Attenuatori intelligenti: Geronimo allerta i soccorsi in caso di incidente

Ecco il nuovo guardrail 2.0 che è anche elemento di sicurezza attiva. Il dispositivo chiama i soccorsi in caso di incidente e parla con l'ambiente circostante.

26 marzo 2019 - 20:26

La sicurezza stradale è molto importante. Sulle strade si continuano a contare morti e feriti. Le statistiche Aci-Istat parlano di un primo semestre del 2018 con una media di 8 morti e 645 feriti al giorno. Insomma un bilancio preoccupante che obbliga a investire nelle infrastrutture. SMA Mobilty Road presenta il nuovo “attenuatore 2.0” che attutisce gli impatti ed è anche elemento di sicurezza attiva. Il nuovo dispositivo chiama i soccorsi in caso di incidente ed invia richieste di aiuto. Insomma uno strumento connesso che, grazie a telecamere e NFC, permette anche di ricostruire le dinamiche degli incidenti. Diamo uno sguardo a come la tecnologia può aumentare la sicurezza sulle strade.

SICUREZZA AL CENTRO

La sicurezza stradale rimane un tema importante. Se guardiamo ai numeri in Italia c’è molto da fare. Secondo i dati Aci-Istat nel primo semestre del 2018 sono circa 460 gli incidenti che si verificano ogni giorno sulle strade italiane. Questi incidenti sono responsabili di una preoccupante media di 8 morti e 645 feriti al giorno. Per risolvere la situazione, oltre ad una guida più responsabile, sono importanti anche le infrastrutture. Queste devono proteggere gli automobilisti in caso di incidente. In questa direzione SMA Road Safety, lavora alla sicurezza su strada, evitando il pericolo degli ostacoli fissi. Barriere, pilastri e guardrail sulle strade mettono spesso in pericolo molte vite umane (Leggi gli assistenti obbligatori dal 2022 ecco l’accordo europeo).

NOVITA’ IN ARRIVO

Forte la necessità di coniugare al meglio la sicurezza stradale con l’utilizzo delle ultime tecnologie sul mercato. Questo approccio è al centro del dibattito internazionale sul tema della sicurezza sulle strade (Leggi guida contromano ecco come evitarla). Arriva quindi Geronimo, l’impianto di controllo pensato per inviare avvisi istantanei ai soccorritori. I dispositivi SMA sono dotati di questo nuovo strumento che invia richieste di aiuto in tempo reale nel caso di incidenti. Il sistema ha un impianto video che permette agli operatori un’analisi nel dell’urto. La presenza di lettori NFC permette di raccogliere le informazioni utili a ricostruire la storia e le specifiche tecniche del dispositivo. Insomma la smart road prende forma e promette sicurezza a tutto campo. Le tecnologie possono fare la differenza ma devo essere al fianco di strumenti all’altezza.

ATTENUATORI 2.0

Ecco allora che Geronimo funziona come un vero e proprio elemento di sicurezza attiva. L’infrastruttura parla con l’ambiente intorno a lei e scambia dati. Tutto può essere gestito da remoto, compresi i sensori aggiuntivi come quelli per temperatura umidità. La piattaforma permette di monitorare le condizioni d’impiego del dispositivo. Dal livello della batteria ai valori di tensione nel caso di alimentazione da rete elettrica o tramite pannello solare. Il nuovo strumento rispetta la normativa europea EN1317 sulle barriere stradali. Inoltre sono stati svolti molti test per verificarne la solidità. Una delle prove si è svolta con l’impatto di un veicolo a 130 km/h. Nonostante la velocità la barriera ha fermato il veicolo senza danni all’interno dell’abitacolo. Le portiere, infatti, si sono aperte facilmente proteggendo i passeggeri.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Tesla: nel mondo circolano 2,9 GWh di auto elettriche vendute a marzo 2019

L’Audi TT uscirà dal listino, al suo posto un’auto elettrica

Bollo auto: l’esenzione compete solo alle Regioni