Auto usate: il mercato frena, ma il diesel è in testa alle preferenze

In ottobre il mercato delle auto usate perde l'1.6% ma cresce su base annuale, le motorizzazioni diesel continuano a tentare in Italia ed Europa

8 novembre 2016 - 10:00

In Italia il mercato dell'auto di seconda mano in ottobre ha vissuto una battuta d'arresto, segnando un segno negativo seppur contenuto. A pregiudicare la “performance” commerciale delle auto usate ha contribuito un giorno lavorativo in meno, rispetto allo stesso periodo del 2015, così come ha fatto sentire il suo peso il superammortamento per le nuove immatricolazioni da parte dei possessori di partita IVA. Nelle scelte di chi opta per un'automobile usata il diesel continua a farla da padrone, resistendo alla concorrenza di motorizzazioni più attuali e pulite.

CALANO I PASSAGGI DI PROPRIETÀ A OTTOBRE Scorrendo i dati del bollettino Autotrend risulta evidente come il mercato delle auto usate in ottobre abbia perso abbrivio, registrando un decremento del 1.6% al netto delle minivolture. Come anticipato in apertura, a produrre il segno negativo hanno contribuito il giorno in meno rispetto a ottobre 2015 e la “tentazione” degli sgravi fiscali previsti per l'acquisto di auto nuove. Per ogni 100 vetture nuove ne sono state vendute 175 usate nel mese di ottobre e 150 dall'inizio dell'anno; da gennaio comunque il mercato ha registrato incrementi complessivi del 4.3%. Da uno studio statistico pubblicato da Autoscout24, il portale specialistico per gli annunci di auto usate, si evince come sia cresciuto l'AGPI, indice del costo medio tutte le inserzioni pubblicate, raggiungendo quota 14.300 euro (+1,7% rispetto a settembre).

DIESEL DIFFICILE DA SPEGNERE Il futuro del diesel è quanto poco promettente e roseo, da un pezzo è stato sfatato il mito del gasolio come carburante eco-friendly e l'epopea del Dieselgate Volkswagen è ormai un capitolo tristemente indelebile della storia dell'automobile (Hai già letto del trucco VW sulle auto con cambio automatico). Se a questo aggiungiamo il progressivo ostracismo delle grandi Capitali internazionali nei confronti delle auto a gasolio le prospettive sono pessime. A dispetto di questa realtà dei fatti sul mercato delle auto usate il diesel continua a viaggiare a gonfie vele, lo conferma lo studio statistico prodotto da Autoscout24; l'analisi accenna anche ai dati UNRAE dai quali si evince che non è soltanto il seconda mano a preferire il gasolio.

IL DIESEL CONTINUA AD ALLETTARE GLI UTENTI EUROPEI Anche nelle vendite del nuovo l'ago della bilancia continua a pendere verso il diesel; da gennaio a settembre 2016 sul totale delle nuove immatricolazioni le vendite di modelli a gasolio hanno rappresentato il 56.9% contro il 33.1% di quelle dei veicoli a benzina. Questo trend non interessa soltanto l'Italia ma è condiviso da un po' tutti i Paesi del Vecchio Continente (Qui trovi tutti i dati del mercato auto in Italia ad ottobre); il Financial Times ha infatti evidenziato come in Europa il diesel continui a rappresentare oltre il 50% delle vendite, mentre negli Stati Uniti e in Giappone è relegato intorno all'1% del parco circolante.

MODELLI TEDESCHI NEI SOGNI DEGLI ITALIANI L'analisi di Autoscout24 ha evidenziato anche quali siano i modelli diesel più ricercati sulla piattaforma online delle auto usate. In questo ambito “digitale” il modello più desiderato, analizzando le ricerche da gennaio a ottobre, è la BMW Serie 3 nelle sue varianti a gasolio, nonostante registri un calo del 2.18%. La bavarese è seguita dall'inossidabile e sempre verde Volkswagen Golf, la quale mostra un trend in crescita nelle preferenze degli utenti con un +6% nelle ricerche e vanti il primato di auto più ricercata di ottobre. La piazza d'onore delle bestseller dell'usato online (Se vuoi acquistare un'auto usata, leggi la nostra guida per non commettere errori) è occupata dalla Audi A3, la media di Ingolstadt registra un +3.72% rispetto al 2015.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Move-In Emilia Romagna

Move-In Emilia Romagna: come funziona dal 1° gennaio 2023

Traffico 10 e 11 dicembre 2022: previsioni rientro dal Ponte

Conseguire la patente: un lavoro in team