Frenate d'emergenza a confronto: solo alcune prevengono l'incidente

I sistemi di frenata d'emergenza delle auto sono settati in modo diverso, alcuni per prevenire l'incidente altri solo per ridurre la forza d'impatto

26 agosto 2016 - 10:51

Uno studio della AAA americana, American Automobile Association, ha messo in evidenza come i sistemi di frenata automatica d'emergenza delle auto siano calibrati in modo diverso, riuscendo così a prevenire in modo maggiore o minore eventuali incidenti. Sono state messe sotto la lente d'ingrandimento cinque auto vendute nel 2016 e sono stati portati avanti circa 70 test prima di arrivare al risultato finale.

NON TUTTI SONO UGUALI L'Associazione Automobilistica Americana ha voluto mettere in evidenza, con l'aiuto anche del Centro Ricerche Automotive dell'Automobile Club della California del sud, la diversa calibrazione dei sistemi di frenata d'emergenza utilizzati oggigiorno dai Costruttori automotive (leggi anche della ricerca dell'EuroNCAP sull'efficacia della frenata automatica d'emergenza). Attualmente solo il 50% dei veicoli appena immatricolati sono dotati di questo sistema come optional, ma si punta a montarlo sulla quasi totalità delle auto entro il 2022, come standard, complice una già buona diffusione del concetto di frenata automatica almeno tra gli americani (leggi delle assicurazioni che vogliono praticare sconti per le auto che montano l'AEB).

LE PERCENTUALI DI FUNZIONAMENTO Nonostante molte auto montino tali sistemi, però, non tutti sono stati progettati per frenare completamente l'auto e quindi evitare del tutto l'incidente, ma diversi hanno solo il compito di rallentare la corsa del veicolo per garantire una forza d'impatto nettamente minore. Sono stati circa 70 i test svolti in pista con cinque auto, ed è stato dimostrato che i sistemi elettronici che cercano di prevenire l'indicente hanno diminuito del 79% la velocità di avanzamento, contro il -40% fatto registrare da quelli che prevedono solo la diminuzione della pericolosità dell'incidente. Quando si parla di evitare un'altra auto che precede, che procede ad una velocità di 30 miglia orarie inferiore, nel primo caso è stato ottenuto un 60% di prevenzione della collisione, contro solo il 33% ottenuto dai sistemi che cercano solo di rallentare l'auto, divario che aumenta sensibilmente quando ci si avvicina ad un'auto ferma alla velocità di 45 miglia orarie: i sistemi che cercano di evitare l'incidente hanno funzionato nel 74% dei casi, contro il 9% dei successi ottenuti dai sistemi che semplicemente riducono la velocità.

LA PERCEZIONE DEGLI AUTOMOBILISTI Nella psiche degli automobilisti americani si sta cominciando a diffondere in modo sempre più capillare l'idea che il freno automatico funzioni, tanto che il 71% di essi che ce l'ha montato sulla propria auto è fermamente convinto serva da ausilio, mentre solo il 41% delle persone che non lo monta pensa sia davvero efficace. Mediamente sono gli uomini più propensi delle donne a scegliere un'auto con tale sistema come prossimo acquisto, parliamo del 42% degli uomini contro il 35% delle donne.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Misure antismog Emilia-Romagna

Emilia-Romagna: stop diesel Euro 3 dall’1 ottobre 2022 (ed Euro 4 nel 2023)

Move-in Milano: come chiedere la deroga per gli accessi in Area B

Lo Psicologo del Traffico 15 anni dopo: chimera o realtà?