Bollo auto 2021 proroga esenzioni

Cashback: bollo, multe e assicurazione sono rimborsabili

Precisazioni del Governo sul Cashback: bollo, multe e assicurazione sono rimborsabili mediante il programma, così come altri servizi legati alla gestione di auto e moto

11 gennaio 2021 - 16:22

Con il cashback di Stato anche bollo, multe e assicurazione auto sono rimborsabili al 10% (fino a un massimo di 15 euro a transazione). Lo hanno confermato fonti del Governo in concomitanza con l’avvio, dal 1°gennaio 2021 e dopo il termine dell’extra cashback di Natale, del primo semestre del programma che consente di ottenere un rimborso per gli acquisti effettuati in Italia a titolo privato con carte e app di pagamento. Unici requisiti richiesti: i pagamenti devono avvenire presso esercizi commerciali fisici, cioè non online, previa iscrizione al programma sull’app Io.

COME OTTENERE IL CASHBACK CON BOLLO, MULTE E ASSICURAZIONE AUTO

Dunque bollo, multe, assicurazione e molte altre spese legate alla gestione di un veicolo, compreso il rifornimento del carburante, sono valide per il cashback. Basta pagarli presso agenzie specializzate, tabaccherie, uffici postali o altri esercizi fisici abilitati al servizio (in pratica tutti quelli muniti di Pos) utilizzando una carta di credito, una carta di debito o un’app di pagamento (come Satispay), precedentemente registrati e attivati su Io, l’app della Pubblica Amministrazione. Il cashback di Stato consente di ottenere un rimborso del 10% su ogni spesa effettuata, con il limite però di 15 euro per ogni transazione (significa che se il bollo auto costa, ad esempio, 300 euro, il rimborso risulta comunque di 15 euro e non di 30). Inoltre è necessario che nel semestre di riferimento vengano fatte almeno 50 transazioni, per un importo massimo restituibile di 150 euro.

ALTRI SERVIZI LEGATI ALLE AUTO CHE CONCORRONO AL CASHBACK

Come già accennato, oltre a bollo, multe e assicurazione ci sono altri servizi legati alla gestione di auto e moto che concorrono ad accumulare i rimborsi per il cashback. Abbiamo detto del rifornimento carburante, ma pensiamo anche alla manutenzione ordinaria e straordinaria della vettura, alla revisione dei veicoli, al cambio dei pneumatici, all’acquisto di ricambi e accessori, ecc. L’importante, ribadiamolo per l’ennesima volta, è che il pagamento avvenga presso esercizi e negozi fisici che dispongono di Pos convenzionati, utilizzando carte o app abilitate (no contanti). Sono totalmente esclusi i pagamenti online, ossia quelli effettuati su internet. Per cui pagando una multa in tabaccheria si ottiene il cashback, ma pagando la stessa multa sul sito del Comune no. E a proposito delle multe stradali, per quelle di importo entro 150 euro il cashback è una manna dal cielo: pagando entro 5 giorni già si otteneva il 30% di sconto, e adesso si può aggiungere un ulteriore 10% (se si soddisfano tutti i requisiti richiesti).

COME FUNZIONA IL CASHBACK DI STATO

Chi ha compiuto 18 anni e risiede in Italia può partecipare al programma Cashback che si articola in quattro periodi, ciascuno indipendente dagli altri. Uno avente funzione sperimentale e già terminato (l’extra cashback di Natale) e gli altri tre che seguono il seguente calendario:

– 1° Semestre dal 1/1/2021 al 30/6/2021
– 2° Semestre dal 1/7/2021 al 31/12/2021
– 3° Semestre dal 1/1/2022 al 30/6/2022.

Per ogni periodo/semestre del programma si può ottenere un rimborso massimo di 150 euro, pari a 300 euro annui. Non c’è un importo minimo di spesa. Ogni acquisto effettuato con carte e app di pagamento registrate ai fini del cashback sull’app Io fa accumulare il 10% dell’importo speso, fino a un massimo di 15 euro per singola transazione. Tuttavia per riscuotere il cashback accumulato occorre che alla fine del periodo il numero minimo di transazioni valide sia pari ad almeno 50.

Oltre al cashback, a partire dal 1° gennaio 2021 i primi 100.000 partecipanti che, nel singolo semestre di riferimento totalizzano il maggior numero di transazioni con carte e app di pagamento registrati ai fini del programma, ricevono un super cashback di 1.500 euro. Anche in questo caso, non c’è un importo minimo di spesa. Per ogni ulteriore informazione, tra cui la procedura per registrarsi sull’app Io e attivare le modalità di pagamento, vi rimandiamo al sito ufficiale.

Commenta per primo

POTRESTI ESSERTI PERSO:

Telepass non funzionante: cosa fare al casello

Test gomme invernali e 4 stagioni 2020 – 2021: 15 pneumatici a confronto

Vendita auto usata online truffe

Le auto usate più longeve per Marca e Modello: la Top 10