Colonnine di ricarica ai distributori: il 60% si adegua alle elettriche

Vuoi le colonnine di ricarica ai distributori di benzina? Grazie a un accordo il 60% delle stazioni di servizio italiane si adeguerà alle elettriche

17 novembre 2022 - 12:00

Si allarga la maglia delle colonnine di ricarica pubbliche grazie all’accordo tra Powy (ex TheF Charging) e Assopetroli-Assoenergia per l’installazione di punti di ricarica nei distributori di carburante associati. L’obiettivo dell’intesa è ampliare l’attuale offerta delle stazioni di servizio con la soluzione di ricarica fast e ultra-fast per veicoli elettrici, affinché in Italia si possa costruire un sistema infrastrutturale efficiente e ben distribuito.

COLONNINE DI RICARICA IN 11.000 DISTRIBUTORI DI CARBURANTE ITALIANI

Assopetroli-Assoenergia è l’associazione che dal 1949 rappresenta le imprese della distribuzione di carburanti e combustibili, sia all’ingrosso che al dettaglio. Ne fanno parte circa 11.000 impianti che valgono oltre il 60% delle stazioni di servizio collocate sulle strade italiane. La partnership con Powy, azienda italiana che offre servizi innovativi per la ricarica di veicoli elettrici, punta quindi a dotare di colonnine gli 11.000 distributori associati ad Assopetroli-Assoenergia, creando una rete capillare di punti di ricarica fast e ultra-fast da nord a sud dello Stivale, isole comprese. Condizione imprescindibile per agevolare la diffusione di auto elettriche, visto che a frenare le vendite, oltre al prezzo delle vetture, è proprio l’insufficiente sistema infrastrutturale, specie in alcune zone d’Italia (anche se qualcosa si sta muovendo con il progetto di Free to X sulla rete autostradale di ASPI).

PUNTI DI RICARICA IN ITALIA: PER AMPLIARE LA RETE SFRUTTARE LE STAZIONI DI SERVIZIO

Per dotare l’Italia di un sistema infrastrutturale di ricarica efficiente e ben distribuito è necessaria l’installazione di colonnine anche nelle tradizionali stazioni di servizio”, ha spiegato Lodovico Cavazza Isolani, Chief Business Development Officer di Powy, nel presentare l’accordo, “Vista la capillarità delle stazioni sul territorio e in quanto punti di sosta fondamentali nelle medie e lunghe percorrenze, possono infatti diventare luoghi strategici per tutti i conducenti di veicoli elettrici. È inutile cercare nuovi spazi per l’installazione di colonnine quando possiamo disporre di un asset già pronto, come i distributori, sia nei centri urbani che, soprattutto, lungo le autostrade”.

COLONNINE DI RICARICA NEI DISTRIBUTORI DI CARBURANTE: QUALI SONO LE PROPOSTE

A seguito dell’accordo, tutti i distributori associati ad Assopetroli-Assoenergia potranno scegliere di entrare a fare parte del network di Powy, arricchendo la propria offerta di erogazione di carburanti tradizionali con il servizio di ricarica per i veicoli elettrici. La convenzione dedicata da Powy agli associati di Assopetroli-Assoenergia prevede tre differenti proposte:

– offerta ‘Chiavi in mano’ per cui Powy fornirà le colonnine di ricarica e si occuperà dell’installazione e gestione del servizio;

– offerta ‘Co-investimento’ che prevede un coinvolgimento delle singole imprese che si faranno carico di parte dei costi necessari per l’espletamento di alcune attività di gestione;

– infine offerta ‘Senza Pensieri’, una soluzione a zero rischi e zero costi, per cui Powy si farà carico di tutti i costi per la realizzazione, installazione e gestione della stazione di ricarica.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

colonnine ricarica ue

Colonnine di ricarica con POS: la proposta del Parlamento UE

Blocco traffico Roma 4 dicembre 2022: orari e deroghe

Ricarica CCS vs NACS: la presa Tesla è “rischiosa” per i Costruttori