Spazzole tergicristalli usurate: rigenerarle o sostituirle?

L'usura dei tergicristalli è il campanello d'allarme che suona ad ogni autunno. Abbiamo provato a rigenerarli con il Wiper Wizard ed ecco com'è andata

20 gennaio 2022 - 15:00

Le spazzole dei tergicristalli, un po’ come le batterie auto, sono gli accessori tanto utili per la sicurezza quanto dimenticati. Quando le spazzole inefficienti si fanno sentire con i classici “stridii” saltellando sul parabrezza, ci si accorge che è il momento di cambiare i tergicristalli. E se, invece di spendere soldi in spazzole nuove, provassimo a rigenerare i tergicristalli? A rigor di logica è la gomma a non pulire mica tutto il tergicristalli. Ci abbiamo provato ed ecco com’è andata con uno degli accessori auto in vendita online.

Aggiornamento del 20 gennaio 2022: con contenuti più attuali

RIGENERARE I TERGICRISTALLI: IL SOLITO MIRACOLO?

In un periodo di bilanci fortemente in crisi, la corsa al risparmio è quantomeno doverosa ma bisogna prestare molta attenzione a non lesinare sulla sicurezza stradale. Per questo motivo abbiamo messo alla prova il Wiper Wizard che promette di rigenerare le spazzole tergicristalli. Il prodotto molto diffuso negli USA si annuncia come “scientificamente creato con microcristalli che smussano i bordi irregolari causanti le righe in ogni tipo di tergicristalli”. Attratti dal miraggio di un risparmio duraturo nel tempo acquistiamo il prodotto a poco meno di 10 euro (spedizione esclusa). Sarà la soluzione definitiva all’usura dei tergicristalli oppure è il  solito spot ingannevole come per le penne ripara graffi, che abbiamo già provato?

TERGICRISTALLI USUARTI: PERCHE’ SALTELLANO?

Prima di lanciarsi in decisioni affrettate, una veloce e semplice analisi sull’usura dei tergicristalli da rigenerare chiarirà più di ogni spot quale potrebbe essere la soluzione  alla scarsa pulizia del parabrezza. L’ultima chance che si concede a ogni tergicristallo prima della sostituzione è un’accurata pulizia con detergente. Nel caso non fosse risolutiva la rimozione dello sporco, l’inefficacia dei tergicristalli si può addebitare a molteplici cause:

– Profilo scabro, crepato o strappato;

– Gomma indurita per effetto dei raggi UV;

– Profilo non lineare e con un andamento ondulatorio;

– Gommino piegato nella posizione di riposo a fine battuta che l’ha costretto su un lato.

Una spazzola affetta da uno dei malanni appena citati non è da ritenersi sicura e va subito rimpiazzata scegliendo tra i migliori tergicristalli.

WIPER WIZARD: COME RIGENERARE LE SPAZZOLE TERGICRISTALLI

Aprendo la confezione ci si accorge subito della cura dedicata alle semplici e chiare istruzioni (anche in italiano). L’aggeggio per la rigenerazione delle spazzole è corredato da 5 piccoli panni in microfibra per pulire i profili dopo il trattamento. Il Wiper Wizard a una prima occhiata trasmette solidità, complice il corpo in lega leggera. Le dimensioni generose (104x49x30 mm) agevolano molto l’impugnatura, ma oltre a favorirne lo scorrimento su e giù lungo la spazzola non nasconde alcuna scoperta. Due elementi abrasivi del tutto simili alle limette per unghie disposti su molle limano il profilo di gomma della spazzola. D’innovazione, frutto di studi scientifici, non sembra esserci segno evidente. Forse solo la consapevolezza di stringere qualcosa che pesa più della plastica dà l’illusione (per ora) di non aver dato via soldi inutilmente. Ma riuscirà a rigenerare i tergicristalli usurati?

IL TEST RIGENERAZIONE SPAZZOLE TERGICRISTALLI

Una coppia di spazzole Bosch del tipo tradizionale con più di due anni di usura e difficoltà di tergitura sono la cavia ideale per il nostro test. Qualche riga d’acqua semicircolare e molte in senso radiale sul vetro non sono alleviate da una profonda pulizia. Non ci resta che affidarci al Wiper Wizard prima di sostituire definitivamente i tergicristalli (o i gommini). Il binario laterale del rigenera tergicristalli, fa si che lo il profilo di gomma sia limato per circa mezzo millimetro ambo i lati lungo tutta la spazzola. Magari si potrebbe fare lo stesso con della carta abrasiva molto fine, ma con un’accuratezza limitata dalla flessibilità della gomma. Dopo aver sgrossato e rifinito le spazzole e ripulito la limatura di gomma, tiriamo le somme.

FUNZIONA, MA…

La prova di tergitura del parabrezza, con spazzole appena rigenerate, ha mostrato un lieve miglioramento dell’efficienza con la quasi totale assenza di righe d’acqua semicircolari. Ma il fastidioso saltellamento delle spazzole a vetro semi asciutto continuerà a essere lo scomodo compagno di viaggio nelle giornate uggiose. Le conclusioni (logiche), oltre che dal nostro test, provengono dal fatto che l’azione abrasiva del Wiper Wizard ha effetto solo sul profilo della lama, riportando alla luce uno strato di gomma meno ossidato e indurito e lasciando immutati i fianchi e quindi senza alcun rimedio contro gomma piegata. A convincerci totalmente dell’inutilità del prodotto è lo spessore di gomma asportata dal profilo che ne ridurrebbe l’altezza impedendo alla gomma di aderire all’elemento abrasivo: il tergicristallo non sarebbe più rigenerabile dopo qualche trattamento… altro che soluzione definitiva.

GOMMINI RICAMBIO TERGICRISTALLO INTROVABILI

Durante il nostro test ci siamo scontrati con la difficoltà a trovare i tradizionali gommini nei negozi di ricambi auto: un prodotto, forse, ormai eclissato dalla diffusa disponibilità di spazzole tergicristalli low cost. A conti fatti, l’acquisto di un kit di gommini Refill Tridon al prezzo di circa 11 euro o del rigenera spazzole Wiper Wizard (9,90 euro + spese di spedizione) funzionante ma inadeguato a ripristinare la totale efficienza dei tergicristalli invecchiati, è svantaggioso rispetto a una coppia di nuove spazzole tergicristalli di qualità al prezzo di circa poche decine di euro. Troviamo possa essere questa una soluzione più efficiente e sicura almeno per la stagione invernale.

1 commento

GIANNI
14:26, 22 novembre 2013

Ho rigenerato le spazzole tergicristallo semplicemente pulendo bene la gomma con petrolio bianco ora sono tornate nuove puliscono bene il vetro quelle che ho io non le ho mai cambiate sono le originali da quando ho comprato l auto nel 2007

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Euro NCAP: 11 auto a 5 stelle, migliorabili Puma, Touran e 408

Noleggio lungo termine

Noleggio a lungo termine privati: arriva l’assistente virtuale con IA

Olio motore: tutto quello che c’è da sapere su rabbocco e cambio