Traffico rumoroso? Non è colpa delle gomme: la posizione di ACEA ed ETRMA

Il traffico troppo rumoroso è un problema legato non soltanto alle gomme ma anche a diversi altri elementi come sottolinea un documento di ACEA e ETRMA

30 marzo 2022 - 17:36

Il traffico dovuto alla circolazione di autovetture ed altri tipi di veicoli, soprattutto in un contesto urbano, può risultare particolarmente rumoroso, avendo così un impatto significativo sulla qualità della vita in determinate aree. In molti casi, il traffico troppo rumoroso viene imputato alle gomme ed al loro ridotto grado di silenziosità. ACEA, l’Associazione europea dei produttori di automobili, e ETRMA, l’Associazione europea di produttori di pneumatici, non sono particolarmente d’accordo con quest’affermazione. Nel documento Legislazione dell’UE sul rumore del traffico stradale, pubblicato insieme all’Organizzazione tecnica europea di pneumatici e cerchioni (ETRTO), le due associazioni raccolgono una serie di indicazioni per i legislatori europei. L’obiettivo è mettere in pratica una serie di accorgimenti normativi in grado di abbattere il rumore legato al traffico e, più in generale, all’utilizzo dei veicoli a motore. Per raggiungere quest’obiettivo non è necessario concentrarsi solo sulle gomme.

TRAFFICO TROPPO RUMOROSO: GLI ELEMENTI DA CONSIDERARE

Nella determinazione del rumore ambientale dovuto alla strada ed alla circolazione di veicoli ci sono vari elementi da considerare. A generare il rumore (spesso eccessivo) non sono solo le gomme e la loro rumorosità. In questo contesto, infatti, entrano in gioco diversi altri elementi. I veicoli, nel loro funzionamento, generano del rumore. Tale rumore è legato alle componenti meccaniche in azione oltre che al contatto tra le gomme e il manto stradale. La superficie stradale rappresenta, in particolare, un fattore molto importante. In base alla tipologia di traffico (alta o bassa velocità del veicolo), i materiali che compongono il manto stradale e le caratteristiche del manto stesso possono influenzare in modo più o meno significativo la rumorosità dovuta alle gomme.

IL RUMORE DEI VEICOLI NON PUO’ ESSERE ELIMINATO

Uno degli elementi di partenza del documento di ACEA e ETRMA riguarda la rumorosità dei veicoli. Tutti i veicoli hanno un certo grado di rumorosità che non può e non deve essere eliminato. La scelta di andare verso una circolazione a “zero emissioni sonore” rischia di tramutarsi in una minore sicurezza, in particolare per gli utenti più vulnerabili, come i pedoni o i ciclisti. Come previsto dalla normativa UE, i veicoli elettrici, più silenziosi rispetto ai veicoli con motore endotermico, sono tenuti a garantire un livello minimo di rumorosità attraverso un suono artificiale. La sicurezza, in questo caso, gioca un ruolo fondamentale.

LE CARATTERISTICHE DELLE GOMME: FOCUS SULLA SICUREZZA

Nel documento diffuso da ACEA e ETRMA vengono sottolineati alcuni aspetti centrali della questione legata al traffico troppo rumoroso. Il ruolo principale delle gomme, infatti, è quello di garantire la massima sicurezza al veicolo su cui sono installate. La distanza di frenata, la stabilità in curva, l’adesione alla strada in caso sia di fondi asciutti che umidi sono elementi cardine nella valutazione delle caratteristiche delle gomme. Anche la ridotta resistenza al rotolamento è un fattore determinate. Anche se non si tratta di un parametro con cui gli automobilisti hanno una diretta familiarità, la resistenza al rotolamento rappresenta un elemento chiave di uno pneumatico. Una bassa resistenza, infatti, prolunga il ciclo di vita della gomma garantendo una riduzione dei consumi di carburante.

GOMME TROPPO SILENZIOSE RISCHIANO DI COMPROMETTERE SICUREZZA E SOSTENIBILITA’

L’indagine sottolinea come recenti studi abbiamo confermato l’impossibilità di ottimizzare una gomma per tutti i suoi parametri prestazionali. Di conseguenza, puntare su gomme ad elevata silenziosità rischia di compromettere l’ottimizzazione per altri parametri. Secondo ACEA e ETRMA, applicare normative più stringenti sulla silenziosità delle gomme rischia di creare pericoli alla sicurezza stradale. È necessario, quindi, dare priorità alla sicurezza e alla sostenibilità ambientale. Per ridurre la rumorosità del traffico, sottolinea lo studio, è necessario valutare i margini di riduzione dei suoni forniti dai materiali stradali. Le ultime tecnologia consentono di realizzare soluzioni a bassa rumorosità a prescindere dal tipo di gomme.

COME CONTRASTARE IL TRAFFICO TROPPO RUMOROSO SECONDO ACEA ED ETRMA

Per contrastare il rumore legato al traffico ed alla circolazione di veicoli è necessario avere una visione più ampia del problema, andando a considerare tutti i fattori in gioco e non solo le gomme. Il documento proposto dalle due associazioni sottolinea l’importanza di adottare un uso sistematico di manti stradali a bassa rumorosità. Quest’elemento diventa ancora più importante nelle aree più frequentate da veicoli e, quindi, più rumorose. È necessaria, sottolineano le associazioni, una maggiore attenzione alla pianificazione dei flussi di traffico. In questo modo, è possibile prevenire il problema del traffico rumoroso. Tra gli elementi da considerare ci sono anche l’adozione, su larga scala, di tutte le nuove tecnologie in grado di ridurre al minimo la propagazione dei rumori. Da tenere in considerazione sono anche alcuni elementi esterni come un contrasto alle modifiche illegali di veicoli e dei loro componenti oltre che dei comportamenti di guida antisociali e potenzialmente pericolosi. La serie di proposte di ACEA e ETRMA può essere sintetizzata in quattro punti fondamentali:

– incentivare l’uso di manti stradali a bassa rumorosità

– migliorare la pianificazione dei flussi di traffico urbano

– applicazione su larga scala delle tecnologie per contrastare la propagazione del rumore

– contrasto alle modifiche illegali ai veicoli e ai comportamenti di guida scorretti

UN IMPEGNO COMUNE CONTRO IL TRAFFICO TROPPO RUMOROSO

La conclusione del documento di ACEA e ETRMA è chiara e si concentra sull’importanza di mettere in pratica sforzi comuni per il contrasto del traffico rumoroso. Questi sforzi devono coinvolgere, oltre che i singoli produttori di auto e di gomme, anche i legislatori europei. È necessario tenere conto degli elementi evidenziati per il contrasto del rumore stradale e fissare e fissare parametri e strumenti definiti per il monitoraggio. La tecnologia, applicata ai fondi stradali, ai veicoli ed alla pianificazione del traffico, rappresenta una risorsa importante per affrontare nel modo giusto il problema.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Test e-Fuel e Biodiesel: quanto diminuiscono le emissioni auto?

Eccesso di velocità: in Austria confisca del veicolo per chi corre

Audi Q5 45 Sportback: nel test dell’alce non si comporta da SUV