Candele auto GPL: posso cambiarle con quelle normali?

Quando cambiare le candele auto GPL e perché non è consigliabile montare candele normali per auto a benzina

25 novembre 2020 - 13:37

Cambiare le candele auto GPL con candele normali è l’errore più frequente che si rischia di fare soprattutto nella sostituzione fai da te o dopo la trasformazione auto con impianto a gas. In questo approfondimento vediamo con i consigli di uno dei maggiori produttori di sistemi di accensione cosa bisogna sapere sulle candele per auto GPL e perché non bisogna cambiarle con candele per auto tradizionali.

PERCHE’ LE CANDELE AUTO GPL SONO COSI’ IMPORTANTI

Avreste mai immaginato che il GPL è il terzo carburante per motori più usato al mondo: secondo le stime degli esperti ci sono 23 milioni i veicoli alimentati a GPL a livello globale. I vantaggi del GPL, oltre al costo minore alla pompa hanno richiesto anche l’utilizzo di candele per auto GPL. Secondo svariati studi, le auto a GPL in perfetta efficienza emettono il 68% in meno di NOx rispetto alla benzina e il 96% in meno rispetto al diesel. Diminuisce anche il particolato di 120 volte rispetto ai motori diesel meno recenti e dallo scarico non esce nerofumo. Questi vantaggi ambientali però rischiano di essere vanificati se alla sostituzione delle candele di un’auto GPL si utilizzano candele di tipo diverso o normali.

CANDELE AUTO GPL: COSA CAMBIA RISPETTO A QUELLE NORMALI

I problemi più frequenti nella sostituzione di candele auto GPL con quelle tradizionali sono legati alla corrosione, temperatura e conducibilità elettrica:

– Gli esperti spiegano che la combustione del gas è più difficile da ionizzare rispetto alla combustione della benzina, di conseguenza è necessaria una tensione di accensione più elevata (fino a +7.000 Volt). Il rischio di usura e danneggiamento della bobina è piuttosto alto. Ecco perché spesso si ricorre a metalli nobili, come platino e iridio e tecnologie di produzione dell’elettrodo per concentrare la scintilla, abbassare la tensione e stressare meno le bobine.

– Un’altra sfida per le candele auto GPL è la resistenza alla corrosione in presenza degli acidi che si sviluppano durante la combustione del gas. L’impiego di un rivestimento ceramico ad hoc, limita il rischio di corrosione del conduttore interno, ma anche la rimozione dalla testata cilindro con più facilità rispetto a una candela normale. Sempre che il precedente montaggio delle candele sia fatto nel modo corretto.

– La temperatura di combustione che sviluppa con un motore a benzina all’interno dei cilindri è minore rispetto a quella a GPL. In caso di sostituzione delle candele auto GPL con candele normali, si potrebbe compromettere la funzione di autopulizia. Ecco perché le candele per auto a GPL funzionano in un range di temperature più ampio e sono spesso dotate di autoregolazione della temperatura per limitare la formazione di residui carboniosi nel funzionamento a benzina.

QUANDO SOSTITUIRE LE CANDELE AUTO GPL

E veniamo alla curiosità più dibattuta che riguarda la manutenzione: quando si devono cambiare le candele di un’auto a GPL? E’ chiaro che il primo criterio di riferimento resta sempre e comunque il manuale d’istruzioni dell’auto o del Costruttore dell’impianto a GPL se montato dopo l’immatricolazione. In genere però gli esperti consigliano di utilizzare candele auto GPL non solo per le migliori prestazioni e funzionamento del motore, ma anche per gli intervalli di sostituzione più ampi. Rispetto alle candele auto tradizionali, le candele auto GPL di qualità di possono sostituire in media ogni 60 mila km, in assenza di sintomi di malfunzionamento.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Lampade da lavoro a LED: le migliori secondo Autobild

Le migliori officine auto: come riconoscerle

Le spie cruscotto accese più ignorate dagli automobilisti