Frizione auto: come usarla al meglio

Quando usare la frizione auto, freno e frizione insieme e come usarla al meglio: ecco i consigli più utili per affinare la guida dell’auto

22 dicembre 2020 - 15:00

Torniamo a parlare di una delle domande più curiose che interessano soprattutto i neopatentati: quando usare la frizione? Se con la pratica diventa un automatismo facile, la difficoltà a capire come usare freno, frizione e acceleratore è almeno pari a quella di riuscire a spiegare come farlo. E come se non bastasse poi ci sono anche i vecchi miti da sfatare: premere prima la frizione e poi il freno oppure premere prima il freno e poi la frizione?”. Sono le domande più curiose che abbiamo ricevuto sul forum di SicurAUTO.it e che abbiamo deciso di raccogliere in un articolo con i consigli più utili su come usare la frizione al meglio.

FRIZIONE AUTO: COME USARLA AL MEGLIO

Prima di capire come usare freno e frizione durante la guida vediamo da vicino gli errori più diffusi tra candidati all’esame della patente o chi inizia a fare pratica con la guida dell’auto. Usare freno frizione e acceleratore in partenza è un insieme di movimenti coordinati che non si può solo applicare in modo freddo come mettere la freccia o tirare il freno a mano. Ecco perché l’errore in assoluto da non fare è guardare i pedali in fase di partenza: è sbagliato, poiché si aspetta quasi sempre che accada qualcosa con gli occhi bassi o lo sguardo davanti ma perso nel vuoto. E’ uno dei consigli più validi che sintetizziamo tra gli interventi di Sir_Neko. Piuttosto, bisogna esercitarsi con molto impegno a capire come alzare la frizione in modo graduale mentre si accelera progressivamente. Come per la retromarcia in salita l’uso dei pedali dovrà tenere conto di:

– Pendenza della strada (all’inizio aiutarsi con il freno a mano);

– Peso dell’auto e presenza di un accompagnatore esperto;

Corretta posizione di guida;

– Scarpe adatte, meglio se comode, non troppo alte e che permettano di alzare la frizione gradualmente.

FRIZIONE E POI FRENO O FRENO E POI FRIZIONE PER FERMARSI?

L’abitudine di premere prima il freno e poi la frizione è un retaggio del passato, quando i freni (per lo più a tamburo) non erano sufficientemente potenti da garantire sempre una frenata pronta a tutte le velocità. Ecco perché si consigliava di sfruttare al massimo il freno motore fino al momento in cui i giri erano troppo bassi e bisognava abbassare la frizione per non spegnere il motore un istante prima di fermarsi. Oggi questa pratica è inutile nella guida in città a bassa velocità e rischierebbe anche di mettere in difficoltà i sistemi antislittamento in casi di frenata di emergenza. Se si preme la frizione dopo aver iniziato a frenare, i sensori dell’ABS leggono una variazione della velocità, ciò che non avviene se la frenata inizia a frizione già abbassata. Questo in caso di strada scivolosa non fa altro che complicare il lavoro del sistema antibloccaggio ruote, anche se il ritardo è impercettibile a velocità urbane.

FRIZIONE E POI FRENO O FRENO E POI FRIZIONE PER RALLENTARE?

Ma come usare la frizione per rallentare o scalare? Quando usare la frizione per rallentare? Assodato che quando si frena bisogna schiacciare la frizione per tenere il motore in folle e acceso anche se la marcia è innestata, consideriamo l’uso della frizione per rallentare (es, auto incolonnate o prima di una svolta). In questo caso l’uso del freno motore diventa molto utile, poiché vi abituerà anche alla guida di auto ibride, che recuperano energia mentre l’auto rallenta. Quindi basterà solo sollevare il piede dell’acceleratore (con piede sinistro a riposo e alla sinistra della frizione, non sopra) e se necessario frenare con il piede destro. Usare la frizione per rallentare diventa necessario solo per scalare una marcia o fermarsi del tutto. In questo modo si ottimizzano i consumi di carburante e ci si abitua a uno stile di guida più parsimonioso e rispettoso dell’ambiente.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Opel Corsa elettrica: caratteristiche e prezzi con e senza incentivi

Divieto di transito

Divieto di transito autoveicoli: segnali e multe

Scuola guida: cosa serve per aprirne una?