Neopatentati 2022: nessun limite di potenza con accompagnatore esperto

Novità nel decreto Infrastrutture 2021 per i neopatentati: nessun limite di potenza se al fianco del guidatore siede un accompagnatore esperto

14 dicembre 2021 - 16:30

Tra i tanti emendamenti al decreto Infrastrutture 2021 una modifica ha riguardato i neopatentati e in particolare il limite di potenza che dev’essere rispettato nel primo anno di guida. L’emendamento ha introdotto infatti una deroga che permette di condurre un qualsiasi veicolo di categoria B, senza nessun limite di kW, fin dal conseguimento della corrispettiva patente, ma a una particolare condizione. La modifica è divenuta effettiva dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della legge di conversione del decreto Infrastrutture, approvata prima alla Camera e poi al Senato.

Aggiornamento del 14 dicembre 2021 dopo la pubblicazione in G.U. della legge che ha parzialmente modificato la norma sul limite di potenza dei neopatentati.

NEOPATENTATI: LIMITI DI POTENZA VIGENTI

L’articolo 117 comma 2-bis del Codice della Strada dispone che “ai titolari di patente di guida di categoria B, per il primo anno dal rilascio, non è consentita la guida di autoveicoli aventi una potenza specifica, riferita alla tara, superiore a 55 kW/t. Nel caso di veicoli di categoria M1 (le autovetture fino a nove posti, ndr) si applica un ulteriore limite di potenza massima pari a 70 kW”. Sono esclusi da queste limitazioni i veicoli adibiti al servizio di persone disabili in possesso di apposito pass e se il disabile è presente nel veicolo.

Quindi, ricapitolando: nel primo anno dopo il conseguimento della patente B la legge stabilisce un limite di 55 kW (o 75 CV) per tonnellata, valore ottenuto dalla relazione tra il peso del veicolo e la potenza del motore. E un ulteriore vincolo, per i soli veicoli M1, di una potenza massima di 70 kW (o 95 CV).

Il rapporto potenza/tara dei veicoli immatricolati dopo il 4 ottobre 2007 è specificato nella pagina 3 del libretto di circolazione o del documento unico, mentre per i veicoli immatricolati prima si può usare il tool gratuito del Portale dell’Automobilista inserendo semplicemente la targa. La sanzione per chi guida una vettura non idonea è una multa da 165 a 661 euro con sospensione della patente da due a otto mesi.

NEOPATENTATI 2022: LA DEROGA AL LIMITE DI POTENZA

La legge di conversione del decreto Infrastrutture 2021 non ha cancellato questo limite per i neopatentati, ma ha inserito una deroga che consente ai conducenti freschi di patente B di guidare un’auto senza vincoli di kW. Nel dettaglio si prevede che le limitazioni di potenza per i neopatentati B non si applicano se al fianco del conducente si trova, in funzione di istruttore, una persona di età non superiore a 65 anni, munita di patente valida per la stessa categoria (o per una categoria superiore: C o D) e conseguita da almeno 10 anni. In pratica la stessa figura prevista obbligatoriamente per le guide con il foglio rosa.

Quindi un neopatentato può guidare un veicolo di qualunque potenza anche nel primo anno dal conseguimento della patente B, purché accompagnato da un conducente esperto (patentato da almeno 10 anni e con età non superiore a 65) che deve necessariamente sedersi al fianco del guidatore, facendogli da ‘istruttore’.

Ricordiamo che già durante le guide con il foglio rosa non era previsto alcun limite di potenza, limite che però resta valido durante le guide accompagnate.

NEOPATENTATI: GLI ALTRI LIMITI DA RISPETTARE

La deroga introdotta dal decreto Infrastrutture 2021 è l’unica che riguarda i neopatentati, per il resto rimangono validi tutti gli altri vincoli che riguardano i neo-conducenti, in particolare quelli relativi ai limiti di velocità per i primi tre anni (100 km/h nelle autostrade e 90 km/h nelle strade extraurbane principali, a prescindere se al fianco ci sia o meno un accompagnatore esperto). Ai neopatentati si applica pure la doppia decurtazione dei punti della patente, inoltre nel primo triennio di patente il tasso alcolemico del guidatore neopatentato dev’essere sempre pari a zero.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

acea emissioni ue

ACEA fissa i target per l’azzeramento della CO2 nel 2035

Mobility manager: cosa fa, quando è obbligatorio [novità 2022]

Quanto è sicura la microcar XEV YOYO di Enjoy?