Consiglio acquisto auto GPL: budget fino a 15.000 euro

Le migliori auto GPL da comprare con un budget di 15.000 euro o poco più: leggete la nostra aggiornatissima guida all'acquisto con le schede di ben 20 vetture bifuel.

30 aprile 2019 - 17:55

Dopo le guide dedicate alle auto ibride ed elettriche, stavolta tocca ai consigli per l’acquisto di auto Gpl fino a 15.000 euro o poco più (diciamo che ci spingeremo da un minimo di 14.000 fino a un massimo di 18.000 euro, non un centesimo oltre). In realtà recentemente ci siamo già occupati delle vetture a doppia alimentazione benzina/Gpl, scelte in Italia da un vasto numero di automobilisti, selezionando i modelli più economici sul mercato, quelli disponibili con budget fino a 12.000 euro. E adesso torniamo sull’argomento alzando leggermente il target, per aiutarvi a scegliere l’auto a gas più adatta alle vostre esigenze senza mai mettere in secondo piano la sicurezza. Questa guida, così come tutte le altre, sarà costantemente aggiornata; tornate quindi spesso su questa pagina per scoprire le ultime novità sulle auto Gpl più vendute in Italia. Guida aggiornata il 30 aprile 2019.

COME SCEGLIERE L’AUTO GIUSTA

Tutti sappiamo quanto sia difficile scegliere l’auto giusta. Quanti acquirenti hanno optato per un determinato modello senza pensarci troppo, salvo rendersi conto dopo qualche mese di aver sbagliato clamorosamente automobile? A questo proposito vi consigliamo di focalizzare la scelta prima di tutto sulle vostre necessità. A parte il budget, è importante sapere l’uso che si farà dell’auto: casa-lavoro, viaggi, tempo libero, gite offroad? Pensateci bene prima di decidere su quale vettura valga la pena indirizzarsi (e investire). E valutate con attenzione anche altri aspetti, come per esempio il numero di km che pensate di percorrere in un anno. Perché da questo dipende la scelta di un’auto benzina, diesel, gpl o con alimentazione a bassi o bassissimi consumi. Detto questo, leggete con attenzione i parametri da considerare per scegliere l’auto giusta e poi passate alla nostra guida con i consigli per l’acquisto di auto Gpl con un budget fino a 15.000 euro o poco più, in rigoroso ordine alfabetico.

ALFA ROMEO MITO GPL

L’ultima versione dell’Alfa Romeo Mito è uscita nel 2016 conquistando subito una posizione di rilievo nell’affollatissimo segmento delle berline 2 volumi. Tra le versioni offerte al pubblico c’è anche la 1.4 GPL Turbo 120cv Urban con alimentazione bifuel, in vendita a 17.900 euro, appena nei limiti del nostro budget. È lunga 406 cm, ospita 4 persone comode e dispone di un bagagliaio da 270 a 1020 litri. La Mito monta un 4 cilindri da 1.4 cm3 e 120 CV/88 kW di potenza, consuma 8,1 l/100 km ed emette 131 g/km di CO2. Il crash test di Alfa Romeo Mito effettuato da Euro NCAP nel 2008 ha dato come esito 5/5 sulla protezione adulti.

DACIA DOKKER GPL

La Dacia Dokker è una monovolume compatta disponibile in ben sette versioni con alimentazione a gas. Il top di gamma è la Techroad 1.6 LPG da 14.600 euro. Tutte le versioni in commercio sono a trazione anteriore con cambio manuale, 1.6 di cilindrata, 100 CV/74 kW di potenza e 153 g/km di emissioni di CO2. Il consumo dichiarato è di 9,4 l/100 km. I punti di forza della Dacia Dokker sono il grande bagagliaio, che va dagli 800 ai 3.000 litri, e la modesta differenza di prezzo con i modelli a benzina: appena 500 euro. Non è stata ancora testata dall’Euro NCAP.

DACIA DUSTER GPL

Attualmente sono in vendita tre versioni Gpl della nuova Dacia Duster che rientrano nel nostro budget di riferimento. La 1.6 4×2 115cv GPL Comfort da 15.250 euro, la 1.6 4×2 115cv GPL Prestige da 16.250 euro e la 1.6 4×2 115cv GPL Techroad da 17.050 euro, prezzi tutto sommato concorrenziali per un suv. La Duster vanta una potenza di 115 CV/84 kW, un consumo combinato di 8,7 litri ogni 100 km ed emissioni di CO2 misurate in 141 g/km. Il bagagliaio ha una capacità di carico di 478 litri che raggiungono i 1.623 se si ribaltano i sedili posteriori. Leggete con attenzione la nostra prova su strada del nuovo Dacia Duster Gpl per tutti gli altri dettagli su questa vettura. Attenzione: la nuova Dacia Duster è stata valutata solo 3 stelle nel crash test Euro NCAP.

DACIA LODGY GPL

Monovolume compatto della casa rumena di proprietà del gruppo Renault, Dacia Lodgy offre interessanti prestazioni unite a una significativa riduzione dei consumi rispetto alla media di categoria. Le versioni Gpl con limite di spesa 15.000 euro sono quattro. Si parte dalla 1.6 Stepway 5p o 7p GPL, con prezzo di listino 14.750 euro, per finire alla 1.6 Techroad 5p o 7p GPL, acquistabile con 15.000 euro. Per ulteriori informazioni vi rimandiamo alla nostra prova su strada della Dacia Lodgy. Riguardo la sicurezza, il crash test Euro NCAP ha dato solo 3 stelle, ma l’ultima prova risale al 2012.

DR3 GPL

La DR3 è il nuovo crossover della casa automobilistica molisana DR Automobiles. realizzata sulla base della cinese Chery Tiggo 3x. Buono lo spazio nell’abitacolo (420 cm di lunghezza per 5 comodi posti), discreto quello a disposizione dei bagagli (da 420 a 1.000 litri). Disponibile in tre versioni tra cui la 1.5 GPL, con propulsore 4 cilindri ad alimentazione bifuel da 98 CV/72 kW. La DR3 dichiara 9,7 l/100 km di consumo combinato e 157 g/km di emissioni di CO2. Mai sottoposta a crash test Euro NCAP.

DR4 GPL

Se la DR3 vi risulta troppo piccola, provate allora il suv DR4, che rispetto alla ‘sorellina’ regala 14 cm in più di lunghezza (434 vs 420 cm) e un capacissimo bagagliaio da 600 litri. Ovviamente il prezzo sale un po’, assestandosi a 18.000 euro tondi tondi per entrambe le versioni Gpl, la 1.6 GPL Cross e la 1.6 GPL Sport. Il motore è un buon 4 cilindri 1.6 da 106 CV/78 kW, mentre i dati dichiarati su consumi ed emissioni segnano rispettivamente 9,2 l/100 km e 150 g/km. Non è stata ancora testata dall’Euro NCAP.

DR EVO5 GPL

E niente, DR Automobiles continua a ‘viziare’ i suoi clienti più esigenti, soprattutto in termini di spazio, con i 442 cm di lunghezza dell’altro suv DR Evo5, equipaggiato pure con un bagagliaio che parte piano (430 litri) ma cresce a dismisura fino a raggiungere la capacità massima di 1.680 litri. Abbastanza per infilarci dentro mezza casa. La Evo5 è proposta anche in versione 1.6 Gpl con motore da 118 CV/87 kW, 9,9 l/100 km di consumi e 160 g/km di emissioni. Per un pelo, quindi, scampata alla scure dell’Ecotassa 2019 – 2021. Che per un modello Gpl è un paradosso. No crash test Euro NCAP:

FIAT 500 GPL

Lanciata con la nuova versione nel 2007, la Fiat 500 è la vettura che ha riportato in alto il marchio torinese dopo qualche anno di crisi (specialmente di idee). Lunga 357 cm, ha 4 posti e 3 porte con un volume minimo del bagagliaio di 185 litri. Rinnovata nuovamente nel 2015, ha beneficiato di un gran numero di modifiche, volte soprattutto a migliorare il comfort a bordo. In riferimento al nostro budget 14-18.000 euro, la Fiat 500 dispone di due versioni con alimentazione bifuel benzina/Gpl: la 1.2 69cv EasyPower Pop da 16.250 euro e la 1.2 69cv EasyPower Lounge da 17.750 euro. Entrambe montano un propulsore 4 cilindri 1.2 da 69 CV/51 kW, consumano 5,6 l/100 km ed emettono 115 g/km di CO2. Testata nel 2017 da Euro NCAP, la Fiat 500 ha ottenuto solo 3/5 nel crash test.

FIAT PANDA GPL

Bisogna spendere 14.550 o 15.550 euro per assicurarsi le due versioni Gpl della Fiat Panda. Sono la 1.2 69 CV EasyPower E6d-Temp Easy e la 1.2 69 CV EasyPower E6d-Temp Lounge. Entrambe sono equipaggiate con un propulsore 1.2 da 69 CV/51 kW, hanno un consumo combinato di 7,2 litri per 100 km ed emissioni pari a 116 g/km. Da gennaio a marzo di quest’anno oltre 6.000 persone hanno acquistato la versione a gas della Panda, rendendola l’auto Gpl più venduta in Italia. Però il recente crash test della Fiat Panda è stato disastroso: 0 stelle di valutazione.

HYUNDAI I10 GPL

Le uniche versioni alimentate a gas della citycar sudcoreana Hyundai i10 che rientrano nel nostro budget, sono la 1.0 MPI Econext GPL Tech, venduta a 15.300 euro, e la 1.0 MPI Econext GPL ConnectLine, dal costo appena superiore: 15.800 euro. Hanno cinque posti (ma meglio accomodarsi in quattro), cinque porte e 252 litri di bagagliaio. Sono ambedue spinte da un motore con 67 CV/49 kW, dichiarano consumi nel ciclo misto di 6,3 l/100 km e 116 g/km di emissioni di CO2. Testata nel 2014 da Euro NCAP, la Hyundai i10 ha ottenuto nel crash test 4 stelle su 5.

HYUNDAI I20 GPL

Il nuovo modello della compatta Hyundai i20 è lungo 403 cm, ha 5 posti e 5 porte con un volume minimo del bagagliaio di 326 litri. Viene proposto, oltre che nella variante 5 porte, in versione coupé e crossover, quest’ultima denominata Active. Nel nostro range di spesa rientrano due versioni Gpl della i20: la 1.2 MPI Econext 75cv GPL Advanced da 16.750 euro e la 1.2 MPI Econext 75cv GPL 75cv Tech da 17.650 euro. A spingerle c’è un 4 cilindri da 73 CV/54 kW, con consumo dichiarato nel ciclo misto di 7,1 l/100 km e 129 g/km di emissioni di CO2. Nel 2015 il crash test di Hyundai i20 by Euro NCAP ha dato come esito 5/5.

KIA PICANTO GPL

Un’altra citycar che arriva dalla Corea del Sud: stavolta parliamo della nuova Kia Picanto, giunta alla terza generazione. Nella categoria risulta fra le meglio equipaggiate, grazie ai tanti accessori di serie. E chi preferisce l’alimentazione bifuel gas/benzina può optare per la versione 1.0 GPL Cool da 14.750 euro. Motore 1.0 da 65 CV/48 kW, 6,9 litri di consumo misto per 100 km e solo 100 g/km di emissioni. Nel 2017 il crash test della nuova Kia Picanto ha lasciato un po’ a desiderare fermandosi a sole 3 stelle.

KIA VENGA GPL

La monovolume compatta Kia Venga è stata sottoposta a restyling nel 2015 e il remake le ha conferito quel pizzico di grinta e originalità che forse non aveva mai avuto. Lunga 407 cm, ha 5 posti e 5 porte con un volume minimo del bagagliaio di 440 litri. Nella versione 1.4 CVVT Eco GPL Active è spinta da un 4 cilindri da 90 CV/66 kW di potenza, il consumo dichiarato nel ciclo misto è di 8,5 l/100 km con 137 g/km di emissioni di CO2. Il prezzo di listino parte da 17.750 euro. Testata nel 2010 da Euro NCAP, Kia Venga ha ottenuto 5 stelle nel crash test.

LANCIA YPSILON GPL

L’iconica utilitaria Lancia Ypsilon è forse l’unica vettura del glorioso marchio torinese che continua ad avere grande successo sul mercato delle auto. L’ultimo restyling del 2015 ha riguardato sia la carrozzeria che l’abitacolo e gli interni, con nuovi materiali.. La Ypsilon è lunga 383 cm, ospita comodamente 4 persone e dispone di un bagagliaio dal volume minimo di 245 litri. Nella nostra guida con i consigli per l’acquisto di auto Gpl da 15.000 euro circa rientrano la versione 1.2 69cv GPL Ecochic Elefantino (15.800 euro) e la 1.2 69cv GPL Ecochic Gold (17.100 euro). Per entrambe il motore è un 4 cilindri con 69 CV/51 kW. Il consumo dichiarato nel ciclo misto è di 7,2 l/100 km con 117 g/km di emissioni di CO2. Euro NCAP nel 2015 ha effettuato il crash test di Lancia Ypsilon che ha dato risultati molto modesti: 2/5.

MITSUBISHI SPACE STAR GPL

È lunga appena 379 cm, ma la Mitsubishi Space Star tutto può definirsi tranne che un’auto scomoda. E pure il bagagliaio, capiente 235 litri, ha il suo perché (in proporzione alle dimensioni della vettura). Qui però si parla di auto GPL economiche per cui andiamo subito al sodo. La Mitsubishi Space Star propone due interessanti versioni con alimentazione a gas: la 1.0 Funky bi-fuel GPL da 14.990 euro e la 1.0 Intense NAVI ClearTec bi-fuel GPL da 16.800 euro. Vantano tutte propulsori da 71 CV/52 kW, consumano appena 5,8 l/100 km ed emettono soltanto 94 g/km di CO2. Il crash test di Mitsubishi Space Star del 2013 ha ottenuto un punteggio di 4/5.

NISSAN MICRA GPL

Il 2016 ha visto arrivare la nuovissima versione dell’ormai mitica berlina 2 volumi Nissan Micra, una delle vetture bestseller di tutti i tempi. Insieme alle consuete motorizzazioni ci sono adesso due interessanti versioni con alimentazione benzina/Gpl. La prima è la IG‐T 90 GPL Start che costa 16.450 euro, la seconda la IG‐T 90 GPL Plus, venduta invece a 17.550 euro. Il propulsore è un 900 cm3 da 87 CV/64 kW, con 7,8 l/100 km di consumi dichiarati e 125 g/km di emissioni di CO2. E le misure? Rimediamo subito: 399 cm di lunghezza, 5 posti e bagagliaio da 300 litri di capacità minima. Nel 2017 il crash test Euro NCAP di Nissan Micra è stato valutato 4/5.

OPEL ADAM GPL

Opel Adam è una citycar dalle linee piuttosto originali, somigliante un po’ a una Mini. È lunga 369 cm e accoglie a bordo 4 persone. Ma è meglio che sul sedile posteriore si accomodino due bambini o quanto meno due adulti non particolarmente alti… La capacità minima del bagagliaio è di appena 170 litri, allargabile ribaltando gli schienali dietro. Insomma, avrete capito che la Adam è un’auto fatta su misura per una coppia, preferibilmente giovane. Tra le tante versioni ce ne sono due con alimentazione benzina/Gpl. 1.4 JAM GPL Tech 87cv MT5 in vendita a 15.900 euro e 1.4 GLAM GPL Tech 87cv MT5 acquistabile con 16.900 euro. Per entrambe c’è a disposizione un propulsore 1.4 da 87 CV/64 kW, con consumi dichiarati di 7,4 l/100 km ed emissioni di CO2 che non dovrebbero superare 109 g/km. L’ultimo crash test di Opel Adam risale al 2013 e ha avuto come esito 4 stelle su 5.

OPEL CORSA 3 e 5 PORTE GPL

Ci sono versioni Gpl sia per l’utilitaria Opel Corsa 3 porte che per la compatta Opel Corsa 5 porte. Sottoposte a restyling pochi anni fa, hanno subito un rimodernamento della parte estetica esteriore ma anche una serie di modifiche per quanto riguarda la meccanica. Continuano comunque a condividere la stessa lunghezza (402 cm), ma la 5 porte ha un bagagliaio leggerissimamente più ampio. Sia la Corsa 3 porte che la Corsa 5 porte hanno tre modelli bifuel (1.4 GPL Advance 90cv, 1.4 GPL Black Edition 90cv e 1.4 GPL Innovation 90cv). La 3 porte Gpl costa da 15.700 a 16.800 euro, la 5 porte Gpl da 16.450 a 17.550 euro. Il motore è sempre un 4 cilindri da 90 CV/66 kW di potenza, con 7,8 l/100 km di consumi dichiarati e 114 g/km di emissioni CO2. Nel 2014 il crash test di Opel Corsa fatto da Euro NCAP ha dato come risultato 4/5.

RENAULT CLIO GPL

Altra berlina 2 volumi che ha fatto decisamente epoca. La Renault Clio con i suoi 406 cm di lunghezza offre un’abitabilità valida per quattro passeggeri (anche se è omologata per cinque), mentre il bagagliaio che parte da 300 litri è ai vertici della categoria. Chi preferisce i motori Gpl può sbizzarrirsi tra la versione 0.9 TCE 90cv GPL Life (15.400 euro), la versione 0.9 TCE 90cv LPG Moschino Life (15.950 euro) e la versione 0.9 TCE 90cv GPL Business (17.550 euro). Montano tutte un 3 cilindri 900 cm3 da 90 CV/66 kW che consuma 6,9 litri ogni 100 km ed emette 109 g/km di CO2. Il crash test di Renault Clio del 2012 ha ottenuto 5/5.

RENAULT TWINGO GPL

La Renault Twingo è un’utilitaria che riscuote un certo successo tra chi deve muoversi prevalentemente nel traffico cittadino. I punti di forza sono infatti le ridotte dimensioni, l’agilità di manovra e i consumi molto ridotti. Che diventano ridottissimi nelle versioni con alimentazione a gas. La 0.9 TCE 66KW GPL Duel2, in vendita a 14.750 euro, e la 0.9 TCE 66KW GPL La Parisienne, il cui prezzo sale a 16.900 euro. La Renault Twingo Gpl è spinta da un motore da 90 CV/66 kW, ha un consumo misto di 7,4 l/km e dichiara 120 g/km di emissioni. Sottoposta a crash test nel 2014, la Twingo ha ottenuto 4 stelle su 5.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Pedoni regole per attraversare la strada

Pedoni: le regole per attraversare la strada

ADAS obbligatori dal 2022: l’elenco ufficiale va in Gazzetta UE

Auto senza chiavi: un’app risolverà i problemi più frequenti?