Fascia verde Roma: come cambia la Ztl dal 15 novembre 2022?

Novità per la Fascia verde Roma: come cambia la Ztl dal 15 novembre 2022 e quali sono i nuovi divieti introdotti per limitare il traffico

11 novembre 2022 - 10:45

Cambia il regolamento della Ztl di Roma: dal 15 novembre 2022 le limitazioni dell’Anello Ferroviario vengono estese all’area della Fascia Verde, introducendo nuove misure di limitazione permanenti, programmate ed emergenziali per la prevenzione e il contenimento dell’inquinamento atmosferico nella Capitale. Anche i confini della Fascia Verde subiscono una leggera modifica (vedi mappa in basso), restando comunque all’interno del Grande Raccordo Anulare.

FASCIA VERDE ROMA: NUOVI DIVIETI DAL 15 NOVEMBRE 2022

Da martedì 15 novembre 2022 nella zona a traffico limitato denominata Fascia Verde Roma si osservano i seguenti divieti:

divieto permanente di accesso e di circolazione dal lunedì al sabato h24, con esclusione della domenica e dei giorni festivi infrasettimanali, per queste tipologie di veicoli:

– autoveicoli alimentati a benzina e a gasolio pre-Euro 1, Euro 1 ed Euro 2;
– autoveicoli alimentati a gasolio Euro 3;
– ciclomotori e motoveicoli alimentati a benzina pre-Euro 1 ed Euro 1 e a gasolio pre-Euro 1, Euro 1 ed Euro 2.

In caso di superamento dei limiti di inquinamento il divieto di accesso e circolazione viene esteso ai seguenti veicoli:

– autoveicoli a gasolio Euro 4, Euro 5 ed Euro 6 nelle fasce orarie 7:30-10:30 e 16:30-20:30.

Cliccando sulla seguente mappa si possono vedere i nuovi confini della Ztl Fascia Verde, indicati con la linea rossa tratteggiata (la linea verde traccia quelli vecchi).

FASCIA VERDE ROMA: DIVIETI 2023 – 2024

La Giunta capitolina ha inoltre stilato il calendario dei futuri divieti della Fascia Verde Roma che saranno in vigore dal 2023 e dal 2024.

In particolare a partire dal 1° novembre 2023 il divieto permanente di accesso e di circolazione dal lunedì al sabato sarà esteso a:

– autovetture alimentate a gasolio Euro 4 nella fascia oraria 7:30-20:30;
– veicoli commerciali N1, N2, N3 alimentati a gasolio Euro 4 nelle fasce orarie 7:30-10:30 e 16:30-20:30;
– ciclomotori e motoveicoli alimentati a gasolio Euro 3.

A partire invece dal 1° novembre 2024 il divieto permanente di accesso e di circolazione dal lunedì al sabato sarà esteso a:

– autoveicoli alimentati a benzina Euro 3.

Inoltre dal 1° novembre 2024 al 31 marzo di ogni anno il precedente provvedimento sarà valido anche per questi veicoli:

– autovetture alimentate a gasolio Euro 5 nella fascia oraria 7:30-20:30;
– veicoli commerciali N1, N2, N3 alimentati a gasolio Euro 5 nella fascia oraria 7:30-10:30 e 16:30-20:30.

FASCIA VERDE: DOMENICHE ECOLOGICHE 2022 – 2023

Anche per la stagione invernale 2022-2023, al fine di prevenire e contenere l’inquinamento atmosferico dovuto al traffico, il Comune di Roma ha programmate nella Ztl Fascia Verde 5 ‘domeniche ecologiche’ durante le quali vige il divieto totale di circolazione per il traffico privato (con alcune deroghe) dalle 7:30 alle 12:30 e dalle 16:30 alle 20:30. Le domeniche prescelte sono:

– 20 novembre 2022
– 4 dicembre 2022
– 8 gennaio 2023
– 5 febbraio 2023
– 26 marzo 2023.

NUOVI DIVIETI FASCIA VERDE ROMA: MISURE DI SOSTEGNO

Contestualmente all’introduzione dei nuovi divieti nella Fascia Verde, l’Amministrazione capitolina, tenendo in considerazione le esigenze socio-economiche e di mobilità dei cittadini, ha dato il via ad alcune misure di sostegno all’uso del trasporto pubblico, tra le quali:

– abbonamento annuale gratuito al Trasporto Pubblico in cambio della rottamazione di veicoli entro Euro 2 ed Euro 3 benzina ed Euro 3 ed Euro 4 diesel;

– incentivo, aggiuntivo a quelli statali, per il cambio di mezzi commerciali leggeri da Euro 3/5 a full electric;

– riedizione dello sconto Trasporto Pubblico per rete Mobility Manager.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

colonnine ricarica ue

Colonnine di ricarica con POS: la proposta del Parlamento UE

Blocco traffico Roma 4 dicembre 2022: orari e deroghe

Ricarica CCS vs NACS: la presa Tesla è “rischiosa” per i Costruttori