Ford compra una cavia Tesla: la Model X pagata a peso d'oro

Smascherata Ford: in marzo avrebbe pagato una fortuna per uno dei primi esemplari di Tesla Model X. In lista d'attesa anche altri Costruttori

21 aprile 2016 - 8:59

Ford acquista uno dei primi esemplari di Tesla Model X e pur di averlo sborsa una cifra ben più alta del prezzo di listino. Trapela una certa brama nel volere a tutti i costi un esemplare del crossover elettrico da poter studiare. La Casa dell'Ovale Blu non sarebbe però l'unico nome eccellente interessato a studiare la tecnologia e le soluzioni sviluppate dagli ingegneri di Elon Musk.

ALTRO CHE SCONTO PROMOZIONALE La Tesla Model X è una vettura quanto mai rara e difficile da possedere al momento, la lista d'attesa è molto lunga e lunghi sono i tempi per la consegna (leggi Elon Musk blocca la Model X a un cliente che lo insulta). Ford evidentemente aveva una gran fretta di poter disporre di un esemplare del crossover elettrico, visto che ne ha pagato uno 199.950 dollari (212.000 tasse incluse), oltre 50.000 in più rispetto al prezzo di listino. Non è una novità che i costruttori di auto acquistino, solitamente senza particolari clamori, automobili della concorrenza per confrontarle, studiarle e magari fare un po' di reverse engineering per “comprendere” meglio qualche soluzione innovativa. Ma lo shopping dell'Ovale Blu stavolta ha fatto notizia. A darne notizia è il media finanziario Bloomberg, il quale sarebbe risalito al costruttore americano tramite la targa. Una Model X per strada si fa decisamente notare e nell'area di Detroit gli avvistamenti di un esemplare bianco, con targa del Michigan hanno suscitato non poca curiosità. La verifica della targa ha svelato numerosi e interessanti dettagli sull'auto e su come Ford è riuscita a venirne in possesso.

UNA MODEL X DA CONCORSO A PREMI La Model X acquistata da Ford è una Founders Edition, una edizione limitata con allestimento full optional ufficialmente non in vendita al pubblico, ma destinata a scopi promozionali e di rappresentanza. Il crossover in questione, contrassegnato dal numero di telaio 64, è stato vinto da un certo Wayne Skiles grazie al programma di referral lanciato da Tesla Motors subito dopo la presentazione dell'auto. Il signor Skiles ha infatti ricevuto la Model X come premio per aver portato almeno 10 nuovi clienti alla Casa californiana. Dopo averla ritirata, l'abile più che fortunato vincitore, ha immediatamente messo in vendita l'auto presso un dealer di Chicago, con l'ovvio intento di fare un buon profitto.

BIG DELL'AUTO IN LISTA D'ATTESA Scoperto tutto sull'ultimo acquisto Ford è facilmente immaginabile che la Model X verrà svoltata come un calzino e studiata nei minimi dettagli dai tecnici della storica Casa americana, la quale è impegnata nello sviluppo di 13 nuovi modelli elettrici e ibridi da lanciare entro il 2020 (Ford è al lavoro anche sulla guida autonoma). Secondo Michelle Kerbs, analista di Autotrader.com, Ford non è l'unico costruttore interessato a studiare la tecnologia Tesla. Tra gli acquirenti dei primi esemplari del crossover elettrico ci sarebbero, probabilmente in incognito, grandi nomi dell'industria automobilistica come General Motors o Toyota, i quali, dopo il plateale smascheramento di Ford, saranno certamente più cauti nel tenere celati i propri acquisti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Green NCAP, il tool per misurare l’efficienza auto: come funziona

Test e-Fuel e Biodiesel: quanto diminuiscono le emissioni auto?

Eccesso di velocità: in Austria confisca del veicolo per chi corre