La guida autonoma farà estinguere la patente?

Un dirigente Waze lancia la provocazione, con auto autonome non avremo più bisogno di documenti per guidare

8 maggio 2018 - 11:29

Provocazione o dura realtà? Le auto a guida autonoma certamente andranno a rivoluzionare il nostro modo di approcciarci alla guida, e agli spostamenti dentro e fuori dalle nostre città. Una realtà ancora lontana, nonostante le Case auto e i governi stiano spingendo sempre più verso questo nuovo capitolo che riguarda il mondo delle auto – anche in Italia sono cominciati i primi test sulla guida autonoma, come vi avevamo raccontato in questo nostro approfondimento. Ma cos'altro potrà rivoluzionare una volta che la guida autonoma irromperà nella nostra vita? Ecco cosa ne pensa Fej Shmuelevitz VP Community and Operations di Waze.

IN FUTURO NON SERIVRÀ LA PATENTE Il suo intervento è avvenuto all'interno dell'evento E-commerce one-to-one, che si è svolto nel Principato di Monaco. Il tema principale è stato il commercio elettronico e di come le imprese possano sfruttarlo per migliorare i propri profitti e la propria visibilità. Il manager di Waze, di proprietà di Google, è stato interrogato riguardo l'avvenire della mobilità, e di come questa cambierà nei prossimi anni. Punto focale del suo intervento è stato quando ha parlato di come, in futuro, la patente non sarà più necessaria: “I bambini che oggi hanno meno di 5 anni non avranno più bisogno di prendere la patente, perché non dovranno guidare”.

 CAR SHARING Una visione condivisa da altri “partner” nella corsa alla guida autonoma, come Uber e Lyft, che piano piano stanno dimostrando come, l'auto di proprietà, sia un concetto ormai superato per alcuni mercati, e che il car sharing autonomo sarà il principale canale da utilizzare per i trasporti. Per questo, secondo Shmuelevitz, la patente non sarà più necessaria, quando le auto a guida autonoma diventeranno una consuetudine nelle nostre giornate – per ora però sembra una realtà ancora lontana, visti i recenti incidenti che hanno coinvolto auto a guida autonoma. Secondo i dati forniti dal top manager di Waze un veicolo privato circola su strada solo il 4% del tempo oltre ad occupare la strada per il 7% del territorio e il 14% dei parcheggi, in sostanza, meno macchine porta a più spazio per le persone.

DA DOVE ARRIVANO I DATI? Una mole di dati giunta dalla community, in particolar modo da Amazon, o meglio, da tutti i membri di Waze che effettuano giornalmente consegne per l'azienda americana. Waze è un'applicazione che offre in tempo reale situazione del traffico, incidenti, e tante altre informazioni utili a chi si trova su strada. Tutti queste informazioni e dati sono state raccolte da Waze, che in questo modo ha sottolineato l'utilità di una guida autonoma legata al car sharing – che in Italia sta congelando le vendite di auto. C'è da dire che Shmuelevitz non  è certo nuovo a lanciarsi in proclami del genere visto che, lo scorso anno, era intervenuto al Salone di Barcellona, proprio in riferimento all'auto di proprietà e al servizio di car sharing che, Waze, offre, sottolineando la poca utilità nell'avere un auto di proprietà.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Guida sotto la pioggia: 5 errori da non fare con l’allerta meteo

Incidente stradale uso del collare

Incidente stradale: l’uso del collare dopo il colpo di frusta

Autostrada limiti di velocità

Limite a 100 km/h in autostrada: parte in Olanda dal 2020