Michelin pneumatici

Michelin: pneumatici 100% sostenibili entro il 2050

Presentata la All Sustainable Strategy di Michelin: pneumatici 100% sostenibili entro il 2050 con importante step intermedio già nel 2030

6 maggio 2021 - 14:23

Michelin ha incontrato la stampa specializzata in un hotel del centro di Milano, primo evento in presenza del produttore di pneumatici dall’inizio della pandemia, peraltro organizzato in tutta sicurezza, per annunciare il suo impegno a raggiungere la neutralità di carbonio entro il 2050 (con risultati parziali già notevoli) e per presentare due nuovi pneumatici ‘sostenibili’ Michelin e.Primacy e Michelin Pilot Sport EV, questi ultimi specifici per le auto elettriche. All’incontro c’eravamo anche noi di SicurAUTO.it per raccontarvi la All Sustainable Strategy di Michelin nella produzione di pneumatici.

LA STRATEGIA DI MICHELIN PER UN 2050 AL 100% SOSTENIBILE

L’obiettivo della neutralità di carbonio entro il 2050, richiede per Michelin un primo importante step già nel 2030, con il raggiungimento di due ambiziosi traguardi legati sia ai processi industriali che al prodotto finito:

– Ridurre del 50% le emissioni di CO2 dei propri stabilimenti rispetto al 2010.

– Aumentare il contenuto di materie prime sostenibili in tutti i suoi prodotti al 40%, per raggiungere il 100% entro il 2050.

Ma la All Sustainable Strategy di Michelin prevede anche un deciso salto di qualità in tema di innovazione, equità, sicurezza e buone pratiche industriali in ogni stabilimento del Gruppo, attraverso quella che Marco Do, direttore comunicazione Michelin, ha definito la “strategia delle tre P” (People, Planet, Profit), in cui la necessità di generare profitto deve necessariamente coesistere con le esigenze delle persone e del pianeta.

PNEUMATICI SOSTENIBILI MICHELIN: IL RUOLO CHIAVE DELL’ITALIA

L’Italia in tutto questo svolge e svolgerà un ruolo fondamentale perché gli storici stabilimenti Michelin di Cuneo (il più grande dell’Europa occidentale) e di Alessandria garantiscono una capacità produttiva di oltre 14 milioni di pneumatici l’anno. Una presenza decisamente importante, che negli ultimi 5 anni è stata ulteriormente rafforzata mediante sostanziosi investimenti che hanno contributo a rendere i processi produttivi più efficienti, efficaci e sostenibili. “In Italia diamo lavoro a più di 3.800 persone”, ha ricordato Marco Do, “includendo il reparto per la produzione di semi finiti e il nuovo European Distribution Center di Torino, dove c’è pure la sede legale della divisione italiana, la direzione commerciale di Milano e l’EDC di Pomezia. Siamo il primo datore di lavoro in Italia nel comparto pneumatici e fortemente implicati nella vita locale dove sono ubicati i nostri uffici e stabilimenti”.

DUE NUOVI PNEUMATICI MICHELIN SUL MERCATO NEL 2021

Italia in prima fila anche nella produzione della nuova generazione di pneumatici Michelin che includono nella loro progettazione l’analisi dell’intero ciclo di vita: e.Primacy, per autovetture e SUV, e Pilot Sport EV, il primo pneumatico sportivo Michelin dedicato alle auto elettriche ad alte prestazioni, disponibile sia in primo equipaggiamento che al ricambio. In particolare e.Primacy viene in gran parte prodotto nello stabilimento di Cuneo.

I nuovi pneumatici Michelin sono entrambi concepiti per essere CO2 neutrali al momento dell’acquisto (clicca qui per approfondire) e racchiudono una serie di innovazioni che consentono loro di migliorare le prestazioni energetiche e, conseguentemente, di ridurre i consumi dei veicoli su cui sono montati. Il dettaglio nel prossimo paragrafo.

E.PRIMACY E PILOT SPORT EV, PNEUMATICO PENSATO SPECIFICATAMENTE PER LE AUTO ELETTRICHE

Michelin e.Primacy è dotato della più bassa resistenza al rotolamento della sua categoria, secondo l’etichetta energetica pneumatici,  ed è tra i pochi pneumatici sul mercato a poter vantare la classificazione in classe “A” in efficienza energetica e “B” in resistenza al rotolamento. Quest’ultima si traduce per l’automobilista in un risparmio fino a 0,21 litri di carburante ogni 100 chilometri, pari a circa 80 euro lungo l’intera vita dello pneumatico. L’utilizzo di meno carburante comporta inoltre una riduzione delle emissioni di CO2, guadagno che per l’ambiente può essere stimato in 174 kg durante la vita della gomma, corrispondente alle emissioni di CO2 generate da un veicolo che viaggia per più di 1.600 km. E.Primacy è disponibile sul mercato da marzo 2021 in 56 dimensioni, dai 15 ai 20 pollici, e può equipaggiare i veicoli più diffusi sul mercato.

Michelin Pilot Sport EV è invece il primo pneumatico Michelin a essere sviluppato specificamente per offrire un miglior comportamento e una maggiore autonomia delle auto sportive elettriche, assicurando fino a 60 km di autonomia in più. Il prodotto è frutto dell’esperienza maturata in 6 stagioni di Formula E e incorpora la tecnologia ElectricGrip Compound, che utilizza una mescola più dura al centro del battistrada, così da offrire un’elevata aderenza per gestire gli elevati livelli di coppia che caratterizzano le auto sportive elettriche, e una mescola ad alta efficienza sulle spalle, che riduce il consumo di energia per le distanze più lunghe e consente un elevato chilometraggio. Inoltre l’utilizzo di un inserto in schiuma di poliuretano aiuta a ridurre il rumore percepito nell’abitacolo. Pilot Sport EV entrerà progressivamente in commercio nel corso del 2021 in 16 dimensioni per cerchi dai 18 ai 22 pollici.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Sicurezza stradale: lo spettacolo “I Vulnerabili” va in DAD

Auto usata: le 5 truffe più diffuse da cui stare alla larga

Green Pass Covid

Green Pass Covid: come funziona e come ottenere la Certificazione verde