Vernice auto opaca: pro e contro di una finitura “capricciosa”

Vi spieghiamo perché la vernice auto opaca è così speciale, ma anche gli svantaggi di una finitura a cui dedicare le giuste attenzioni

11 gennaio 2022 - 11:05

La vernice auto opaca è il modo migliore per esaltare le forme della carrozzeria. Non a caso è anche il trucco utilizzato nei crash test per permettere alle telecamere ad altissima risoluzione di catturare tutti i dettagli possibili in ogni istante delle riprese. Come vi abbiamo mostrato nel crash test live al Centro Sicurezza Fiat, la vernice opaca a base d’acqua è applicata poco prima delle prove. La verniciatura auto opaca in fabbrica o in carrozzeria invece è un po’ più complessa. In questo approfondimento vediamo com’è fatta e quali sono i pro e i contro della finitura opaca della carrozzeria.

VERNICE AUTO OPACA: COSA CAMBIA

La vernice opaca ha la particolarità di essere poco brillante, un effetto dovuto al massimo assorbimento della luce. Quello che si definisce anche “effetto mat” non è solo un trucco visivo: l’effetto velluto delle auto con colori opachi si sente anche al tatto. Questa particolare caratteristica è dovuta alla presenza di particelle di silicato che creano dei micro pori, come spiegano i tecnici dell’Automobile Club Tedesco. Il processo per verniciare un’auto di colore opaco segue esattamente le stesse fasi della verniciatura tradizionale, solo con qualche attenzione in più e ovviamente un trasparente opacizzante specifico. Il vantaggio principale rispetto a una verniciatura lucida è sicuramente quello di non rischiare di perdere la lucentezza. Ma questo non basta per mettersi al riparo dagli svantaggi di una vernice auto opaca. Ecco come gestirli.

SVANTAGGI DI UNA VERNICIATURA OPACA “EFFETTO MAT”

Un’auto con verniciatura lucida risulta spenta e invecchiata a causa delle abrasioni che opacizzano e dei micro-graffi (swirl) nei lavaggi poco meticolosi. Un’auto con vernice opaca invece s’imbruttisce generalmente a causa di:

– colature di detergente o acqua lasciata asciugare;

– l’effetto abrasivo di un lavaggio inadatto che mostra zone della carrozzeria su cui la luce si riflette di più: l’auto sembra lucidata in alcune zone e opaca in altre;

COME LAVARE UN’AUTO CON VERNICE OPACA

Sono le due cause più frequenti di insoddisfazione che si possono evitare prendendosi cura dell’auto come per qualsiasi altra vernice. Tralasciamo i consigli basilari che riguardano la pulizia immediata di escrementi di uccello, non parcheggiare sotto alberi per evitare macchie di resina, etc., che valgono per qualsiasi vernice auto. I consigli degli esperti tedeschi per lavare correttamente un’auto con vernice opaca prevedono:

– E’ consigliabile utilizzare il lavaggio a mano o con idropulitrice.  “Le proprietà ottiche di una vernice opaca possono cambiare a causa di influenze meccaniche, ad esempio l’azione delle spazzole di un autolavaggio automatico o l’uso di detergenti con effetto abrasivo”;

– Evitare l’utilizzo di cere lucidanti. Secondo l’ADAC l’azione sigillante di molti prodotti di uso industriale può chiudere i pori della vernice opaca e alterare la finitura;

– Evitare di conseguenza l’uso di detergenti a base di polimeri e cere;

– L’uso di un panno o un guanto in microfibra è più delicato di una comune sugna per lavaggio auto;

Dopo il boom iniziale le Case auto hanno ridotto sempre di più la possibilità di personalizzare un’auto nuova con la vernice opaca: troppe lamentele dei clienti e una domanda che non giustifica l’offerta. Inoltre, la riparazione di un piccolo danno alla carrozzeria opaca richiede la verniciatura di un’area più estesa, a parità di danno rispetto a una verniciatura tradizionale lucida. Anche per questo motivo, si è diffuso sempre di più il car wrapping auto, approfondisci qui quanto costa e molte altre info su come cambiare colore all’auto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Euro NCAP: 11 auto a 5 stelle, migliorabili Puma, Touran e 408

Noleggio lungo termine

Noleggio a lungo termine privati: arriva l’assistente virtuale con IA

Olio motore: tutto quello che c’è da sapere su rabbocco e cambio