Auto ibride BMW: richiamo per 9 modelli a rischio incendio

Le auto ibride BMW a rischio incendio: tutti i modelli 2020 richiamati per un difetto alla batteria che si può manifestare durante la ricarica esterna

16 ottobre 2020 - 15:00

Le auto ibride BMW potrebbero incendiarsi per un difetto alle batterie ad alta tensione. Il richiamo auto ibride BMW coinvolge praticamente tutti i modelli ibridi Plug-in prodotti nel 2020. Un problema che – secondo le prime valutazioni – comporta un rischio da evitare durante la ricarica della batteria. Ecco quali sono le auto ibride BMW richiamate e come comportarsi se ne state guidando una.

RISCHIO INCENDIO PER LE AUTO IBRIDE PLUG-IN BMW

Il rischio incendio delle BMW Ibride Plug-in riguarderebbe circa 27 mila veicoli venduti in tutto il mondo. La buona notizia è che solo un terzo sarebbe già nelle disponibilità dei proprietari, mentre le altre sono auto in attesa di vendita/consegna. Il problema alle batterie delle auto ibride BMW sembrerebbe riconducibile alla presenza di impurità all’interno dei moduli. Una possibilità che, secondo il Costruttore, potrebbe verificarsi solo su alcuni modelli, da qui il richiamo cautelativo. Attualmente, come molte Case auto, anche BMW ha scaglionato la produzione delle celle tra diversi fornitori: ad oggi CATL e Samsung, dal 2024 anche Northvolt.

LE AUTO IBRIDE BMW NEL RICHIAMO PER LA BATTERIA

Le auto ibride BMW che potrebbero incendiarsi sono i modelli Plug-in Serie 3, 5 e 7, X1, X2 , X3 e X5 , la Serie 2 Active Tourer e la Mini Countryman PHEV. A questi poi si aggiungono anche la BMW i8 fino alla fine della produzione 2020. Tutte le auto ibride Plug-in prodotte nelle fabbriche BMW dal 20 gennaio 2020 al 18 settembre 2020 potrebbero avere una falla nella batteria. La soluzione dovrebbe arrivare entro la fine di ottobre 2020 e non sembrerebbero esserci rischi durante la guida dell’auto.

RISCHIO INCENDIO BATTERIA BMW: COSA FARE IN ATTESA DEL RICHIAMO

Il rischio incendio batteria alle BMW ibride Plug-in, infatti, si verificherebbe a causa di corto circuito durante la carica completa. Ecco perché ai proprietari è stato sconsigliato di ricaricare le batterie totalmente tramite colonnina. Il richiamo BMW ha molto in comune con il richiamo della Hyundai Kona elettrica per rischio incendio. L’occasione è utile a ricordare anche che, come mostrato nei test di consumo delle auto ibride Plug-in, senza la ricarica esterna, si perdono i benefici dell’ibrida ricaricabile, più pesante ma meno efficiente di un’auto a benzina equivalente.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Assemblea Ania

Assemblea Ania: RC auto in calo del 5%, ma si può fare di più

Multa sconto 30%

Notifica multe: come si calcolano i 90 giorni per l’annullamento

Auto nuove in Europa: +1% le immatricolazioni a settembre 2020