Furti facili con l'auto che cambia colore. Ecco come agivano

4 rapinatori e l'auto-camaleonte: sembra il titolo di un film ma è la realtà di una banda arrestata a Bologna

28 agosto 2015 - 12:50

Riprendendo l'idea della gustosa commedia di Nanni Loy “L'audace colpo dei soliti ignoti” la gang, composta da 4 piemontesi, aveva un'automobile che, per sfuggire ai controlli delle forze dell'ordine, poteva facilmente cambiare identità! La Megane II della banda era infatti verniciata di nero ma appariva del classico colore grigio argento perché ricoperta da una pellicola adesiva facilmente rimovibile.

L'AUTO È GRIGIA, ANZI NERA – Anche le targhe erano “trasformabili” tramite adesivi sostituibili e, insomma, tutto era predisposto per un rapido cambiamento d'identità. La pellicola di Nanni Loy aveva un cast di prima grandezza: stelle come Vittorio Gassman, Renato Salvatori, Nino Manfredi, Claudia Cardinale, Gastone Moschin, Lella Fabrizi e Riccardo Garrone erano infatti affiancati da caratteristi immortali come Carlo Pisacane (Capannelle) e Tiberio Murgia (Ferribotte). Nulla da condividere con la banda della Megane se non il comportamento maldestro: se i simpatici protagonisti del film perdevano il bottino per una serie di equivoci e azioni strampalate, anche i 4 piemontesi si sono fatti “beccare” per una certa goffaggine. I quattro, in trasferta dal Piemonte, sono stati infatti notati dai bravi agenti proprio per le movenze sospette con le quali si aggiravano a Bologna.

ALLA POLIZIA NON SI SFUGGE – A far scattare l'allarme definitivo è stata poi la circostanza che uno dei quattro è sceso dall'auto e quest'ultima, dopo essersi allontanata, è poco dopo ritornata  con una targa diversa! A questo punto i poliziotti hanno fermato il veicolo e, controllando i passeggeri, hanno scoperto la verità: tre di loro erano appena ritornati da una “visita” ad un'anziana signora nel corso della quale l'avevano raggirata e derubata di gioielli e denaro per un valore di 800 euro. La refurtiva è stata recuperata, i quattro sono stati arrestati e la polizia ha sequestrato anche varie torce elettriche, walkie-talkie ed un rilevatore di metalli, prodotto da un noto brand di elettroutensili e probabilmente usato per scoprire casseforti incassate nei muri. Gli agenti hanno anche scoperto che il bottino veniva nascosto dietro i fianchetti posteriori della vettura, in versione 3 porte. La carrozzeria era stata sottoposta a Car Wrap, ossia rivestita con una pellicola adesiva studiata appositamente per le automobili.

OGGI LA PELLICOLA, DOMANI L'ELETTRONICA – La pellicola, all'occorrenza, si poteva asportare con facilità, anche se l'operazione non è certo immediata, riportando l'auto al colore nero. In realtà il cinema fornisce altri esempi di auto-camaleonte, ad esempio nel film Sleepwalkers di Stephen King, nel quale un'auto sfugge alla Polizia cambiando colore durante un'inversione ad U. Anche le targhe variabili si sono viste sul grande schermo: ricordate la fantastica Aston Martin DB5 di James Bond, dotata di rotating licence plates e apparsa in ben 6 film da Goldfinger a Skyfall? L'adesivo dei rapinatori è molto meno sofisticato ma fa venire in mente il tema del deterioramento delle targhe, o del loro smarrimento, eventualità purtroppo costose. Molto meno problematico è il Car Wrapping che, al di là dell'intenzione truffaldina, è interessante perché permette non solo di “rinfrescare” una vettura non più giovane ma riesce a proteggere la vernice di un'auto nuova; le speciali pellicole dedicate sono prodotte, per esempio, da 3M, Avery e Orafol. La procedura è consentita, cosi come l'oscuramento dei vetri posteriori, e un bravo specialista può effettuarla in poco tempo, a prezzi inferiori rispetto ad una riverniciatura completa. Il futuro si preannuncia molto interessante, dato che diversi costruttori hanno presentato concept la cui vernice si ripara da sola ma può anche cambiare colore: chissà cosa ne pensa la Polizia..

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Cassazione riconsegna auto difettosa

Cassazione: riconsegna auto difettosa, va valutata la perdita di valore

Un minorenne può guidare l'auto per stato di necessità

Un minorenne può guidare l’auto per stato di necessità?

Chiamata di emergenza eCall: i sistemi di serie rallentano i soccorsi