Gomme usate vendute all’estero: l’Italia è al secondo posto in Europa

Gomme usate vendute all’estero come rifiuti, ecco dove finiscono gli pneumatici fuori uso e i Paesi che esportano gomme da riciclare (anche illegalmente)

15 gennaio 2020 - 13:40

Le gomme usate vendute all’estero rappresentano una minaccia non solo economica ma soprattutto ambientale nei Paesi asiatici che acquistano pneumatici fuori uso da smaltire. L’Italia suo malgrado sembra rivestire un ruolo chiave, assieme al Regno Unito nella vendita ed export di gomme usate. Ad approfondire la questione, come riporta PneusNews è Reuters che ha seguito le tracce delle gomme usate vendute all’estero sui dati doganali delle Nazioni Unite.

GOMME USATE, I PAESI UE CHE NE ESPORTANO DI PIU’

Normalmente le gomme usate raccolte dai consorzi vengono destinate alla ricostruzione, se la carcassa è ancora in buone condizioni, o al riciclo degli PFU. Una parte consistente di gomme usate è destinata al recupero delle materie prime per poterle riutilizzare, mentre un’altra è utilizzata come combustibile in altoforni o per la produzione di cemento. E’ proprio la riciclabilità delle gomme (e spesso le difficoltà a tracciarne il ciclo di vita) ad alimentare molti mercati, soprattutto asiatici dove le gomme usate vengono vendute come rifiuti da smaltire. Secondo quanto riporta Reuters, è paradossale scoprire come sia proprio l’Europa ad alimentare emergenze climatiche in Paesi ad alto tasso d’inquinamento. La Gran Bretagna è in assoluto il maggiore esportatore di gomme usate fuori uso, seguita dall’Italia e da dagli USA.

CHI COMPRA GLI PNEUMATICI USATI VENDUTI ALL’ESTERO

Paesi come Cina e USA trattano principalmente le gomme fuori uso entro i confini, complice anche l’elevata domanda di materie prime e seconde. Mentre a livello internazionale negli ultimi 5 anni le spedizioni di gomme vendute all’estero sono aumentate da 1,1 milioni di tonnellate (2013) a 2 milioni di tonnellate (2018). Una stima che secondo Reuters equivale a 200 milioni di pneumatici in più e sicuramente aumenteranno nel tempo se si continua a cambiare le gomme a 3 mm anziché a 1,6 mm. Tra i Paesi che ricevono la maggiore quantità di gomme usate vendute all’estero c’è l’India, con il 32% dei volumi mondiali nel 2018, poi Sud Corea e Turchia.

PERCHE’ VENDERE ALL’ESTERO LE GOMME USATE

Per molti paesi sviluppati, spedire pneumatici all’estero è più economico che riciclarli a livello nazionale” spiega Reuters a margine della sua inchiesta. E non rientrando tra le merci pericolose gli pneumatici usati sono stipati anche in container a volte non tracciabili. Così come la gestione delle gomme giunte a destinazione avviene al di fuori dei margini di controllo delle autorità. Complice anche la disponibilità sul mercato asiatico di impianti di pirolisi a basso costo, molte gomme vengono riciclate praticamente nei villaggi senza misure di sicurezza per la salute e l’ambiente. E’ ciò che accade oltre i confini dell’Europa, sempre più impegnata nella lotta alla CO2.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Mangiare mentre si guida

Mangiare mentre si guida: si può fare?

Auto elettriche Germania

Auto elettriche e Coronavirus: il 45% degli inglesi cambia idea sull’acquisto

World Car Of The Year 2020: la Top 5 delle vincitrici