USA: strade vuote ma aumentano le multe per eccesso di velocità

Le strade vuote spingono a schiacciare l’acceleratore: la polizia USA lancia l’allarme sull’eccesso di velocità e l’aumento degli incidenti stradali gravi

22 aprile 2020 - 13:44

Le limitazioni per Coronavirus hanno svuotato le strade delle città semi deserte per l’emergenza Covid-19. Le strade vuote in queste settimane però non sembrano produrre effetti sulla sicurezza stradale o almeno non negli USA. E’ la denuncia della Polizia in molti Stati: le infrazioni per eccesso di velocità in aumento; il 30% in più di solo a Los Angeles. Gli automobilisti sono convinti che gli agenti siano tutti impegnati a fronteggiare l’emergenza Coronavirus e dimenticano che a guardarli ci sono gli autovelox automatici. Il problema maggiore è che con l’eccesso di velocità, per quanto le strade siano vuote, porta con se un aumento degli incidenti mortali in diverse città USA.

STRADE VUOTE E INCIDENTI IN CALO, MA NON QUELLI GRAVI

E’ inevitabile che con meno auto per le strade, il numero di incidenti stradali scende, è quanto accade in California e Ohio. Ma parallelamente le autorità statunitensi lanciano l’allarme sulle strade vuote usate come autostrade, dove l’eccesso di velocità di diffonde a macchia d’olio. Come riporta ABCNews, i funzionari della GHSA (Governors Highway Safety Association) rilevano un aumento delle infrazioni per eccesso della velocità come conseguenza alla riduzione del traffico. Per avere un‘idea, New York e San Francisco sono tra le città dove le strade si sono svuotate del 60%. Eppure solo a New York City il 27 marzo sono raddoppiate le multe per eccesso di velocità (oltre 27 mila) rispetto al mese precedente. E il tweet di un consigliere comunale di NYC, non lascia spazio all’immaginazione: “auto e moto che corrono sulla Belt Parkway a Bay Ridge sono diventati una ninna nanna spaventosa”.

STRADE VUOTE USATE COME AUTOSTRADE

Tutto questo deriva dalla convinzione che la polizia non possa intervenire se un’auto supera il limite di velocità, un po’ come gli alcoltest sospesi in Italia per il Coronavirus. In Iowa, il traffico è diminuito di circa il 50% eppure secondo sono aumentate da 64 (marzo 2019) a 103 (marzo 2020) le infrazioni per eccesso di velocità oltre 100 miglia orarie (160 km/h). Un comportamento simile alla guida si è diffuso anche in Oregon (oltre 90 km/h), Colorado (206 km/h con limite a 90 km/h) e in molti altri Stati che hanno dichiarato lo stato di emergenza per Coronavirus.

STRADE VUOTE E INCIDENTI STRADALI MORTALI NEGLI USA

L’effetto del Coronavirus e delle strade vuote negli USA ha si portato una riduzione degli incidenti stradali, ma in molte città sono in aumento gli incidenti più gravi. I dati sono chiaramente limitati alle città che hanno osservato il fenomeno più di altre nelle ultime settimane. Come nel Minnesota, dove l’eccesso di velocità ha portato a un aumento degli incidenti mortali da 17 (nel 2019) a 25 (nel 2020) tra il 16 marzo e il 12 aprile nonostante -50% di traffico. Lo stesso più o meno in Missouri: -40% di traffico al 13 aprile ma incidenti stradali mortali in aumento da 189 a 191. Guidare in modo incosciente purtroppo non mette solo a rischio la sicurezza degli altri utenti della strada, ma anche dei pazienti già ricoverati. L’appello unanime della polizia USA è quello di usare la testa, non molto diverso dal preferire l’auto alla moto in caso di necessità.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

L’Autopilot investe i pedoni: la Tesla Model 3 fallisce il test

Gomme invernali Hankook i*cept evo 3: i nuovi pneumatici anche UHP e SUV

Cassazione sorpasso contromano

Cassazione: il sorpasso contromano comporta due infrazioni