Batteria auto scarica: 4 consigli per prepararla all’inverno

L'estate fa più danni alla batteria di quanto si crede: perché all'improvviso troviamo la batteria auto scarica e i consigli per prepararla all'inverno

14 ottobre 2019 - 15:05

Prima dell’inverno la maggior parte degli automobilisti si prepara pensando alle ordinanze invernali degli pneumatici ma dimenticano la causa più frequente di panne: la batteria auto scarica. Secondo un’indagine dell’Automobile Club tedesco infatti il 40% dei guasti all’auto è causato dalla batteria. Johnson Controls, più conosciuta per il marchio Varta delle batterie, invece ha scoperto da un sondaggio che i miti e le convinzioni sulla batteria auto espongono 19 milioni di auto al rischio di panne. Vediamo quali sono i 4 consigli per preparare una batteria all’inverno e cosa fare quando la batteria auto si scarica su un’auto moderna.

1.LA TEMPERATURA ESTIVA SULLA LA BATTERIA IN INVERNO

Secondo un’indagine realizzata da Johnson Controls e che ha coinvolto 67.000 vetture in cinque Paesi, in Italia il 32% delle batterie non è preparata all’inverno e circa 19 milioni di auto potrebbero bloccarsi. “Molti automobilisti credono che sia solo il freddo a provocare danni alla batteria, ma è il caldo che inizia a deteriorala“, spiega Christian Rosenkranz, Vice President Engineering Johnson Controls Power Solutions. La temperatura ideale per la batteria infatti è 20°C – come spiega Johnson Controls – pertanto più è alta la temperatura media stagionale estiva rispetto a questo riferimento e maggiore sarà l’attenzione da dedicare alla batteria prima e dopo l’inverno. Ricaricare la batteria auto solo in inverno perché è scarica porta solo pochi benefici. Meglio caricarla anche durante l’estate e prima dell’autunno in base alla frequanza con cui si guida l’auto.

2.I CONTROLLI PER PREVENIRE LA BATTERIA SCARICA

Le temperature elevate causano l’auto-scarica della batteria e provocano un invecchiamento precoce delle sue componenti elettrochimiche. “Questi effetti non provocano immediatamente il guasto della batteria, ma contribuiscono al suo deterioramento“, afferma Rosenkranz. Passano normalmente inosservati d’estate, ma i problemi alla batteria cominciano a comparire d’inverno, quando il motore – per avviarsi – ha bisogno di più energia elettrica. Per questo motivo la batteria dovrebbe essere testata regolarmente tutto l’anno.

3.LA BATTERIA SI CARICA MA NON SI RIGENERA DA SOLA

Se l’auto viene usata solo per brevi distanze, l’alternatore non è in grado di caricare completamente la batteria e, a maggior ragione d’inverno, quando il sole tramonta prima, si accendono più spesso tergicristalli, riscaldamento del lunotto posteriore e dei sedili, la batteria si scarica prima. Meglio quindi fare in modo di ricaricare la batteria durante la guida tenendo l’autoradio e le luci accessorie spente se non servono, o in alternativa ricaricare più spesso la batteria collegandola a un caricabatterie in garage.

4.RIPARTIRE CON LA BATTERIA AUTO SCARICA

Se non avete fatto in tempo a preparare la batteria per l’inverno non vi resterà altro da fare che avviare l’auto con i cavi, come nel video qui sopra. Ma attenzione alle indicazioni, poichè le auto moderne potrebbero riportare dei danni se si usano i cavi di emergenza nel modo sbagliato.  Si dovrebbero evitare soste prolungate dell’auto in quanto, in molte auto moderne, la batteria deve fornire energia anche quando il motore è spento. Uno dei consigli più efficaci è scollegare la batteria se l’auto non si usa per troppo tempo, oppure collegarla a un mantenitore di carica. Basta pensare che con la batteria dell’auto scarica sarà molto più difficile già solo accedere all’abitacolo con un sistema keyless. Quindi è consigliabile guidare almeno una volta al mese per qualche ora e tenere l’auto in allenamento collegandola al mantenitore di carica in garage.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

riparazione-e-manutenzione-dei veicoli

Prenotare il tagliando auto online: solo il 22% delle officine sono preparate

Officine auto migliori: ecco i Brand delle Case più apprezzati dai meccanici

diventare-autoriparatori-tesla

Officine auto in Italia: una ogni 469 veicoli nel 2019