Trasporto animali domestici in auto e moto

Trasporto animali domestici in auto e moto: le norme che lo regolano

Come viene regolato il trasporto degli animali domestici in auto e in moto? Ecco le norme del Codice della Strada sull'argomento con le relative sanzioni

9 giugno 2020 - 13:57

Quali sono le norme che regolano il trasporto degli animali domestici in auto e in moto? Per rispondere alla domanda occorre sfogliare il Codice della Strada fino agli articoli 169 e 170 che contengono due commi specifici sull’argomento. Il primo relativo alle automobili e il secondo alle motociclette, con le disposizioni di massima per il trasporto e le sanzioni previste in caso di infrazione. Partiamo dall’analisi di queste norme per scoprire tutto ciò che serve sapere sull’argomento (intanto vedi i 5 errori da non fare quando si viaggia con animali in auto).

TRASPORTO ANIMALI DOMESTICI IN AUTO: LA NORMA DEL CODICE DELLA STRADA

In base all’articolo 169 comma 6 CdS, sui veicoli diversi da quelli espressamente adibiti al trasporto di animali (quindi le comuni automobili e mezzi simili) “è vietato il trasporto di animali domestici in numero superiore a uno e comunque in condizioni da costituire impedimento o pericolo per la guida”. Pertanto, secondo l’interpretazione più condivisa, un solo animale – per esempio un cane – può stare ovunque dentro l’abitacolo. Purché non abbia alcuna possibilità di disturbare il conducente durante la guida. Ciò significa che nel caso di un controllo gli agenti devono valutare se l’animale intralci o meno, anche potenzialmente, il guidatore. È consigliabile quindi non lasciarlo completamente libero all’interno della vettura. E neanche tenerlo in braccio (anche se dovesse trattarsi di un cagnolino di piccola taglia) perché potrebbe facilmente divincolarsi. Inoltre nella malaugurata ipotesi di incidente sarebbe più esposto al pericolo.

TRASPORTO DI PIÙ DI UN ANIMALE DOMESTICO IN AUTO

Il già citato art. 169 comma 6 del Codice della Strada non si esaurisce con la disposizione indicata in precedenza ma prosegue considerando altre eventualità. Nello specifico “è consentito il trasporto di soli animali domestici, anche in numero superiore. Purché custoditi in apposita gabbia o contenitore o nel vano posteriore al posto di guida appositamente diviso da rete od altro analogo mezzo idoneo che, se installati in via permanente, devono essere autorizzati dal competente ufficio del Dipartimento per i trasporti terrestri”. Quindi la legge ammette il trasporto di animali domestici in auto anche in numero superiore a uno. Ma in questo caso è obbligatorio sistemarli in una gabbietta o contenitore (per quelli di piccola taglia) oppure sul sedile o nel vano posteriore (per quelli di media o grossa taglia). Questi ultimi devono però essere necessariamente divisi dal resto dell’abitacolo da una rete o dispositivo analogo. Ovviamente le opzioni gabbietta, contenitore o rete divisoria sono valide anche se si trasporta un solo animale domestico, anzi sono soluzioni sicuramente più sicure delle cinture di sicurezza che si agganciano al collare o alla pettorina (guarda il video test di 19 prodotti a confronto per il trasporto di animali in auto).

SANZIONI PER CHI VIOLA LE NORME SUL TRASPORTO ANIMALI DOMESTICI IN AUTO

Chi non rispetta le disposizioni dell’art. 169 comma 6 CdS sul trasporto degli animali domestici in auto è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una multa da 87 a 345 euro + la decurtazione di 1 punto sulla patente. Inoltre chi installa una rete o barriera divisoria ‘fissa’ senza richiedere regolare autorizzazione all’ufficio competente della Motorizzazione Civile, che deve segnare l’avvenuta modifica sulla carta di circolazione del veicolo, infrange l’art. 78 del Codice della Strada e rischia una pesantissima multa da 431 a 1.734 euro.

CONSIGLI PER IL TRASPORTO DI ANIMALI DOMESTICI IN AUTO: CANI E GATTI

Quando si viaggia in automobile con animali domestici è sempre meglio evitare le ore più calde della giornata e limitare l’uso dell’aria condizionata. I colpi di calore o gli sbalzi di temperatura, infatti, sono pericolosi non solo per i passeggeri umani ma anche per gli amici a quattro zampe. Meglio tenere il finestrino parzialmente aperto per favorire il ricambio d’aria. Prima di affrontare un luogo viaggio è utile abituare l’animale agli spostamenti in auto iniziando con brevi tragitti per poi e aumentare gradualmente le distanze e la durata del viaggio. In auto bisogna portare la ciotola per l’acqua e un piccolo asciugamano per rinfrescare l’animale in caso di necessità. Avere a disposizione un gioco o una coperta che utilizza abitualmente può aiutare a rendergli l’ambiente familiare. Un’altra buona consuetudine è quella di guidare il più dolcemente possibile, evitando accelerazioni e frenate non necessarie. Attenzione: il mal d’auto è un problema che colpisce anche gli animali domestici, specie i cuccioli. Per fortuna il veterinario può prescrivere farmaci efficaci, sicuri e privi di effetti indesiderati, che devono essere somministrati prima del viaggio. Durante i viaggi lunghi può essere utile programmare soste regolari per consentire alle bestiole di scendere dalla vettura e sgranchirsi i muscoli oppure per fare i bisognini. Infine una bella passeggiata una volta giunti a destinazione può aiutare a ridurre l’ansia e la paura accumulati durante il trasporto. Detto questo scopriamo le migliori auto del 2020 per trasportare cani e altri animali.

CONSIGLI PER IL TRASPORTO DI ANIMALI DOMESTICI IN AUTO: PESCI E UCCELLI

I consigli di cui sopra valgono principalmente per cani (in primis) e gatti. E se si trasportano invece animali domestici meno convenzionali come pesci e uccelli? Nel primo caso è sempre bene metterli in sacchetti in plastica riempiti per un terzo di acqua e due terzi di aria, chiusi da un elastico e riposti in una scatola di cartone. In questo modo si ha la sicurezza di non vedere frantumato l’acquario in vetro in caso di urto o di brusca frenata. Qualora si trasportino volatili, invece, è bene tenerli chiusi in una gabbia purché coperta da un telo; questo perché, contrariamente a quanto si possa pensare, potrebbero soffrire anche loro di mal d’’auto. Per ovviare conviene fare una sosta di 10/15 minuti ogni 1 o 2 ore e posizionare la gabbia all’aria aperta, rigorosamente all’ombra.

TRASPORTO ANIMALI DOMESTICI IN MOTO: COME FUNZIONA

È possibile il trasporto di cani o di altri piccoli animali domestici in moto? La risposta è sì perché la circostanza è espressamente prevista dall’articolo 170 comma 5 del Codice della Strada, che consente appunto il trasporto di animali sui motocicli e sui ciclomotori a due ruote “purché custoditi in apposita gabbia o contenitore” che siano solidamente assicurati e che sporgano lateralmente rispetto all’asse del veicolo o longitudinalmente rispetto alla sagoma di esso non oltre i 50 centimetri, senza impedire o limitare la visibilità al conducente. Quindi cani, gatti & co. possono tranquillamente viaggiare in moto se trasportati in maniera appropriata: clicca qui per ulteriori dettagli. La sanzione per chi trasporta animali in moto in maniera non corretta è una multa da 83 a 333 euro. Più la perdita di 1 punto sulla patente.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Patente e proroga Covid

Patente e proroga Covid: nuove scadenze al 2021

Auto blu e mezzi della PA: quanto ci costano? I dati 2020

Bambina si slaccia la cintura: per la Cassazione è colpa del conducente