Lo swap batterie ridurrà i prezzi delle auto elettriche?

Le auto elettriche costano troppo? In Cina parte il progetto di swap delle batterie a noleggio che punta a ridurre anche il costo

18 febbraio 2022 - 13:00

Acquistare un’auto elettrica con una batteria enorme non è la soluzione all’ansia da autonomia, a maggior ragione se poi nell’uso quotidiano la maggior parte degli automobilisti usa tra il 10 e il 20% della capacità. Da questa evidenza CATL, che in testa ai primi 10 produttori di batterie al litio al mondo, sta investendo sempre di più nello swap (scambio) delle batterie. La soluzione EVOGO punta ad abbattere il prezzo delle auto elettriche e partirà da 10 città in Cina, per poi espandersi in modo più capillare. Ecco perché sostituire la batteria invece di ricaricare alla colonnina risolverà molte criticità in ambito urbano.

CATL INVESTE NELLO SWAP BATTERIE AUTO ELETTRICHE

Un’auto elettrica con un’enorme batteria, perché “è meglio per stare tranquilli” si rivela antieconomico per la maggior parte degli acquirenti. A sostenerlo è proprio CATL che sta investendo tramite una sua controllata CAES, negli HUB per il Battery Swap EVOGO. Il progetto ripropone l’idea della condivisione della batteria, ma anziché collegare l’auto alla colonnina di ricarica, si scambia la batteria scarica con uno o più moduli già ricaricati. L’aspetto interessante è che l’intera operazione richiederebbe circa 1 minuto per la sostituzione di ogni Choco-SEB (Choco – swapping electric block). E’ così che sono stati battezzati i moduli batteria disegnati con un chiaro riferimento alle tavolette di cioccolato.

I VANTAGGI DI SCAMBIARE LE BATTERIE INVECE DI ACQUISTARLE

L’idea è nata principalmente per risolvere alcuni dei problemi più noti legati alla diffusione delle auto elettriche:

– separando il valore della batteria (la cui sostituzione oggi può costare anche più dell’auto, se fuori garanzia), dal valore dell’intera auto, i prezzi di acquisto dovrebbero abbattersi notevolmente secondo CATL;

– Il costo di utilizzo dovrebbe beneficiare sia i privati ma anche le flotte aziendali con riguardo al TCO dei veicoli elettrici;

– Non sarà più necessario pagare un costo elevato solo per assecondare l’ansia da autonomia, che poi non si recupera nel tempo. L’autonomia delle auto elettriche diventa personalizzabile, infatti EVOGO prevede la possibilità di noleggiare da 1 a 3 moduli Choco-SEB in base alle esigenze del momento;

LO SWAP BATTERIE COMPATIBILE GIA’ CON L’80% DEI VEICOLI ELETTRICI

Secondo CATL, la soluzione EVOGO, permetterà di risolvere anche le criticità legate alla capillarità delle reti di ricarica e al fermo auto per il pieno elettrico. Ogni stazione di swapping può contenere fino a 48 Choco-SEB con densità di energia di oltre 160 Wh/kg a cui sarebbe attribuita un’autonomia fino a 200 km per singolo modulo. Occupando lo spazio di circa 3 posti auto, EVOGO riuscirebbe a fare il cambio batteria in 1 minuto, con una compatibilità attuale dell’80% dei veicoli che in origine prevedono una piattaforma BEV. L’azienda afferma che nei prossimi 3 anni si raggiungerà la totale compatibilità tra i moduli Choco-SEB e le vetture di segmento A (citycar), B (utilitarie), C (medie) e i veicoli commerciali leggeri. Questa soluzione sarà adottata inizialmente in 10 città in Cina e sembra destinata ad avere un forte impatto sul mercato. Avremo in circolazione molte più auto elettriche con un’autonomia ridotta e un prezzo accattivante?

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Incidenti stradali: negli USA è record di vittime dal 2005

Parcheggio Malpensa terminal 1 e 2: costo e orari 2022

Multa zona traffico limitato: quanto costa?