Auto connesse ma contromano: la soluzione è in un'app Bosch

La guida contromano diventerà inesistente in futuro? Per lo meno, sarà più semplice prevenire i casi grazie a Bosch e alla connettività onboard

7 settembre 2015 - 12:00

Il futuro dell'auto? Sempre più connesso alla rete e agli smartphone in modo da essere aggiornati di continuo e in tempo reale. Una nuova trovata contro la guida pericolosa ci giunge da Bosch. L'azienda teutonica sta attualmente sviluppando una soluzione basata sul cloud che avvisa i conducenti in caso di arrivo di veicoli che procedono contromano. Questa nuova tecnologia viene al momento progettata in modo tale da ricevere un avviso entro 10 secondi.

L'ANGELO CUSTODE – Proprio così la definisce Dr. Dirk Hoheisel, membro del consiglio di amministrazione del management presso Bosch. Implementata come semplice modulo software, questa funzione di avviso non sarà destinata solo ed esclusivamente alle prossime auto, ma potrà essere integrata anche all'interno di sistemi multimediali già esistenti o nell'app. Il fornitore di tecnologia e servizi sta pensando di lanciare la sua produzione in massa e non stiamo parlando di un futuro lontano. Un angelo custode che, prima di parlare in tedesco, parlava anche svedese visto che prima di Bosch l'azienda Navtech ClearWay aveva implementato un sistema simile in prova sulle autostrade italiane.

COME FUNZIONA? – Al fine di poter rilevare la guida contromano, questa funzionalità basata sul cloud mette a confronto i movimenti istantanei del veicolo con la direzione di marcia corretta. Queste informazioni sono immagazzinate all'interno di un database presente sul web. Se queste due informazioni entrano in conflitto, il conducente che sta procedendo contromano viene avvisato subito. Allo stesso momento, anche i conducenti che procedono nello stesso tratto stradale ricevono un avviso. Questa funzionalità si affida a report regolari e anonimi della posizione di ogni veicolo sul cloud, ovvero un computer centrale nel quale vengono salvaguardati tutti i dati analizzati in internet. Più veicoli connessi ci sono, più gli automobilisti possono essere avvisati della presenza di conducenti contromano in modo più chiaro e sicuro.

NON CI SARA' DA ASPETTARE TROPPO – Questa nuova funzionalità sarà disponibile come servizio cloud a partire da inizio 2016. Potrà essere integrato in applicazioni quali Bosch myDriveAssist, così come nelle soluzioni di infotainment proposte dai costruttori. A medio termine, la soluzione potrà essere anche integrata in servizi di chiamate di emergente standardizzate come eCall. L'avviso del conducente in guida contromano richiede una connessione continua alla rete. Il sistema funzionerà se il veicolo sarà già provvisto di una soluzione di questo tipo al suo interno, ma anche se lo smartphone dell'automobilista sarà connesso al veicolo utilizzando un'integrazione del tipo Bosch mySPIN. La buona notizia è che una di queste opzioni di connessione è spesso presente nell'auto e può sempre e facilmente essere aggiornato. L'installazione è semplice: non c'è bisogno di integrare nessun altro tipo di hardware extra. Questo sistema di cloud sarà ben presto globale poiché rappresenta una soluzione economica. Il dirigente del gruppo tedesco ha infine spiegato che il brand sta attualmente cercando di convincere i principali mercati in modo che questo sistema possa salvare delle vite umane il prima possibile.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Gli italiani fanno meno km degli altri automobilisti in Europa

Metano auto

Metano auto: aumento del contributo gestione bombole dal 1° ottobre

Come guadagnare un reddito extra dal proprio garage