Alcol e droga al volante: oltre 3700 multati in 24 ore in Europa

Le polizie stradali europee hanno controllato oltre 167 mila conducenti in 24 ore: Roadpol fa il bilancio delle multe per alcol e droga al volante

1 giugno 2022 - 10:41

Il consumo di alcol e droga prima di mettersi al volante è spaventosamente dilagante, complici anche i controlli su strada diminuiti a causa del Covid. Ecco perché l’operazione Alcohol & Drugs delle polizie stradali europee si può riassumere in un resoconto che dovrebbe spingere a un cambio di rotta nel contrasto del fenomeno. Dai controlli su strada coordinati in 12 Paesi da Roadpol, il network delle forze di polizia europee, oltre 3700 conducenti sono stati multati in sole 24 ore.

ALCOL E DROGA: 3700 MULTE IN 24 ORE

L’operazione “Alcohol & Drugs” di maggio, come riporta RoadPol in un comunicato stampa, si è svolta con massicci controlli di 24 ore lungo le strade di 12 Paesi membri. Sono questi i numeri che riassumono i controlli effettuati in un solo giorno:

167.000 conducenti controllati in tutta Europa durante il giorno e la notte dell’operazione;

3.724 conducenti sono risultati sotto l’effetto di alcol;

358 conducenti sono risultati sotto l’effetto di droghe;

TRA 18 E 25 ANNI AUMENTA IL RISCHIO DI SOTTOVALUTARE GLI EFFETTI DI ALCOL E DROGA

I limiti di alcol nei Paesi europei sono variabili, ma la guida in stato di ebbrezza è sanzionata ovunque. Roadpol infatti ricorda che alcuni Stati hanno tolleranza zero (per tutti o solo per neopatentati e professionisti). Mentre in altri Paesi è consentito un limite di alcol variabile. I conducenti più a rischio sono quelli tra 18 e 25 anni – secondo Roadpol, perché spesso ignari dei rischi provocato da alcol e droga al volante. Spesso non considerano il fatto che anche piccole quantità di stupefacenti rendono i conducenti inadatti alla guida.

ALCOL E DROGA AL VOLANTE: GLI INDIZI DELLA POLIZIA

È importante ricordare che la capacità di guida può essere compromessa anche per l’assunzione di farmaci, quindi controllate sempre eventuali controindicazioni sul libretto o chiedete al medico. “È stato scientificamente provato che guidare sotto l’effetto di alcol o droghe aumenta significativamente la possibilità di essere coinvolti in una collisione, commenta Henk Jansen della polizia dei Paesi Bassi e segretario del work group Roadpol. “In molti incidenti in cui la polizia è arrivata sul posto, il conducente del veicolo sembrava essere sotto l’effetto dell’influenza”.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Move-In Emilia Romagna

Move-In Emilia Romagna: come funziona dal 1° gennaio 2023

Federispettori denuncia: ecco come ci costringono a far passare revisioni non regolari

Traffico 10 e 11 dicembre 2022: previsioni rientro dal Ponte