Spia pressione pneumatici: reset sensori TPMS ed info utili

Quando è necessario e come fare il reset sensori TMPS: vediamo cosa fare con la spia di avaria pressione pneumatici accesa

13 maggio 2020 - 13:43

Quando si accende la spia pressione pneumatici si pensa subito a come fare il reset sensori TPMS. Oggi parleremo delle situazioni in cui si può accendere la spia di bassa pressione per una gomma sgonfia e delle altre cause di avaria ai sensori TPMS. Vediamo quando è necessario fare un reset sensori TPMS e gli errori più diffusi con il sistema di monitoraggio della pressione.

SENSORI TPMS ATTIVI E PASSIVI

Da quando i sensori TPMS sono diventati obbligatori sulle auto di nuova omologazione (dal 1 novembre 2014) si sono moltiplicati anche i problemi alla spia pressione pneumatici accesa. Prima di parlare del reset sensori TPMS, è importante fare una distinzione tra TPMS passivi (che sfruttano i sensori ABS) e TPMS attivi (hanno un proprio sensore dedicato per ruota). I sensori di pressione pneumatici attivi sono senza dubbio più precisi, ma richiedono anche più attenzioni per evitare l’accensione della spia pressione pneumatici. Oggi ci focalizzeremo quindi sul reset dei sensori TPMS attivi e su cosa fare quando si accende la spia con cause e soluzioni più frequenti. Intanto bisogna dire che il reset sensori TPMS è diverso dall’inizializzazione. L’inizializzazione TPMS viene effettuata di norma in officina per programmare un nuovo sensore TPMS in caso di sostituzione o riparazione delle gomme o del sensore. Il reset dei sensori TPMS invece riguarda la pressione di gonfiaggio di riferimento e si può fare anche da soli, se è previsto.

RESET TPMS PER GOMME SGONFIE O SENSORI DANNEGGIATI

Quando si accende la spia di pressione pneumatici, l’errore più frequente è pensare subito a una foratura. In questi casi la cosa migliore da fare è rallentare, evitando manovre brusche e fermarsi in un posto sicuro per capire se c’è una gomma sgonfia o un problema ai sensori TMPS. L’accensione della spia TPMS fin dall’avviamento del motore può essere già un indizio che il problema potrebbe non essere nelle gomme. Prima di fare il reset dei sensori però bisogna essere certi che non ci siano pneumatici sgonfi o danneggiati.

CONTROLLO PRESSIONE GOMME PRIMA DEL RESET TPMS

Il reset sensori TPMS può essere necessario quando, dopo aver controllato la pressione delle gomme, non si rileva nessuna anomalia rispetto al valore consigliato dal Costruttore. Per essere certi di controllare correttamente le gomme, bisogna munirsi di un manometro affidabile (quelli nelle stazioni di rifornimento non sempre lo sono) e controllare le gomme a freddo. E’ parere diffuso tra i Costruttori auto definire sui libretti di uso, “fredde” le gomme di un’auto ferma all’ombra o che non ha percorso oltre 1,6 km nelle ultime 3 ore. Solitamente la pressione delle gomme consigliata si trova su una targhetta visibile aprendo lo sportello lato guida. Attenzione: se le gomme mostrano il corretto valore di pressione a caldo durante la guida, vuol dire evidentemente che a freddo erano sgonfie e si è accesa la spia TPMS. Meglio farle raffreddare e ripetere il controllo.

RESET SENSORI TPMS: QUANDO FARLO

Quando è necessario fare il reset sensori TPMS? Sicuramente quando si accende la spia pressione pneumatici e non si spegne più. Ma solo dopo aver controllato che le gomme sono gonfiate correttamente come consigliato sopra, e che non ci siano danni o forature. E’ fortemente sconsigliato fare il reset TPMS prima di aver escluso le cause principali dell’avaria. Il manuale dell’auto vi aiuterà sicuramente a capire se la spia TPMS è accesa per una foratura o un malfunzionamento. E veniamo quindi alla procedura corretta per fare il reset dei sensori TPMS. In genere, se le gomme non sono forate la spia di pressione pneumatici si dovrebbe spegnere da sola quando scompare il fattore che ha causato l’avaria. La spia di avaria TPMS si può accendere in questi casi:

– se le ruote sono coperte da neve;
– ci si trova nei pressi di centrali elettriche, antenne o dispositivi elettronici nei pressi delle ruote o all’interno dell’abitacolo;
– se sono state montate catene da neve;
– sono state applicate pellicole metallizzate alla carrozzeria o pellicole oscuranti ai vetri contenenti particelle metalliche (sempre meno diffuse);
– se è stata sostituita una gomma bucata con la ruota di scorta, che normalmente non ha un sensore TPMS interno.

RESET SENSORI TPMS: COME FARE

Fare il reset TPMS permette di stabilire un nuovo valore di pressione di riferimento che la centralina considera come soglia di allarme. E’ importante ricordare che il reset sensori TPMS potrebbe richiedere alcuni minuti, quindi fatelo quando siete sicuri di:

– poter guidare ad almeno 25 km/h;
– non superare i 100 km/h;
– guidare per almeno 10 minuti;
– evitare le strade sconnesse.

La procedura di reset sensori TPMS solitamente si fa accedendo al menù del computer bordo. Vi consigliamo comunque di consultare il manuale dell’auto riguardo i tempi e la velocità da rispettare, poiché potrebbero cambiare tra i vari modelli. Se la spia pressione pneumatici resta accesa anche nei giorni seguenti è preferibile rivolgersi in officina per venire a capo dell’avaria al sistema TPMS.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Recupero Energia in frenata: come funziona il KERS su Fiat Panda Hybrid

Auto ibride: manutenzione inverter e sostituzione liquido raffreddamento

I migliori aspirapolvere auto: il test su 8 modelli a confronto