Dieselgate Volkswagen: il motore 1.2 TDI è ancora "illegale??

L'ombra del trucco nel trucco copre la Polo 1.2 TDI: il software usato nel richiamo dieselgate Volkswagen sarebbe stato manipolato

14 gennaio 2019 - 11:34

Doveva essere il richiamo più semplice tra i motori EA189 coinvolti nel trucco delle emissioni del dieselgate eppure Volkswagen è finita di nuovo sotto i riflettori delle autorità tedesche. A lanciare la bomba su possibili nuove implicazioni di natura penale è Bild am Sonntag secondo cui anche il nuovo software installato nelle centraline dei motori 1.2 TDI del gruppo Volkswagen avrebbe delle anomali. Stavolta però Volkswagen ha molto meno da temere.

IL RICHIAMO DEL RICHIAMO IN ARRIVO L'inchiesta della KBA sul richiamo dei motori 1.2 TDI, l'autorità dei trasporti che in Germania aveva dato l'approvazione ai richiami dei motori EA189, sarebbe partita proprio in seguito alla scoperta di un'anomalia da parte di Volkswagen che l'ha resa nota alle autorità. I contorni della vicenda sono ancora poco delineati essendo in corso l'indagine della KBA. Se fosse confermata l'ipotesi che il software installato sulle auto diesel del Gruppo è stato manomesso potrebbe aprirsi la strada per il  richiamo del richiamo dieselgate2.

LE AUTO COINVOLTE IN EUROPA E IN GERMANIA In Europa le auto Volkswagen sul banco degli imputati equipaggiate con il motore 1.2 TDI sarebbero circa 370 mila ma solo una parte di queste (30 mila, quelle in Germania) rischierebbero l'interdizione alla circolazione qualora la KBA dovesse prendere provvedimenti più restrittivi dei precedenti. Si tratta in particolare della Polo 1.2 TDI, unico modello equipaggiato con questo motore, oltre al 1.6 TDI che ha richiesto però un intervento di ripristino più ampio anche al circuito di aspirazione.

OMOLOGAZIONE NUOVAMENTE A RISCHIO? Intanto Volkswagen ha  accordato la massima collaborazione alle autorità, mentre il Ministero federale dei Trasporti è aggiornato sulla vicenda e non sono escluse possibili implicazioni penali per i responsabili della presunta manomissione del software. Si riaccende così il rischio paventato anche in precedenza che la KBA possa ritirare le omologazioni delle auto Volkswagen 1.2 TDI; una fiammella smorzata qualche anno fa che potrebbe riprendere vigore e forza a meno di incontrare attenuanti con la conclusione delle indagini. Restate collegati per saperne di più.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Airbag difettosi ZF-TRW: l’indagine USA riguarda oltre 12 milioni di auto

Nuova Nissan Micra 2019: per l’Italia arriva la versione GPL

Hyundai Venue: ecco la crossover compatta globale