Ricambi auto falsi: 7 errori da non fare con il tuning freni

Vediamo come accorgersi dei falsi e quando sono inutili e pericolosi per il tuning dei freni: sette errori da non fare con i ricambi auto falsi

16 febbraio 2021 - 8:00

Il made in Italy ha sempre il suo fascino in tutto il mondo e anche il settore dei ricambi auto è sempre più colpito dai falsi. Questi accessori oltre ad essere inutili e spesso anche pericolosi riportano marchi di aziende che a volte neppure li producono. Ma i falsari aspirano a cavalcare la notorietà di noti Brand per truffare chi li acquista. E’ proprio online che è partita la caccia dell’azienda ai copri pinze maldestramente griffati con il marchio di una nota azienda produttrice di pinze, che ci aiuta a darvi alcuni consigli su come evitare i ricambi auto falsi. Ecco 7 motivi che dovrebbero farvi desistere dall’acquisto di ricambi auto contraffatti e come accorgervi più in generale se un ricambio è contraffatto o meno.

Articolo aggiornato il 16 febbraio 2021 alle ore 8:00

1. RICAMBI AUTO FALSI: COME CONTROLLARE

L’azienda in questione chiarisce che non c’entra nulla con le cover freno, per il semplice motivo che non produce, e non ha mai prodotto, cover per le pinze freno. Già questo fa capire che quel ricambio auto è potenzialmente contraffatto. Dalla progettazione, sviluppo e produzione di sistemi frenanti, ai processi e all’ottimizzazione dell’intero ciclo produttivo, dal progetto, al getto di ghisa, o alluminio, fino al montaggio, attraverso test e simulazioni su banchi prova, in pista e su strada, non ha nulla a che vedere con dei banali pezzi di plastica come le cover. Meglio controllare sul catalogo ufficiale se quel ricambio esiste davvero e in caso di dubbi rivolgersi a un negozio di ricambi.

2. RICAMBI AUTO FALSI: LA SICUREZZA NON E’ DI PLASTICA

Tutte le cover in commercio che riportano il logo di un’azienda che non li produce sono dei falsi, a meno che non si tratti di cessione del marchio o roylaty. Non importa se comprate da un ambulante o da Amazon o eBay o presso qualunque altro store on-line. “Nel caso delle cover – spiega l’azienda – l’imitazione non presenta alcun legame con il prodotto che si vorrebbe copiare perché, come abbiamo precisato, non esiste alcuna cover originale. I falsari, anziché copiare una delle nostre pinze (impresa ai limiti dell’impossibile) si sono accontentati di produrre un succedaneo, la cover tarocca”. Nel video qui sotto trovi i trucchi sulla manutenzione di  ruote e freni.

3. RICAMBI AUTO FALSI: ATTENTI AL MARCHIO

Il marchio è il segno distintivo usato da un’azienda per contraddistinguere i propri prodotti da quelli concorrenti. Usare un marchio altrui rappresenta quindi una truffa ai danni del titolare del marchio e anche del compratore. Spesso anche piccoli dettagli grafici nel marchio di un ricambio auto a basso costo aiutano a capire che si tratta di un falso mal riprodotto. In generale anche i marchi di omologazione e le certificazioni CE sono riprodotte male o assenti del tutto come nel caso delle lampadine che puoi vedere qui nella nostra comparativa.

4. RICAMBI AUTO FALSI: NESSUNA GARANZIA

Quando acquistate dei ricambi auto originali o compatibili avete la certezza di aver comprato un componente progettato e fabbricato nel rispetto della più elevata qualità e privo di difetti nei materiali e nella lavorazione. Una cover freni fasulla, non essendo stata concepita nei centri di ricerca né realizzata per essere applicata a un sistema frenante, non garantisce sicurezza. Quindi, meglio puntare sempre a prodotti che migliorano le caratteristiche funzionali di aziende affidabili, anziché guardare solo all’estetica.

5. RICAMBI AUTO FALSI E ANCHE INUTILI

A differenza delle MotoGP, che utilizzano le cover per evitare il raffreddamento eccessivo dei dischi in carbonio in presenza di temperature ambientali molto basse o in caso di pioggia battente, le cover per le pinze freno auto tradizionali non producono alcun beneficio in termini di prestazioni. Limitandosi a ricoprire la parte visibile della pinza, le cover non influenzano in alcun modo la potenza frenante, né il comfort e tanto meno la prestazione in caso di utilizzo ripetuto. Anzi, alcune cover false prelevate sul mercato illegale hanno dimostrato grossi limiti nello smaltimento del calore, proprio perché realizzate in materiale plastico.

6. RICAMBI AUTO FALSI: COSA POTREBBE SUCCEDERE

Rispetto a un’anonima pinza in ghisa, conferiscono all’auto un aspetto decisamente più grintoso. È per questo motivo che molti le preferiscono alla verniciatura delle pinze, operazione che l’azienda sconsiglia. Inoltre possono creare anche problemi di montaggio, visto che su molte auto lo spazio tra cerchio e gruppo pinza è già molto ridotto e una modifica del genere provocherebbe solo malfunzionamenti pericolosi ai freni a causa dei detriti di plastica nella ruota.

7. COME POTENZIARE LA FRENATA SENZA RISCHI

Oltre a non migliorare l’efficacia dinamica del veicolo, una cover per pinza potrebbe peggiorarla. Sarebbe meglio montare dischi freno ventilati con fori sulla fascia frenante – spiega l’azienda – ottenendo un risultato migliore sia estetico sia funzionale alla frenata. I fori assicurano un effetto di ravvivamento della superficie della pastiglia, aumentano il raffreddamento dell’impianto e in caso di pioggia interrompono il velo d’acqua. Leggi qui tante altre curiosità sulla manutenzione nei video #SicurEDU sui freni auto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

WD40, Sonax e altri: i migliori spray lubrificanti nel test Autobild

Blocco carburante Fiat 500: cosa fare e come risolvere

Mercato Aftermarket 2020: -14% per componenti e ricambi auto