZZATORI SCARICHI: IL TEST DELLA VERITA’

Gli ammortizzatori riducono le vibrazioni nella molla di sospensione, rallentandola e riducendo così il movimento dell’auto. Da questo si capisce come ogni reazione dinamica dell’auto sia filtrata dagli ammortizzatori. Quando l’auto inizia ad usurarsi e con essa anche gli ammortizzatori, non si fa caso al progressivo degrado delle prestazioni degli ammortizzatori. E’ il motivo per cui il 14% delle auto circolanti in Germania – secondo ZF Aftermarket – ha almeno un ammortizzatore da sostituire. Sapevi che guidare un’auto con ammortizzatori scarichi comporta anche una frenata molto più lunga? E’ tutto legato al funzionamento sinergico di molle e ammortizzatori. Non serve troppa immaginazione per sapere cosa succede quando si guida un’auto con ammortizzatori scarichi: l’auto ondeggia, ha meno aderenza e frena molto dopo. E’ quanto emerge dai test di confronto tra un’auto con ammortizzatori nuovi e una identica con ammortizzatori da cambiare.

FRENARE CON AMMORTIZZATORI SCARICHI

Guidare un’auto con ammortizzatori scarichi allunga la frenata di circa 6,1 metri in più da 80 km/h a 0 su asciutto rispetto a un’auto efficiente. Questo perché l’inerzia dell’auto non è contrastata efficacemente dalle sole molle. I freni provano a rallentare l’auto ma l’effetto della “picchiata” abbassa il muso in modo incontrollabile. In una frenata di emergenza quindi il centro di massa si sposta in avanti e l’auto fatica molto di più a rallentare. Altro effetto degli ammortizzatori scarichi è la riduzione dell’aderenza al suolo: le ruote tendono facilmente a rimbalzare sulle molle. Magari in città queste situazioni precarie di guida possono manifestarsi poco. Ma in autostrada o strada extraurbana evitare un’auto in panne o un animale diventa molto difficile: l’auto risponde con ritardo alle sterzate del guidatore.

I SISTEMI DI SICUREZZA LAVORANO CON GLI AMMORTIZZATORI

Ultimo ma non meno importante è l’effetto che degli ammortizzatori scarichi hanno sui sistemi di sicurezza attiva. Se un’auto ha le sospensioni scariche può ridurre sensibilmente l’efficacia dell’ESC, dell’ABS e del TCS. Tutti sistemi che leggono continuamente il numero di giri di ogni ruota e lo confrontano con tanti altri parametri “dinamici”. Uno tra i più importanti è proprio l’accelerazione trasversale e longitudinale dell’auto. Un’auto con ammortizzatori da sostituire influenza sia i giri delle ruote (quando la ruota perde contatto con la strada) sia i parametri dinamici del veicolo. Ora che abbiamo capito quanto sono importanti per la sicurezza, vediamo come capire se gli ammortizzatori sono scarichi e da cambiare.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto connesse liberalizzate: la proposta di legge dei produttori aftermarket

Ammortizzatori a gas e ad olio: consigli e differenze

Ammortizzatori rumorosi: come controllare se sono scarichi