Batterie auto elettriche copiate: Volkswagen rischia lo stop

Le batterie per auto elettriche LG Chem copiate rischiano di bloccare la produzione dei veicoli: Volkswagen tra i Costruttori più a rischio

15 febbraio 2021 - 15:00

Il mercato delle auto elettriche ha retto il colpo inferto dall’emergenza sanitaria a suon di incentivi con e senza rottamazione. Ma il caso delle batterie per auto elettriche copiate sembrerebbe una minaccia ancora peggiore per alcuni costruttori come Volkswagen e Ford. Un rischio che molti Costruttori, Tesla in primis, evitano rivolgendosi a diversi produttori o organizzando in proprio la produzione di batterie auto elettriche. Ecco perché Volkswagen è tra i produttori che negli USA rischia di più.

IMPORTAZIONE BATTERIE AUTO ELETTRICHE VIETATA NEGLI USA

La diatriba legale tra LG Chem e SK Innovation, è la prova che produrre batterie per auto elettriche in casa non è un’idea così assurda, come molti top manager dei Costruttori sostenevano qualche anno fa. Se non altro, è curioso scoprire come la fitta rete di intrecci nati fuori dagli Stati Uniti rischia di bloccare la produzione delle auto elettriche per Volkswagen e Ford. Entrambi i Costruttori infatti hanno assegnato la fornitura di batterie per veicoli elettrici all’azienda SK Innovation. La minaccia deriva da un’accusa di furto di segreti industriali da parte di LG Chem, principale competitor in Corea di SK Innovation. La questione delle batterie auto elettriche copiate è arrivata fino a coinvolgere la Commissione per i Trasporti Internazionali USA, come riporta Reuters.

L’ACCUSA DI AVER COPIATO LE BATTERIE PER AUTO ELETTRICHE

L’ITC (International Trade Commission) ha emesso un divieto di importazione di batterie per auto elettriche nei confronti di SK Innovation, schierandosi dalla parte di LG Chem (tra l’altro già fornitore di Tesla e General Motors). Il divieto della durata di 10 anni però esclude l’importazione di componenti per la produzione negli USA delle batterie. Proprio le batterie impiegate nel programma di elettrificazione e produzione del Ford F-150 EV e della piattaforma Volkswagen MEB. Questa decisione – secondo l’ITC – permetterà ai produttori di auto di cercare nel frattempo altri fornitori, ma secondo Volkswagen rischia di creare una condizione di svantaggio.

CONCESSI SOLO COMPONENTI, MA PER UN TEMPO LIMITATO

Volkswagen ha infatti investito 800 milioni di dollari per costruire auto elettriche nello stabilimento USA e il rischio di uno stop potrebbe essere catastrofico. Il Costruttore ha infatti chiesto alle autorità USA l’estensione della deroga all’importazione dei componenti SK Innovation. Per Ford infatti il permesso vale 4 anni, il doppio rispetto a quanto concesso a Volkswagen. Entrambi i Costruttori sperano che la diatriba sulle batterie per auto elettriche si risolva quanto prima e dimostra come il mercato (dei fornitori) sarà sempre più agguerrito e competitivo. Bisognerà capire quanto questo renderà le auto elettriche più convenienti.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

DPCM 6 marzo 2021

DPCM Draghi 6 marzo 2021: bozza e regole fino a Pasqua [PDF]

Il MIT cambia nome: nasce il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili

Covid-19: lo smog rafforza il virus, lo studio in 82 città italiane