Porsche produrrà Benzina sintetica dal 2022: -85% di CO2 con l’e-fuel

La produzione di benzina sintetica per la sopravvivenza delle auto super sportive: l’annuncio Porsche, mentre i petrolieri investono nelle colonnine di ricarica

17 febbraio 2021 - 13:20

La produzione di benzina sintetica potrebbe essere il collegamento di una transizione verso le auto elettriche che non esclude i motori ICE con meno emissioni di CO2 ed NOx. L’annuncio Porsche della produzione di benzina sintetica dal 2022 è qualcosa di particolarmente curioso, se si pensa che le maggiori compagnie petrolifere cercano di diventare sempre più “green” investendo nelle colonnine di ricarica. Come riporta Autocar, Porsche è pronta per la produzione di benzina sintetica che dovrebbe garantire emissioni fino all’85% in meno di CO2.

BENZINA SINTETICA: LA PRODUZIONE GIA’ DAL 2022

Al culmine della presentazione della nuova Porsche 911 GT3, è stato lo stesso Oliver Blume, CEO Porsche AG a confermare la produzione di benzina sintetica già dal 2022. Il progetto, annunciato di recente, vede impegnata Porsche con altri partner in Sud America, tra cui Siemens Energy, AME, Enel e ENAP (compagnia petrolifera cilena). L’obiettivo è la produzione di benzina sintetica per 55 milioni di litri entro il 2024 e arrivare a 550 milioni di litri di e-fuel entro il 2026. “I carburanti sintetici possono essere utilizzati nei motori a combustione e nelle auto ibride plug-in sfruttando la rete esistente di distribuzione”, ha dichiarato Blume.

LA BENZINA SINTETICA SALVERA’ LE AUTO SUPER SPORTIVE?

Il progetto della produzione di carburante benzina sintetica Porsche ricorda nelle intenzioni la sperimentazione di gasolio R33 da parte Volkswagen. La portata si presta però a una più ampia diffusione oltre i confini tedeschi. Il cavallo di battaglia della sperimentazione sarebbe la piena compatibilità con i motori ICE senza dover apportare modifiche. “Non è necessaria alcuna modifica al motore, a differenza di quanto abbiamo visto con la benzina E10 ed E20, afferma Frank Walliser, presidente della Porsche Sports Car. D’altronde con un orizzonte sempre più orientato a penalizzare i veicoli meno efficienti, la produzione di benzina sintetica mette al riparo anche il futuro dei modelli più performanti. Ma quali vantaggi si otterrebbero dalla benzina sintetica Porsche?

BENZINA SINTETICA E COLONNINE DI RICARICA AI DISTRIBUTORI

Non ci sarà alcun aumento di potenza, ma una riduzione di particolato e di emissioni di NOx, afferma il Costruttore. “Passando dal carburante tradizionale alla benzina sintetica le componenti chimiche diminuiscono da circa 30 a 10”, secondo Walliser, che ipotizza “su larga scala, ci aspettiamo una riduzione dell’impatto di CO2 di circa l’85%”. Nel frattempo, le compagnie petrolifere investono sempre di più in joint ventures e acquisizioni per marcare la transizione alle auto elettriche. Shell ad esempio ha investito in Ubitricity per installare 500 mila colonnine entro il 2025 sulla sua rete. IP e Q8 hanno accordato con Enel X un’espansione dei punti di ricarica per convertire le stazioni di rifornimento.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

DPCM 6 marzo 2021

DPCM Draghi 6 marzo 2021: bozza e regole fino a Pasqua [PDF]

Il MIT cambia nome: nasce il Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili

Covid-19: lo smog rafforza il virus, lo studio in 82 città italiane