I fari a LED adattivi fanno l’86% di luce in più ma negli USA sono illegali

I fari LED adattivi possono fare la differenza in fatto di sicurezza. Ecco che l'istituto AAA si appella alle autorità Usa per autorizzarne l'uso su strada.

23 aprile 2019 - 20:15

I fari LED non sono soltanto un vezzo estetico. La nuova tecnologia di illuminazione offre vantaggi concreti in termini di visibilità e quindi di sicurezza su strada. Eppure negli Stati Uniti i fari LED adattivi non sono ammessi sulle auto di serie. L’istituto di ricerca AAA, con il suo ultimo studio sul tema, lancia un chiaro appello alle autorità Usa. Le luci adattive offrono il 12,5% di luminosità in più rispetto a quelle ammesse sulle strade americane. Questo dato è ancora più rilavante se confrontato con un’altro. I fari adattivi offrono un campo visivo maggiore dell’86% evitando di abbagliare i veicoli che viaggiano nello stesso senso di marcia o in quello opposto. Vediamo perché, oltre all’AAA, anche Toyota, VW e BMW hanno presentato petizioni al governo Usa e all’NHTSA per cambiare le norme.

VANTAGGI LED

In diversi mercati globali, Europa compresa, le case automobilistiche offrono fari a LED matrix. Si tratta di una tecnologia che non è più riservata alle ammiraglie ma raggiunge anche il segmento medio. Questi proiettori indirizzano la luce verso sezioni specifiche della strada per evitare di disturbare le altre auto. Nei fatti è come se si potesse viaggiare con gli abbaglianti sempre inseriti. Secondo i test effettuati dall’istituto americano AAA, queste luci offrono una maggiore illuminazione e un abbagliamento ridotto rispetto a quelle ammesse negli Usa. Durante i suoi test su strada i fari LED adattivi hanno fornito il 12,5% di luce in più in modalità abbagliante rispetto a quelli omologati. Nella modalità anabbagliante, le luci ammesse negli Stati Uniti sono migliori solo dell’1,9%. Le luci adattive illuminano l’86% di superficie in più davanti all’auto in viaggio. I fari adattivi causano anche un abbagliamento ridotto rispetto alle lampade ammesse in america.

LA BATTAGLI NEGLI USA

Nonostante i notevoli progressi tecnologici i fari LED adattivi sono vietati negli Usa. Questo perché il Federal Motor Vehicle Safety Standards non consente di attivare contemporaneamente i fari abbaglianti e gli abbaglianti. Si tratta di una operazione necessaria per il funzionamento delle luci adattive. Negli Usa sono in vigore test statici per i proiettori con limiti di luminosità specifici. Poiché le luci adattive oscurano solo porzioni limitate di strada, la luminosità complessiva risulta troppo alta. Eppure considerando i benefici delle luci adattive, non sorprende che l’AAA ritenga che il governo americano debba al più presto omologarle. L’AAA non è l’unica a chiedere a gran voce che gli standard in materia di illuminazione vengano aggiornati. Molti costruttori si sono schierati a favore dei fari LED adattivi. Toyota, VW e BMW hanno presentato petizioni al governo in questa direzione. Pare che l’NHTSA stia lavorando ad una possibile proposta di riforma.

LA PROPOSTA

Dal canto suo l’AAA ha fatto sapere di sostenere ogni iniziativa dell’NHTSA che permetterà l’utilizzo dei fari LED adattivi. L’istituto propone di cambiare i test di omologazione inserendo prove su strada dinamiche. L’AAA vuole anche di elevare il limite stabilito per le emissione del fascio luminoso. L’idea è alzare il tetto americano dalle attuali 150.000 candele a 430.000. I fari adattivi dovranno iniziare a regolare la portata del fascio luminoso a 400 metri di distanza dal veicolo che precede o viaggia in direzione contraria. L’organizzazione osserva che la maggiore potenza luminosa ammessa in Europa è un fattore che contribuisce alla migliore illuminazione dei fanali. Importante sapere che anche l’aftermarket offre soluzioni per migliorare l’intensità del fascio luminoso a bordo della propria vettura anche se sprovvista di fari LED, come mostra il video qui sotto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Toyota: le auto elettriche in arrivo ma con il supporto della Cina

Vienna: pedone investito da un veicolo a guida autonoma

Incidenti stradali: in Italia +7% di vittime nel 2019