UK: in arrivo il superbollo da 1000 euro per le auto diesel

Nel Regno Unito l'inquinamento è un grosso problema che porterà nelle casse del ministero 500 milioni di sterline

14 marzo 2016 - 7:00

Confezionando un superbollo davvero pesante, il Governo Britannico entra in tackle sul diesel, cercando di stroncargli la carriera. L'obiettivo è quello di spingere gli utenti a guardare con più attenzione alle auto a basse emissioni e, perché no, rimpinguare le casse di Sua Maestà.

GLI ESPERTI DELL'AMBIENTE CONDANNANO A MORTE IL DIESEL – All'ombra del Big Ben la vita delle auto a gasolio diventa sempre più dura. Accusate di essere uno dei principali nemici dell'ambiente, opinione sicuramente rafforzata in seguito allo scandalo del secolo, il famigerato Dieselgate, tendono a essere penalizzate e allontanate dal mercato (sapevi che anche le Euro 6 VW rischiano di entrare nello scandalo). A pesare particolarmente è il rapporto presentato da Policy Exchange, il “think tank” UK (gruppo indipendente di esperti, chiamati a suggerire ai governanti soluzioni a problemi d'interesse pubblico), grazie al quale è stato evidenziato che già nel 2013 le emissioni delle automobili a benzina di ultima generazione erano di gran lunga inferiori a quelle delle auto diesel. La sezione Ambiente ed Energia del Policy Exchange invoca di aumentare la pressione fiscale sulle auto a gasolio (anche l'India pensa al superbollo contro le emissioni).

DUPLICE OBIETTIVO, RIDURRE LE EMISSIONI E FARE CASSA – Nel valutare le proposte del think tank, il Governo Inglese sembrerebbe particolarmente allettato dal superbollo sulle auto diesel, il quale si rivelerebbe un'arma dalla doppia efficacia. Da un canto, potenzialmente, ridurrebbe il contributo delle auto a gasolio allo smog cittadino (sapevi che in Inghilterra arriveranno le telecamere antinquinamento), dall'altro assicurerebbe cospicue entrate allo Stato. Anche nel caso in cui le vendite di automobili diesel dovessero ridursi del 50%, il Ministero del Tesoro britannico incasserebbe qualcosa come 500 milioni di sterline (circa 645 milioni di euro). Sul tavolo dei legislatori è al vaglio un superbollo da 800 sterline (circa 1.030 euro al cambio odierno) che trasformerebbe la VED (Vehicle Excise Duty), così si chiama la tassa in Inghilterra, in un vero macigno per gli automobilisti/contribuenti.

CAMPAGNA DI ROTTAMAZIONE FINANZIATA CON IL SUPERBOLLO – Il progetto di legge prevede che ad essere gravate siano soltanto le auto di nuova immatricolazione. Salvo ripensamenti, le auto diesel già circolanti rimarrebbero assoggettate all'attuale tassazione. Tra le altre proposte del Policy Exchange rientra anche quella relativa a una maxi campagna di rottamazione per le automobili alimentate a gasolio più datate. La campagna andrebbe finanziata con parte del flusso di entrate procurate dal superbollo (leggi il flop del superbollo in Italia), oltre a un contributo da parte delle Case costruttrici; questo, secondo il gruppo di esperti, favorirebbe, accelerandolo, il rinnovamento del parco auto britannico, incentivando gli automobilisti ad acquistare automobili ibride, elettriche o benzina ad alta efficienza.

1 commento

Paoblog
7:41, 14 marzo 2016

Scusate ma scritto così è un titolo acchiappa click… dovevate precisare che si tratta di una tassa inglese.

POTRESTI ESSERTI PERSO:

colonnine ricarica ue

Colonnine di ricarica con POS: la proposta del Parlamento UE

Blocco traffico Roma 4 dicembre 2022: orari e deroghe

Ricarica CCS vs NACS: la presa Tesla è “rischiosa” per i Costruttori