PSA pianifica le utilitarie a batterie: 208, DS3 e 2008 a zero emissioni

Arriva il grande passo anche per il Gruppo PSA, proprietario di Citroen, DS, Peugeot e Opel con piani futuri che riguardano motori elettrici e ibridi

22 settembre 2017 - 11:22

Comincia la rivoluzione elettrificata anche per il Gruppo PSA. Dopo gli annunci fatti da tante altre Case auto – per i quali vi rimandiamo alla nostra sezione dedicata con news e approfondimenti – anche il Gruppo francese si prepara ad introdurre nella propria gamma vetture completamente elettriche ed ibride plug-in. Una scelta quasi obbligata per il CEO Carlos Tavares, viste le recenti direttive europee sempre più restringenti e i tanti scandali che stanno colpendo i motori diesel.

LA PROSSIMA 208 PRIMA FULL ELECTRIC Da quanto riferito dalla relazione stilata da Evercore ISI, il primo modello di questa “rivoluzione” del Gruppo PSA sarà la prossima Peugeot 208, che già al lancio sarà disponibile sia nella versione elettrica che nella versione con motore termico. Primo cavallo di battaglia sarà quindi la piccola city car, uno dei modelli più venduti da Peugeot e che sarà equipaggiata con un motore elettrico in grado di garantire circa 300 km di autonomia, con il lancio previsto per settembre 2019. Non solo la piccola avrà disponibile un motore full electric. Nei piani di PSA rientrano anche altre categorie, come quella della DS3 CrossBack e della Peugeot 2008, attese tra il 2019 e il 2020. Voci parlano di ben cinque modelli full electric pronti per essere lanciati tra il 2019 e il 2021, e che rappresenterebbero la terza generazione di auto elettriche per il Gruppo PSA.

ARRIVERANNO ANCHE IBRIDE PLUG-IN Non solo elettriche. Infatti in casa PSA si sta lavorando anche a versioni ibride plug-in per quanto concerne il segmento dei crossover, che utilizzano la piattaforma EMP2 – come vi avevamo anticipato in questo nostro articolo. Quali saranno i modelli protagonisti? DS7 CrossBack, Peugeot 3008 e Citroen C5 AirCross. Non solo il trittico di Marchi francesi protagonisti di questa evoluzione. Come vi avevamo anticipato all'interno del nostro speciale sul Salone di Francoforte 2017, presto vedrà la luce la Opel Grandland X ibrida plug-in – scoprine di più nel nostro focus – in concomitanza con la Peugeot 3008 ibrida plug-in (i due modelli condividono lo stesso pianale).

ATTUALMENTE SOLO FRUTTI DI COLLABORAZIONI Attualmente, l'offerta elettrica del Gruppo vede protagonisti la Citroen C Zero e Peugeot iOn, prodotti che non sono al 100% del Gruppo PSA, essendo nati dalla collaborazione con Mitsubishi e la sua MiEV, senza dimenticare, in listino, la presenza dell'e-Mehari. Insieme a loro sono disponibili le versioni elettriche del Peugeot Partner e Citroen Berlingo, mentre, per quanto concerne il neo-partner Opel – che al momento sta dando qualche grattacapo inatteso al CEO Tavares, stando alle sue ultime dichiarazioni in merito all'efficienza degli stabilimenti del Marchio tedesco -, è disponibile l'Ampera-e ma, anche in questo caso, con un prodotto non sviluppato al 100% dall'azienda tedesca (dato che è frutto di una collaborazione con Chevrolet, produttrice della Volt).

11 NUOVE AUTO ELETTRICHE ED IBRIDE Un passo necessario e obbligato, quello di PSA, soprattutto guardandosi intorno. Se da una parte i regolamenti dell'Unione europea si fanno sempre più stringenti, dall'altra ci sono i competitor che, a suon di annunci e presentazioni – come fatto da Mercedes, che ha aperto le prevendite della EQC, il primo SUV completamente elettrico della Stella – stanno seriamente cominciando ad investire e a sviluppare tecnologie in un campo che offre ancora grandi margini di crescita. Per non parlare dei continui scandali, Dieselgate di Volkswagen in primis, che hanno colpito le motorizzazioni termiche. Carlos Tavares ha annunciato che saranno disponibili, entro il 2021, ben sette vetture ibride plug-in e quattro nuovi veicoli elettrici, in tutto il Gruppo PSA.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Auto abbandonate suolo pubblico privato

Auto abbandonate: come rimuoverle dal suolo pubblico e privato

Guard rail non a norma: Comune di Roma condannato in appello

Guai in Italia per FCA: l’accusa del Fisco di aver “nascosto” 5 miliardi