Come parcheggiare in un garage piccolo

Lo spazio non basta per l’auto? Ecco alcuni utili consigli su come parcheggiare in un garage piccolo senza fare danni

29 gennaio 2021 - 13:30

Può sembrare una domanda banale a chi non ha problemi di spazio, ma fidatevi, quando di mezzo c’è un’auto nuova, diventa legittima la domanda come parcheggiare in un garage piccolo? In questa guida non vi insegneremo ovviamente come fare retromarcia o come usare la frizione, ma vi daremo utili consigli sulle valutazioni  e come fare per parcheggiare in un garage piccolo senza fare danni.

COME PARCHEGGIARE IN UN GARAGE PICCOLO: LE MISURE

Chi decide di comprare un’auto nuova spesso neppure fa caso alle dimensioni della vettura, fidandosi delle misure dell’auto sul libretto di circolazione. E’ un grossolano errore che porta ai primi danni sottovalutati: sul libretto di circolazione non sempre è riportata la larghezza dell’auto ai retrovisori. Meglio quindi fare riferimento al libretto d’uso dell’auto (se l’avete già comprata e state cambiando garage) o alla scheda tecnica sul sito del costruttore (se state scegliendo il modello). E’ chiaro che in entrambi i casi le misure devono essere confrontabili. Meglio se:

– l’altezza del garage sia superiore all’altezza del bagagliaio aperto;

– la larghezza del garage sia almeno la larghezza dell’auto più lo spazio necessario per aprire la portiera e scendere senza contorsionismi;

– la lunghezza del garage deve permettere di parcheggiare e accedere al bagagliaio.

COME PARCHEGGIARE IN UN GARAGE PICCOLO: IN AVANTI O IN RETROMARCIA

Ora passiamo ai consigli su come parcheggiare in un garage piccolo. E’ scontato ma lo ricordiamo comunque che per evitare di danneggiare un’auto è sempre consigliabile assicurarsi dello spazio a disposizione. Metro alla mano quindi verificate che la lunghezza del garage a porta chiusa sia sufficiente alla vostra auto e che non serva chiudere uno dei retrovisori per entrare. A chi si chiede meglio parcheggiare in retromarcia o in avanti? La risposta dipende esclusivamente da:

– spazio esterno ai garage. Se il corridoio comune è stretto, sarà più facile entrare in retromarcia con un numero di manovre che dipendono dallo spazio a disposizione;

– presenza di porta basculante. Se si parcheggia in avanti, c’è il rischio che aprendo il bagagliaio vada a sbattere contro la porta basculante, che da aperta occupa buona parte della zona d’ingresso.

COME PARCHEGGIARE IN UN GARAGE PICCOLO: CONSIGLI UTILI PER EVITARE DANNI

Tra i consigli su come parcheggiare in un garage stretto, valgono le stesse regole, a volte sottovalutate, nelle manovre di parcheggio tra le auto. Se non avete a disposizione ausili come retrocamera e sensori può essere di aiuto sicuramente per le prime volte:

– Regolare i retrovisori laterali verso il basso, in modo da vedere chiaramente i passaruota e tenerli sotto controllo nelle manovre. Meglio se riuscite a vedere buona parte della fiancata fino ai parafanghi posteriori;

Parcheggiare in retromarcia nel garage stretto senza graffiare gli specchietti non è impossibile, basta fare manovre lente e non sterzare troppo. In questo modo si terrà l’auto quanto più parallela possibile alle pareti evitando di colpire con i retrovisori;

– Può aiutare mettere una scatola vuota di cartone contro il muro di fondo del garage le prime volte. O anche della spugna paracolpi morbida. Se però è troppo morbida non avrete alcun feedback e rischiate di fare danni;

– Se vi siete accorti che è meglio parcheggiare in retromarcia nel garage con porta basculante, ricordate di lasciare sufficiente spazio tra la porta e l’auto. Questo è importante perché in apertura e chiusura alcune porte basculanti “scorrono” avvicinandosi all’auto. Inoltre, se pensate di chiudere la porta basculante del garage con il cofano motore aperto (es. per cambiare la batteria), rischiate di sbatterci contro.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Guida autonoma Volvo: dal 2022 arriva il livello SAE 4

Opel Corsa F con airbag difettoso: 93 mila auto da richiamare

Targhe nere italiane

Targhe nere italiane: le trasformazioni negli anni