Frenata su bagnato: sino a +18% la distanza con gomme sui 2 mm

Dekra mette a confronto gomme nuove e usurate in 3 prove su distanza di frenata e sicurezza su asciutto e bagnato, ecco i risultati e le nostre considerazioni

28 settembre 2022 - 11:21

L’usura pneumatici è spesso considerata nel modo sbagliato dagli automobilisti, in eccesso o in difetto. Quando si scende al di sotto del limite di 1,6 millimetri le gomme non sono più legali e aumenta il rischio di incidenti. Ma cosa succede al di sopra di questo limite? Un interessante test di Dekra dimostra come l’usura del battistrada impatta sulla distanza di frenata su asciutto e bagnato e sulla trazione. Ecco cosa è venuto fuori.

TEST DEKRA SU DISTANZA DI FRENATA CON GOMME NUOVE E USURATE

I test di frenata con gomme nuove e usurate sono stati condotti sulle piste di prova al Dekra Lausitzring, il circuito automobilistico vicino a Klettwitz (Brandeburgo). I tecnici Dekra hanno cercato una correlazione tra l’altezza del battistrada e la distanza di frenata su asfalto asciutto e bagnato. “Per fare questo, abbiamo scelto set di pneumatici nuovi di noti produttori in due diverse dimensioni e lavorati presso un ricostruttore per ridurre l’altezza del battistrada”, afferma Christian Koch, esperto di pneumatici Dekra. I test di frenata sono stati effettuati a diversi livelli di usura del battistrada:

7-8 mm (pneumatico nuovo);

4-5 mm di usura;

2-3 mm di usura, quindi al di sopra del limite di usura legale di 1,6 mm.

Prima delle misurazioni l’auto utilizzata nei test ha effettuato dei passaggi di condizionamento delle gomme con frenate da 100 a 0 km/h sia sul bagnato sia sull’asciutto (frenata con ABS secondo norma DIN 70028).

USURA PNEUMATICI E DISTANZA DI FRENATA NEI TEST DEKRA

I risultati elaborati da Dekra dopo i test dicono che nel confronto tra le gomme nuove e quelle usurate fino a 2-3 mm quando l’auto con le gomme nuove si ferma, quella con le gomme all’altezza inferiore ha ancora una velocità residua di 30 km/h. In particolare lo spazio di frenata risulta:

su asciutto, lo spazio di frenata con le gomme usurate aumenta in base alle dimensioni dal +2,4% al +8,5% rispetto alle gomme nuove;

su bagnato, lo spazio di frenata con le gomme usurate, aumenta tra il +16% e il +18% a seconda delle dimensioni.

Dekra ha condotto anche altre prove, di tenuta laterale in curva (ISO 4138) e di cambio carreggiata, come nel test di evitamento ostacolo o dell’alce (ISO 3888-1). “Con una profondità del battistrada di 2-3 mm, la velocità limite in curva risulta tra il 10% e il 18% inferiore rispetto agli nuovi pneumatici”, afferma Koch. Riguardo al test di evitamento ostacolo, Koch dichiara “abbiamo riscontrato che con la diminuzione della profondità del battistrada, gli pneumatici hanno prestazioni significativamente inferiori in termini di trasmissione di potenza soprattutto sul bagnato”. “C’è un maggiore rischio di aquaplaning con un profilo più basso, mentre con una maggiore profondità, il battistrada può evacuare meglio l’acqua”.

USURA PNEUMATICI: NON SONO TUTTI UGUALI

Il cambio gomme già a 3 millimetri fa sprecare soldi e non fa bene all’ambiente, ma non tutti i produttori di pneumatici assicurano lo stesso livello di prestazioni man mano che il battistrada si usura. A seconda dei produttori la situazione cambia parecchio. Ecco perché Michelin si sta battendo per avere dei test normati per pneumatici usurati e ha adottato la filosofia delle “prestazioni sicure fino all’ultimo km”. Il test condotto da Dekra è molto interessante, ma non rivela quali Brand di pneumatici ha testato e quindi non permette di fare una valutazione a tutto tondo. Il nostro consiglio quindi è sempre quello di orientare la scelta sui migliori pneumatici che emergono nei test indipendenti. Ai link sotto trovate tutti i più recenti test su gomme estive, invernali e all season:

migliori gomme invernali nei test indipendenti;

migliori gomme 4 stagioni nei test indipendenti;

migliori gomme estive nei test indipendenti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

acea emissioni ue

ACEA fissa i target per l’azzeramento della CO2 nel 2035

Mobility manager: cosa fa, quando è obbligatorio [novità 2022]

Quanto è sicura la microcar XEV YOYO di Enjoy?