New York: dal 2018 strade aperte ai test di guida autonoma?

Bypassando una legge di 45 anni fa, le auto a guida autonoma potranno arrivare a New York per test entro il 2018. Tutto nasce dal Salone di New York

10 aprile 2017 - 13:24

Uno dei grandi problemi dello sviluppo di auto a guida autonoma è la possibilità di trovare strade aperte al pubblico sulle quali condurre test prototipali. Non tutti gli stati sono inclini al permettere ad auto che si guidano da sole di circolare, soprattutto perchè non essendo una tecnologia allo stato dell'arte si potrebbero esporre i comuni automobilisti a dei rischi inutili. Pian piano qualcosa si sta muovendo ed anche la città americana di New York potrebbe presto aprire le strade ai test pubblici di guida autonoma.

IL PROBLEMA DEI TEST Ad oggi la guida autonoma non è ancora sviluppata al 100%, il che significa che qualche sbavatura di funzionamento può tranquillamente verificarsi. Ad oggi molte delle prove sono fatte su circuiti chiusi (leggi di come sarà il più grande laboratorio per test di guida autonoma) e con delle situazioni controllate, per verificare che l'auto risponda bene ed in tempi consoni, ma è chiaro che le variabili riproducibili sono limitate. Abilitare auto con questa tecnologia a fare test su strade aperte al pubblico potrebbe essere un'arma a doppio taglio: da un lato favorirebbe l'avanzamento tecnologico e catturerebbe l'interesse dei Costruttori auto mondiali che cercano strade aperte dove testare i propri software, dall'altro potrebbe creare un pericolo per la circolazione.

NEW YORK PRONTA NEL 2018 Secondo quanto dichiarano i colleghi di Carscoops.com la città americana di New York potrebbe essere pronta nel 2018 ad accogliere auto che si guidano da sole (leggi come cambieranno le regole per i test delle auto robot nel 2018), che potrebbe essere un grosso passo in avanti poiché la Grande Mela rappresenterebbe un terreno di test ideale con molteplici variabili (leggi come Uber conduca test di guida autonoma anche a San Francisco). Attualmente non è mai stato possibile poiché una legge, vecchia di circa 45 anni, obbliga ogni conducente a mantenere sempre almeno una mano sul volante dell'auto che conduce, cosa che non è richiesta da un veicolo a guida autonoma. I legislatori hanno presentato una sospensione di questa legge come parte del piano annuale.

VIA ALLE MANIFESTAZIONI Dietro questa presa di coscienza collettiva c'è la Greater New York Automobile Dealers Association, la stessa che c'è dietro il Salone di New York e che ha fatto pressione sul Governatore di New York Andrew Cuomo per ottenere il via libera. Il presidente della GNYADA, Mark Schienberg, ha affermato che “il nostro coinvolgimento nella faccenda in realtà è cominciato quando abbiamo pianificato la Empire State of Mobility Conference per il Salone di New York di quest'anno. Abbiamo realizzato che non avremmo potuto avere alcuna dimostrazione in tempo reale di veicoli a guida autonoma per il Governo o per i Media. Semplicemente questo non aveva senso. Il mondo intero vede New York come una città nella quale cominciano le nuove tendenze”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Pneumatici fuori uso rivenduti illegalmente

Pneumatici fuori uso rivenduti illegalmente in Italia: 40 mila ogni anno

Ztl Torino orari

Ztl Torino: orari, mappa e multe

L’accelerazione Tesla involontaria causa incidenti: ecco come stanno le cose