Segnale complementare

Segnali complementari: quali sono e significato

Alla scoperta dei segnali complementari: quali sono e significato dei cartelli che servono per evidenziare il tracciato stradale o segnalare particolari curve o punti critici

29 aprile 2021 - 12:00

In base a ciò che dispone l’articolo 42 del Codice della Strada, i segnali complementari servono per evidenziare o rendere noto il tracciato stradale, particolari curve e punti critici e gli ostacoli posti sulla carreggiata o ad essa adiacenti. Rientrano inoltre nella definizione di ‘segnali complementari’ anche quei dispositivi destinati a impedire la sosta o a rallentare la velocità (ne parleremo a parte). Vediamo quali sono e il significato di ciascuno.

SEGNALI COMPLEMENTARI: PANNELLO CON NUMERO DEI TORNANTI

Il pannello con numero dei tornanti (per ‘tornante’ si intende una curva con un angolo di curvatura prossimo ai 180°, che ha pertanto un raggio molto ridotto ed è quindi pericolosa) ne indica il numero progressivo: 1, 2, 3, ecc. Ad esempio in una strada con tre tornanti di fila, prima del primo tornante viene posto il pannello con la scritta 1, prima del secondo quello con la scritta 2 e prima del terzo, ovviamente, il pannello con la scritta 3, in modo che il conducente possa regolarsi di conseguenza. Questi pannelli sono posti anche nei tratti di strada che portano ai passi di montagna, per far notare al conducente quanto manca alla cima del valico, poiché la maggior parte delle strade che portano ai valichi presentano una serie di tornanti.

SEGNALI COMPLEMENTARI: DELINEATORI DI MARGINE

I delineatori di margine possono essere per strade a doppio senso (con elementi rifrangenti di colore bianco e rosso) o per strade a senso unico (colore giallo, di forme diverse). Hanno il compito di visualizzare meglio l’andamento della strada, soprattutto nei casi di scarsa visibilità per nebbia, neve o forte pioggia. Sono posti a una distanza di massimo 50 metri l’uno dall’altro nei rettilinei, mentre in curva la distanza dipende dal raggio di curvatura della curva, ma comunque mai oltre i 50 metri.

– Nelle strade a doppio senso il delineatore con l’elemento rifrangente bianco si trova a sinistra, quello di colore rosso a destra (del conducente).

– Nelle strade o carreggiate a senso unico il delineatore con i due elementi rifrangenti gialli si trova a sinistra, quello con il rettangolo giallo a destra (sempre del conducente).

SEGNALETICA COMPLEMENTARE: DELINEATORI DI MARGINE PER GALLERIE A SENSO UNICO E PER STRADE DI MONTAGNA

Tra i segnali complementari più comuni c’è anche il delineatore di margine posto ai lati delle gallerie a senso unico, usato anche per evidenziare deviazioni o strettoie della carreggiata. Il delineatore per strade di montagna si trova invece posizionato ai lati della carreggiata nelle strade montuose soggette a innevamento, al fine di rendere meglio visibili i bordi della strada qualora ci sia della neve.

SEGNALI COMPLEMENTARI: DELINEATORI DI CURVA STRETTA O DI TORNANTE

Il delineatore di curva stretta o di tornante è usato per segnalare una curva stretta e con mancanza di visibilità, quindi da affrontare con la massima prudenza. Si trova sulle strade extraurbane, di solito dopo il segnale di curva pericolosa. A seconda della direzione delle frecce può indicare una curva stretta (o tornante) verso destra o verso sinistra. Di norma è di colore bianco e nero: se invece è bianco e rosso significa che la curva stretta è provvisoria ed è dovuta a lavori in corso.

SEGNALE COMPLEMENTARE: DELINEATORE MODULARE DI CURVA

Quest’altro segnale stradale complementare, il delineatore modulare di curva, è utilizzato per migliorare la visibilità delle curve. Infatti si trova in serie di più cartelli per evidenziare una curva pericolosa a destra o a sinistra (in base alla direzione della freccia) e può trovarsi sia su strade a senso unico che a doppio senso.

SEGNALI COMPLEMENTARI: DELINEATORI PER INCROCIO A T E DI OSTACOLO

Chiudiamo questa breve guida sul significato dei segnali complementari con gli ultimi due pannelli: il delineatore di incrocio a T e il delineatore di ostacolo. Il primo si trova in corrispondenza degli incroci dove non è possibile proseguire diritto, e indica pertanto la possibilità di svoltare a destra o a sinistra. Mentre il delineatore di ostacolo viene solitamente posizionato all’interno della carreggiata per segnalare, appunto, un ostacolo, come possono essere un salvagente stradale, un’isola di traffico o uno spartitraffico. Il delineatore di ostacolo è rifrangente per garantire una migliore visibilità nelle ore notturne e nelle giornate con scarsa visibilità.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Viaggi all'estero 2021

Rientri dall’estero 2021: stop alla quarantena per i viaggi da UE e UK

Tesla Autopilot: conducente arrestato per guida pericolosa

Auricolari alla guida

Auricolari alla guida: rischio incidente in 1 caso su 2