Dieselgate: 2,1 milioni di Audi truccate nel mondo

Spuntano le prime cifre sui veicoli del brand VW. Anche le Audi della gamma motorizzate con 2.0 TDI e il 1.6 TDI nell'occhio del ciclone

29 settembre 2015 - 9:44

In queste ultime ore, Audi ha fatto sapere che oltre 2 milioni dei suoi veicoli sono toccati dallo scandalo dei test anti inquinamento tra gli 11 milioni di auto con motore TDI “truccato” da parte del gruppo Volkswagen la scorsa settimana. Ma la storia non finisce qui: oltre al marchio con gli Anelli di Ingolstadt, ci sarebbero altri brand – sempre di proprietà VW – posti sotto le luci dei riflettori per la stessa vicenda.

TOCCA ORA AL PREMIUM – Bisognava aspettarselo. Secondo quanto pubblicato dai nostri colleghi di Automotive News Europe, Audi, il marchio di lusso del gruppo Volkswagen, ha ammesso oggi che 2,1 milioni dei suoi veicoli mossi con i motori 1.6 TDI e 2.0 TDI in circolazione sono equipaggiati del software il cui scopo è quello di aggirare i test anti inquinamento. Questa cifra di 2,1 milioni di veicoli Audi rientra negli 11 milioni di automobili annunciate la scorsa settimana da parte del gruppo VW. Secondo il portavoce Jürgen De Graeve, questi modelli verranno richiamati per aggiustare la problematica che ruota intorno al famoso “diesel gate”.

SOPRATTUTTO IN EUROPA – Le versioni TDI del marchio Audi in Nord America si limitano principalmente al modello A3 e rappresentano solamente 13.000 esemplari. Invece, in Europa, i motori TDI equipaggiano praticamente tutti i modelli del costruttore con i quattro Anelli, vale a dire A1, A3, A4, A5, A5, TT, Q3 e Q5. Lo scandalo è ancora più profondo per VW non tanto negli USA, quanto in Europa poiché i veicoli con motore diesel rappresentano quasi metà delle vendite, ovvero 500.000 veicoli. E non finisce qui, ci sono ancora i marchi Skoda e Seat nel mirino. Skoda, il costruttore ceco di VW, ha confermato che 1,2 milioni di veicoli sono toccati dal diesel gate di cui tanto si parla ultimamente. Lo spagnolo Seat invece indica che la vicenda riguarda alcuni suoi veicoli, senza tuttavia precisare un numero preciso. Ci sono poi altri motori TDI come il V6 3.0 litri, motore che muove i modelli più top di gamma come le A6, A7 e Q7, di cui al momento non abbiamo notizie ma che sappiamo essere sotto investigazione.

ULTIMATUM IN GERMANIA – Il governo tedesco, molto imbarazzato da questo scandalo che tocca la sua industria principale, vuole che VW presenti sin dal 7 ottobre un piano di correzione per aggiustare questo software che equipaggia alcuni dei motori TDI. I procuratori tedeschi hanno aperto un'inchiesta criminale sull'ex amministratore delegato Martin Winterkorn che si è dimesso subito dopo la tormenta. Il consiglio di amministrazione di Volkswagen ha nominato Matthias Muller, ex CEO di Porsche, a capo del gruppo. I titoli borsistici di Volkswagen e Audi fanno un tuffo di 7,85% e 4,2% rispettivamente proprio mentre scriviamo queste notizie dell'ultimo minuto.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Move-In Emilia Romagna

Move-In Emilia Romagna: come funziona dal 1° gennaio 2023

Traffico 10 e 11 dicembre 2022: previsioni rientro dal Ponte

Conseguire la patente: un lavoro in team