Ford: il nuovo display headup anti abbagliamento arriva in Europa

Attraverso la nuova Focus Ford introdurrà in Europa un nuovo head up display dallo schermo più chiaro e luminoso per contrastare l'abbagliamento

28 giugno 2018 - 12:35

A volte il sole può generare diversi problemi nella visualizzazione dei dati riportati sull'head-up display distogliendo l'attenzione degli automobilisti e aumentando il rischio di incidenti. Ford ha sviluppato una nuova tecnologia prendendo spunto da quella utilizzata nei jet militari: questa permetterà all'head-up display di essere sempre chiaro e fornire il giusto supporto anche nelle peggiori situazioni di luce, e verrà presto introdotta in Europa sulla quarta generazione di Ford Focus.

IL PROBLEMA DEGLI OCCHIALI POLARIZZATI Come spiegato dal Chief Program Engine di Ford Focus, Glen Goold: “Indossare occhiali polarizzati può fare una grande differenza per la visibilità dei conducenti affetti da abbagliamento”. Secondo Ford quindi, alcuni head-up display nascondono un “difetto” per chi indossa quel tipo di occhiali: le lenti pensate per contrastare l'abbagliamento rendono quasi invisibile il piccolo schermo di supporto che si trova davanti al navigatore (scopri quali sono le lenti più adatte per la guida). Sfruttando l'esperienza delle tecnologie utilizzate sui jet militare, dove anche i piloti indossano caschi con lenti polarizzate, Ford ha creato un head up display che emette una luce più potente, in grado di contrastare l'effetto della polarizzazione. Ma c'è anche un altro problema, che non deriva dalle lenti ma direttamente dalla luce solare.

“CONTRO” IL SOLE Soprattutto nel periodo estivo (proteggiti dal caldo con i nostri consigli), il tramontare del Sole accieca gli automobilisti e crea diverse difficoltà, tra cui proprio quella di rimettere a fuoco le informazioni presenti sull'head up display,(come potete vedere nel video seguente). Per avvalorare questa tesi, Ford sfrutta alcune ricerche effettuate nel Regno Unito secondo le quali il sole basso sarebbe identificato come la causa di quasi il doppio degli incidenti provocati da neve, pioggia e nebbia messi insieme (scegli le gomme adatte ad ogni stagione). Altri sistemi utilizzano onde luminose che vibrano parallelamente alla strada, al contrario l'head-up display progettato da Ford utilizza onde che vibrano in maniera perpendicolare e che perciò forniscono un'immagine sempre nitida anche in condizioni di poca visibilità o appunto con lenti polarizzate. Lo schermo è inoltre composto in policarbonato ed ha un rivestimento multi strato che consente agli ingegneri di controllare la polarizzazione, il colore e la riflessione della luce adattandolo alle esigenze di sistema e guidatore.

FOCUS LA PRIMA AD AVERLO La nuova Ford Focus da poco lanciata si presenta come un salto generazionale non solo in termini di design e confort, ma soprattutto in termini di tecnologia. La berlina è stata pensata seguendo la filosofia “Human Centric” che oltre ad un'estetica minimalista degli interni offre una maggiore protezione per gli occupanti della vettura. Tra gli avanzati sistemi di assistenza e sicurezza troviamo il Pre Collision Assist con riconoscimento pedoni e ciclisti (sai che verrà considerato nei nuovi Crash test EuroNCAP?) o il Post Collision Braking, per ridurre l'impatto di un'eventuale collisione secondaria. Ma questi sono solo esempi, la vera novità che nessun altro modello Ford può ancora vantare in Europa è proprio l'head up display. Il sistema proietta i dati direttamente sul parabrezza, a seconda delle specifiche del veicolo il guidatore potrà avere a disposizione informazioni su: velocità corrente, Traffic Sign Recognition, Adaptive Cruise Control, navigatore, indicatore di marcia e notifiche di emergenza. Purtroppo però è considerato un optional (scopri quanto ci costa la sicurezza), e non sarà possibile averlo con meno di 500 euro. 

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO

Airbag difettosi ZF-TRW: l’indagine USA riguarda oltre 12 milioni di auto

Le auto connesse non potranno fare a meno di Amazon

La benzina supera 2 euro/l in autostrada, aumenti anche alle pompe bianche