Salone di Ginevra. Ecco la Concept Suzuki che anticipa il design della Jimny

Salone di Ginevra. Ecco la Concept Suzuki che anticipa il design della Jimny Suzuki svela al Salone di Ginevra il design che anticipa le linee della futura Mini-SUV di successo. Ecco i dettagli

Suzuki svela al Salone di Ginevra il design che anticipa le linee della futura Mini-SUV di successo. Ecco i dettagli

3 Marzo 2015 - 09:03

Ipoteticamente la show-car può essere immaginata come la futura evoluzione di Jimny (leggi la prova su strada della Suzuki Jimny) per le dimensioni quasi analoghe, anche se per ora è solo un interessante studio di ciò che sarebbe nei piani della Casa auto giapponese, recuperando elementi stilistici dalla storia di Suzuki, come la Cervo Coupè che vedete in queste immagini.

IO SONO “4” – La piccola concept IM-4 dichiara nel nome la sua vera identità di spirito “all terrain”, riflesso dalla trazione sulle quattro ruote, che dovrebbe adottare attraverso la propulsione ibrida. Il frontale è alto, massiccio e allo stesso tempo simpatico, è organizzato per accogliere i grandi fanali Full-LED che ricordano la “faccina che ride” tipica delle “emoticon”. Tuttavia, l'impeccabile disegno della calandra depura lo sguardo in un più raffinato equilibrio stilistico, attraverso la sua cornice cromata che percorre tutto il bordo di questo importante particolare. Il paraurti ha una vocazione urban con piccoli dettagli da vera 4×4 come i proiettori supplementare di forma circolare. Bella l'area dedicata alla targa anteriore, ricavata tra due inedite e specifiche strutture a forma di trapezio verticale.

UNA GROSSA C – La vista laterale è messaggera delle moderne tendenze in fatto di car-design, in un completo quadro che integra alcuni suggerimenti presenti nelle attuali vetture Suzuki. Quindi, troviamo un piacevole cofano che termina la sua forma con uno smusso, rivelando la stretta parentela con Vitara (protagonista della nostra prova su strada in anteprima nella versione 1.6 DdiS 4WD). Tale elemento trova continuità con la linea di cintura e il montante posteriore, contraddistinto da tre feritoie diagonali (ereditate dalla Cervo). L'espressione del tetto matura il concetto visivo utilizzato per la Swift (leggi la prova su strada della Suzuki Swift Sport 5 porte), determinando un'ipotetica unica area cristalli, che snellisce l'intera vista con la colorazione nera di tutti i montanti. Il percorso del tetto scende in prossimità del portellone posteriore forgiando un'iconica grossa “C” con il resto del corpo vettura. La “giapponesina” è munita di forte personalità e esibisce i muscoli, in prossimità dei passaruota, i quali custodiscono le ruote con gli sportivi cerchi a 5 razze, dello stesso colore della vettura.

B – SIDE – La equa conclusione degli innovativi tratti visti in precedenza approda nella coda, dove il concept IM-4 esprime la sua vocazione “4WD” nell'inedito disegno dei fanali LED e dalla conformazione del piccolo vetro.  Proprio il lunotto presenta nella scena laterale un'inclinazione simile (quasi simmetrica) del montante posteriore, evidenziando una puntuale e meticolosità attenzione ai dettagli. Colpisce la grande estensione del terzo stop a led, collocato sotto l'alettone; l'appendice aerodinamica ha anche il compito di limitare l'imponenza del montante chiudendo concettualmente il tratto della pinna. Anche il paraurti dimostra l'equilibrio stilistico percepito nel resto della vettura, tramite l'elegante fascia nera che ingloba i catarifrangenti. Inoltre, la ridotta dimensione dello sbalzo posteriore, comporta un notevole vantaggio nell'angolo d'uscita, caratteristica fondamentale nella guida fuori strada.

Commenta con la tua opinione

X