Tesla: richiamo per circa 500 mila Model 3 e Model S

Ecco perché Tesla ha richiamato le Tesla Model 3 e Model S: i bollettini dell’NHTSA e i dettagli del problema da controllare

3 gennaio 2022 - 10:16

Tesla ha fatto della sicurezza attiva e passiva il suo fiore all’occhiello confermata anche nei crash test europei NCAP e nelle severe prove USA dell’IIHS. Non deve quindi sorprendere il richiamo cautelativo delle Tesla Model 3 e Model S per controllare la funzionalità di cofano motore e retrocamera di parcheggio. Su alcune Tesla, l’anomalia potrebbe inficiare il funzionamento dei sistemi di assistenza alla guida o provocare un incidente, secondo l’NHTSA, che ha pubblicato i bollettini dei richiami. Ecco di cosa si tratta nei dettagli e la stima delle auto da riparare.

RICHIAMO TESLA MODEL 3

Il richiamo Tesla Model 3 è legato all’usura del cavo coassiale che collega la retrocamera di manovra al display centrale sulla plancia. Il problema è stato identificato nei test interni che effettua Tesla già a partire da giugno 2020, quando ha aperto un’indagine sul problema informando l’NHTSA. Il bollettino di richiamo dell’NHTSA riporta che il richiamo e la verifica dell’integrità del cavo, sono dovuti alla possibilità che l’apertura e la chiusura del cofano posteriore possano aver accelerato l’usura dei cablaggi. Si tratta di un difetto piuttosto frequente anche sulle auto tradizionali: sul forum Alfa Romeo ad esempio se ne parla molto. Il controllo delle Tesla Model 3 è necessario perché, l’agenzia della sicurezza dei trasporti spiega che: “L’usura del rivestimento del cavo può causare sfarfallio o funzionamento intermittente della retrocamera”. L’NHTSA inoltre ricorda che “se la camera per la retromarcia non funziona può aumentare il rischio di collisione”. Tuttavia il numero stimato di auto che Tesla pensa di dover riparare è circa l’1% di quelle richiamate. In particolare:

– Tesla Model 3 prodotte dal 15 luglio 2017 al 30 settembre 2020;

– Numero di veicoli da controllare: 356.309;

Il Service Tesla verificherà l’integrità del cavo coassiale e, se necessario, installerà un elemento di rinforzo con una curvatura più ampia di quella precedente che impedisce al cavo di danneggiarsi. Se il cavo dovesse risultare danneggiato, sarà sostituito integralmente e i clienti che avevano già effettuato la riparazione a proprie spese saranno rimborsati. Tesla specifica che l’anomalia non coinvolge le Tesla Model 3 MY 2021 poiché il design del componente è stato modificato.

RICHIAMO TESLA MODEL S

Il richiamo Tesla Model S invece potrebbe rappresentare un rischio di incidente se la chiusura secondaria del vano bagagli anteriore cede all’improvviso. A questo problema, come riporta il bollettino NHTSA, Tesla ha dedicato più indagini, prima su una flotta di Tesla Model S interne, poi su quelle dei clienti. Nonostante siano emersi pochi casi di difettosità (4 reclami in garanzia), Tesla ha comunque deciso di richiamare le auto per verificare il corretto allineamento del gancio di sicurezza anteriore. “Se il blocco principale del bagagliaio viene rilasciato inavvertitamente e il fermo secondario non è inserito, il bagagliaio potrebbe aprirsi improvvisamente e impedire la visibilità del guidatore, aumentando il rischio di incidenti”, afferma l’NHTSA. Tesla ha comunicato che – secondo le stime – circa il 14% delle auto richiamate saranno riparate. In particolare:

– Tesla Model S prodotte dal 16 settembre 2014 al 23 dicembre 2020;

– Numero di veicoli da controllare: 119.009;

Il Service Tesla verificherà se il cofano anteriore è trattenuto adeguatamente dal gancio secondario. In caso contrario effettuerà una regolazione per allineare la chiusura di sicurezza. I clienti che hanno già effettuato in precedenza la riparazione di tasca propria saranno rimborsati. Mentre Tesla specifica che il componente è stato utilizzato solo sulle Tesla Model S e fino al periodo di produzione indicato.

RICHIAMI SULLA SICUREZZA DEI VEICOLI NEGLI USA

Un altro caso di richiamo poi riguarda la funzione Passenger Play, che di recente è stata messa al vaglio dell’NHTSA proprio da un cliente Tesla preoccupato, come abbiamo già spiegato in questo articolo. E’ opportuno ricordare che l’attenzione delle autorità USA ai rischi di sicurezza delle auto è sempre molto alta. Quindi il richiamo di migliaia di veicoli è un provvedimento dovuto che non esonera nessun Costruttore di autoveicoli.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Test e-Fuel e Biodiesel: quanto diminuiscono le emissioni auto?

Euro NCAP: 11 auto a 5 stelle, migliorabili Puma, Touran e 408

Eccesso di velocità: in Austria confisca del veicolo per chi corre