Tagliando auto direttiva Monti

Olio motore: cosa significano le sigle API – ACEA

Le sigle API e ACEA dell’olio motore: vediamo nel dettaglio cosa significano e come scegliere l’olio più adatto all’auto in caso di cambio o rabbocco

26 maggio 2020 - 13:18

Scegliere l’olio motore per il tagliando auto significa saper distinguere le caratteristiche e i simboli per non commettere errori. I manuali di istruzioni ormai riportano accuratamente qual è l’olio più adatto ad ogni motore. Ma cosa significano le sigle API – ACEA che contraddistinguono ogni tipo di olio?

OLIO MOTORE: LE SIGLE PIU’ IMPORTANTI

E’ frequente affidarsi all’officina quando si tratta di manutenzione auto ordinaria, ma tenersi informati su molte curiosità permette di non fare errori in situazioni di emergenza. Il rabbocco dell’olio motore è proprio una di queste, e scegliere il lubrificante adatto significa sapere cosa cambia tra le sigle API e ACEA. Per scegliere un olio lubrificante adatto all’auto, i costruttori riportano sempre le informazioni chiave per, in aggiunta a specifiche approvazioni della Casa:

– la gradazione SAE, abbiamo visto cosa significa nella scelta tra un olio 5W30 e 5W40;
– le specifiche API;
– le specifiche ACEA.

Le specifiche API e ACEA sono dei codici di lettere e numeri che indicano la compatibilità di un olio per un utilizzo specifico o vari impieghi. Sono generalmente anche riferite alle approvazioni dei costruttori di auto dopo test condotti sui diversi tipi di olio. Vediamo nel dettaglio cosa indicano le due sigle. Nei manuali di istruzioni delle auto si possono trovare singolarmente o tutte insieme. L’importante è rispettare sempre almeno la stessa sigla o scegliere un olio motore che abbia una specifica più alta e mai inferiore. Adesso vediamo come.

OLIO MOTORE: COSA SIGNIFICANO LE SIGLE API

Le specifiche API (American Petroleum Institute) sono stabilite dall’omonima associazione statunitense dei produttori di basi lubrificanti, additivi e lubrificanti. Il significato delle specifiche API cambia in base alla lettera che segue l’acronimo:

S, quindi “API S” per i veicoli a benzina;
C, quindi “API C” per i veicoli a gasolio;
F, quindi “API F” per veicoli diesel di recente costruzione con bassi livelli di emissioni;
G, quindi “API G” per le trasmissioni.

Normalmente è possibile provare un olio con una sigla API adatta sia alle auto benzina sia diesel, ma bisogna accertarsi che il grado di protezione e lubrificazione sia corretto. Lo si fa guardando la seconda lettera che segue “S” e “C”. Questa lettera segue progressivamente l’ordine alfabetico in base allo standard di protezione più alto raggiunto da un olio. Ad esempio, un olio con sigla API CI è più performante di un olio con sigla API CH. Quindi, API SL/CL, può essere una specifica non adatta per un motore a gasolio su cui è consigliato un olio API SL/CM, ma va bene una specifica maggiore tipo API SL/CM. Clicca sulle immagini per vedere le specifiche più recenti a tutta larghezza.

OLIO MOTORE: COSA SIGNIFICANO LE SIGLE ACEA

Le specifiche ACEA (Association des Constructeurs Auropéens d’Automobiles) sono stabilite dall’Associazione europea dei Costruttori di veicoli. Anche il significato delle sigle ACEA indica se un olio è compatibile o meno con un’auto o meglio quale olio è consigliato sul manuale dell’auto. La sigla ACEA ha un significato diverso in base alle lettere e numeri associati:

– A/B, quindi ACEA AX/BX per i veicoli a benzina (A) e gasolio (B). Un numero maggiore (X da 1 a 5) indica un migliore grado di protezione, come per la seconda lettera delle sigle API “S” e “C”.
– C, quindi ACEA CX (X da 1 a 5, e così via) per i motori con post trattamento dei gas di scarico che richiedo un olio con basso contenuto di ceneri solfatate, fosforo e zolfo.
– E, quindi ACEA EX (X da 4 a 9) per i veicoli commerciali.

Anche in questo caso le sigle ACEA dell’olio usato per il tagliando o il rabbocco devono essere sempre almeno uguali o maggiori riguardo al numero X che segue la stessa lettera consigliata dal costruttore. Sono sempre più diffuse, inoltre, le specifiche approvazioni secondo criteri generalmente più stringenti dei Costruttori, individuabili tramite le sigle del protocollo usato per il test, ad esempio “VW XX/YYY”, “MB XX.YYY” e così per altri costrittori come PSA, Ford, eccetera.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Frizione che slitta dopo cambio olio: cause e soluzione

Valvola termostatica auto: come funziona

garanzia meccanico

Manutenzione auto: dopo l’estate frena l’attività delle officine