Frigo per camper: quale modello scegliere, pro e contro Il frigo per camper è uno degli accessori più importanti per via dei benefici e delle comodità che è in grado di assicurare tutto l’anno

Frigo per camper: quale modello scegliere, pro e contro

Il frigo per camper è uno degli accessori più importanti per via dei benefici e delle comodità che è in grado di assicurare tutto l’anno

22 Dicembre 2022 - 04:12

Viaggiare con il camper significa muoversi in libertà e secondo i propri tempi. Ma non è affatto detto che non sia anche sinonimo di comfort. A fare la differenza è la cura dei dettagli associata alla conoscenza delle proprie esigenze. Pensiamo ad esempio alla disponibilità di un frigo per camper. Che si tratti di un viaggio nella stagione estiva o in quella invernale, cambia poco: questo elettrodomestico si rivela sempre utile. Tuttavia la scelta del migliore frigo da comprare non è affatto semplice e né scontata. Non ci riferiamo solamente al prezzo d’acquisto ma alla tecnologia su cui scommettere. Prima infatti di procedere con calcoli e comparazioni, è certamente utile comprendere quali sono le tipologie di frigo per camper tra cui scegliere. Solo a quel punto, dopo che le idee sono diventate chiare, diventa possibile andare alla ricerca del modo per risparmiare. Ma andiamo per ordine.

FRIGO PER CAMPER A COMPRESSIONE: PRO E CONTRO

La prima soluzione da prendere in considerazione da parte di chi è alla ricerca di un frigo per camper è quella a compressione. Si tratta di una soluzione di facile e immediata gestione. Al netto della differenza nelle dimensioni e alimentato a 12 V, è un elettrodomestico simile a quello utilizzato in ambito domestico. Il passo in più è rappresentato dall’alimentazione energetica attraverso i pannelli fotovoltaici da installare sul tetto del camper. Perché scegliere un frigo per camper a compressione? Sicuramente per via del costo d’acquisto inferiore rispetto ad altri prodotti. In pratica è la proposta maggiormente a buon mercato. Pollice in su per la sua versatilità in quanto funziona anche se le temperature all’esterno del camper sono particolarmente elevate. Dal punto di vista pratico, il frigo per camper a compressione è piuttosto silenzioso e con vibrazioni limitate. Proprio per via della sua modalità di alimentazione, può essere utilizzato senza il supporto della bombola a gas. Di contro, può consumare molto in termini di energia elettrica.

FRIGO PER CAMPER TRIVALENTE: PRO E CONTRO

Di diversa concezione è il frigo per camper di tipo trivalente. Si tratta di un prodotto più complesso. A differenza del frigo per camper a compressione si caratterizza infatti per la presenza di una triplice fonte di alimentazione. C’è la batteria da 12 V, ma c’è anche l’alimentazione con resistenza a 220 V. A cui si aggiunge quella a gas. Va da sé che la sua versatilità è massima e si rivela particolarmente congeniale nelle aree di sosta per la possibilità di allacciarsi alla rete elettrica. Sul versante dei consumi, un frigo per camper a compressore fa registrare valori da 2,5 Ah a 4,5 Ah sulla base della dimensione del modello scelto. Un frigo per camper di tipo trivalente consuma circa 16-17 grammi di gas all’ora se la sua capacità è di 100 litri. Altrimenti cresce in maniera progressiva. Ma va da sé la scelta di un frigorifero più capiente all’interno del camper deve tenere conto dello spazio a disposizione così come delle effettive esigenze di chi lo utilizza. In ballo c’è anche l’ottimizzazione degli spazi interni del camper, sempre soggetto al rispetto di regole comuni di comportamento.

LA TERZA POSSIBILITÀ: IL FRIGO PER CAMPER TERMOELETTRICO

C’è anche una terza possibilità da tenere in considerazione ed è il frigo per camper termoelettrico. La consideriamo una alternativa in quanto si tratta più di un raffreddatore che di un frigorifero vero e proprio. Dal punto di vista prestazionale è infatti inferiore rispetto alle due soluzioni che abbiamo esposto. Non a caso è consigliato per viaggi brevi oppure per esperienze a corto raggio. In base al modello scelto, può funzionare con elettricità a 12 o 24 V oppure a 220 V. Uno dei punti di forza è comunque l’impegno di spesa ridotto per portarlo a casa. Essendo di piccole dimensioni è facile da incastrare e da trasportare. Se volessimo semplificare, potremmo definire il frigo per camper termoelettrico una sorta di borsa frigo. Di contro occorre tenere conto delle prestazioni non ottimali, soprattutto quando la temperatura esterna è elevata. Di conseguenza è fondamentale conoscere le proprie esigenze ovvero il consumo e le modalità di utilizzo de frigo per pianificare un acquisto intelligente.

Commenta con la tua opinione

X