Lyft a guida autonoma: resoconto delle prime 50 mila corse senza conducente

A Las Vegas Lyft ha attivato il ride sharing a guida autonoma: il 92% dei passeggeri si sente al sicuro e risalirebbe a bordo

4 giugno 2019 - 18:05

Lyft raggiunge il traguardo delle 50.000 corse a guida autonoma. Il servizio di ridesharing rivale di Uber prosegue lo sviluppo della sua tecnologia senza conducente con l’aiuto di Aptiv. Una flotta di 50 BMW Serie 5 sta svolgendo test a ritmo serrato sulla guida autonoma nell’area di Las Vegas. La partnership tra Lyft e Aptiv è stata una delle novità più attese del CES di Las Vegas 2018. Basti pensare che ad agosto 2018 Lyft tagliava il traguardo delle 5.000 corse a guida autonoma ed in meno di un anno ha più che raddoppiato. Sicuramente Las Vegas non ha la densità urbana di città come San Francisco dove sono attivi i rivali di Cruise e Waymo. La corsa per la guida autonoma resta serrata e Lyft conferma di essere della partita. Diamo uno sguardo a tutti i dettagli.

CORSE AUTONOME

Lyft ha completato 50.000 corse con la sua flotta di auto a guida automatica. Si tratta di un risultato raggiunto nel corso di un anno di serrati test a Las Vegas negli Usa. Lyft punta sulla guida driveless con una collaborazione con Aptiv, azienda tecnologica al lavoro da tempo nel settore. Attualmente la flotta Aptiv comprende 30 BMW Serie 5 dotate di sensori e radar per la guida autonoma. Le prime 50.000 corse senza l’aiuto di un singolo driver umano confermano l’intenzione di seguire quanto sta facendo il rivale Uber. Lyft ha approfittato dei test per svolgere una ricerca sociale sulla percezione della guida autonoma. Il 95% dei passeggeri coinvolti ha riferito di essere alla sua prima esperienza a bordo di un’auto senza conducente. Nonostante la loro scarsa familiarità con questa tecnologia Lyft dice che il 92% si è detto ” molto sicuro o estremamente sicuro durante la corsa”.

CRESCITA COSTANTE

Interessante anche il fatto che il 96% dei passeggeri conferma userà di nuovo il servizio a guida autonoma. Insomma Lyft sembra volerci dire che bisogna conoscere per apprezzare questa nuova tecnologia. Va detto che i test procedono serrati basti pensare che ad agosto 2018 Lyft ha completato le prime 5.000 corse. Dall’annuncio della loro partnership al CES di Las Vegas del 2018 Lyft e Aptiv non si sono mai fermati. Molto presto potrebbe arrivare l’annuncio dell’introduzione delle prime corse pubbliche svolte da vetture a guida autonoma. Ancora non conosciamo i dettagli sui tempi e le modalità del loro inserimento nell’app Lyft. Del resto bisogna precisare che le BMW della sua flotta sono reperibili tramite l’app ma viaggiano solo su percorsi prestabiliti. Lyft confermato che per motivi di sicurezza continua ad essere presente un autista a bordo pronto ad intervenire nelle situazioni di emergenza.

LO SVILUPPO

Il programma di Lyft e Aptiv a Las Vegas è insieme a Waymo One a Phoenix tra i pochi che svolgono test pubblici negli Stati Uniti. Si tratta anche di “esperimenti sociali” al fine di rendere il pubblico meno diffidente nei confronti della guida autonoma. Anche Cruise, società di GM, ha dichiarato che lancerà il suo programma pubblico quest’anno ma non ha indicato quando e dove. Va detto che Las Vegas non è una città con la densità urbana di San Francisco dove lavorano i rivali di Cruise, Waymo e la startup Zoox. Sicuramente si tratta di una città famosa per la vita notturna esagerata e i veicoli a guida autonoma di Aptiv devono vedersela con pedoni imprevedibili. Karl Iagnemma, presidente di Aptiv, ha chiarito: “Progettiamo il nostro sistema per gestire i pedoni che attraversano la strada dove non c’è un passaggio pedonale o scendono da un taxi.”

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Coronavirus, sanificare l’auto con Ozono funziona o è una truffa?

10 canzoni in auto che influenzano la guida

Coronavirus: le aziende automotive in Italia chiuse per l’emergenza